PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Giovanni 14,21-26

Paolo De Martino  

Lunedì della V settimana di Pasqua (11/05/2020)

Vangelo: Gv 14,21-26 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Perché ti sei rivelato a noi e non al mondo?
Anch'io mi pongo questo quesito, spesso.
Me lo chiedo quando incontro persone trasparenti, grandi uomini assetati di fede, pieni di autenticità e di bene e che non riescono ad abbandonarsi alle mani di Dio e si dicono non credenti.
Me lo chiedo quando vedo persone crocefisse al dolore senza la speranza della resurrezione.
Me lo chiedo quando vedo i buoni travolti dalla malvagità degli uomini disperarsi perché nel loro orizzonte manca lo sguardo sereno di Dio benedetto.
Me lo chiedo, certo, e non so darmi risposta.
Gesù, però, sa come rispondere a Giuda.
Gli apostoli hanno potuto conoscere il Padre perché hanno amato il Figlio e si sono lasciati abitare dalla Parola.
Sì, se abbiamo avuto la gioia immensa di essere abitati dalla tenerezza di Dio, è proprio perché siamo stati capaci di amare.
Ho solo un consiglio da dare a chi vuole credere e non ci riesce: ama.
Tutti possiamo amare.
È la cosa più spontanea che portiamo nel cuore e l'amore e l'accoglienza della Parola ci conducono verso Dio.
Se il Signore si è rivelato a noi, colmando il nostro cuore di consolazione e di desiderio, è perché, amandolo e amando i fratelli, possiamo indicare loro lo stesso sguardo, lo stesso sorriso.
Siamo portatori di Dio amici...

 

Ricerca avanzata  (47415 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: