PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Giovanni 3,22-30

mons. Vincenzo Paglia  

12 Gennaio (12/01/2007)

Vangelo: Gv 3,22-30 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Gv 3,22-30

22Dopo queste cose, Gesù andò con i suoi discepoli nella regione della Giudea, e là si tratteneva con loro e battezzava. 23Anche Giovanni battezzava a Ennòn, vicino a Salìm, perché là c’era molta acqua; e la gente andava a farsi battezzare. 24Giovanni, infatti, non era ancora stato gettato in prigione.

25Nacque allora una discussione tra i discepoli di Giovanni e un Giudeo riguardo alla purificazione rituale. 26Andarono da Giovanni e gli dissero: «Rabbì, colui che era con te dall’altra parte del Giordano e al quale hai dato testimonianza, ecco, sta battezzando e tutti accorrono a lui». 27Giovanni rispose: «Nessuno può prendersi qualcosa se non gli è stata data dal cielo. 28Voi stessi mi siete testimoni che io ho detto: “Non sono io il Cristo”, ma: “Sono stato mandato avanti a lui”. 29Lo sposo è colui al quale appartiene la sposa; ma l’amico dello sposo, che è presente e l’ascolta, esulta di gioia alla voce dello sposo. Ora questa mia gioia è piena. 30Lui deve crescere; io, invece, diminuire».

Il Vangelo di Giovanni ci presenta il Battista e Gesù che agiscono simultaneamente per qualche tempo per sottolineare la diversità tra i due. Non si tratta ovviamente solo della diversità geografica (Gesù battezzava in Giudea, nel basso Giordano, mentre il Battista a Salim, verso il Nord) quanto della maggiore attrattiva che aveva la predicazione del giovane profeta di Nazareth. Ma Giovanni Battista chiarisce, ancora una volta, che tutto ciò viene dal cielo. Gesù infatti è l'inviato di Dio, ribadisce Giovanni ai suoi discepoli e alla folla che era accorsa da lui. Ed è Lui pertanto che dobbiamo accogliere e seguire. Per far comprendere la sua missione il Battista richiama il paragone delle nozze: lui è venuto per preparare le nozze, per richiamare l'attenzione della sposa, ossia del popolo d'Israele, ad accogliere lo sposo che sta per venire e vivere quindi la festa nuziale. Non è perciò verso di lui (il Battista) che essi debbono andare ma verso lo sposo, Gesù di Nazareth. Questa testimonianza del Battista richiama il compito di ogni predicatore: preparare il cuore di chi ascolta ad accogliere il Signore. Ma è anche il compito di ogni credente: aiutare gli altri ad accogliere nel proprio cuore Gesù. È il senso della splendida affermazione di Giovanni: "Egli deve crescere e io invece diminuire". Quante volte siamo preda del nostro protagonismo, del nostro voler apparire, del nostro stare sulla scena. Ciascuno di noi deve diluire nel proprio orgoglio perché cresca in noi e negli altri l'amore per Gesù. Ancora una volta il Battisti ci sta davanti e ci insegna come essere discepoli.

 

Ricerca avanzata  (42334 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: