PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Is 62,1-5; Sal 88; At 13,16-17.22-25; Mt 1,1-25

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)  

Natale del Signore - Messa della Notte (25/12/2023)

Vangelo: Is 62,1-5; Sal 88; At 13,16-17.22-25; Mt 1,1-25 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 2,1-14

1In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. 2Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. 3Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. 4Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. 5Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. 6Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

8C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. 9Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, 10ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: 11oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. 12Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». 13E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:

14«Gloria a Dio nel più alto dei cieli

e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

Hoc tibi signum est: invenies puerum pannis involutum, iacentem in praesepio

E questo è per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce e adagiato in una mangiatoia.

Ecco il vero interrogativo che dobbiamo avere come cristiani: per che cosa e per chi vale la pena festeggiare questo “Natale”, che non sia un giorno, non sia solo il 25 dicembre, che non siano pochi giorni dal Natale all'Epifania, ma che sia ogni giorno, fino alla Resurrezione eterna?
Qualche giorno fa avevo già preparato, come tutti gli anni, il commento al Natale, non so se troppo teologico-tradizionale, ma, dopo un ragionamento di mia moglie, l'ho messo da parte per rivederlo, tutto alla luce più concreta della famiglia, del sociale, della relazione meditativa che sa metterti in crisi.
Prima di tutto, nella vita, noi abbiamo bisogno continuo di “segni” di rassicurazione, come il popolo ebraico che continuerà a chiedere “segni” per sentirsi rassicurato dal suo Dio, ma non sappiamo coglierli perché non sappiamo farli nostri, come singoli né come collettivi: “è per voi il segno”.
E qui veniamo al “per chi”. Vogliamo avere segni forti e, come riporta il vangelo lucano, “un bambino avvolto in fasce e adagiato in una mangiatoia”, di certo un bambino e una madre, sottoposti ad un parto ad alto rischio per le condizioni ambientali-igieniche, di certo non è “un segno forte” per tutti.
Un po' quello che è successo nella mia famiglia; anni '50, da poco in una nuova città, appartamento scadente, una donna-madre in preda ai dolori per il parto allo scadere delle ventitré, nella notte del 1 gennaio..., ma “venni alla VITA”, grazie al nonno pseudo-ostetrico, che i miei primi vagiti furono il “gloria” della mia vita, quasi ora 68enne.
Anche oggi succede in tante parti del mondo, si avverano le stesse condizioni grazie a quel “segno potente” che è voler dare la VITA, e essere “testimone” del dolore per sentire la gioia di due cuori, in un battito unisono più forte della guerra e della povertà, ma anche dell'opulenza e falsa gioia.
E adesso, fra poco, è NATALE.
Sarebbe bello che per Natale ci si dimenticasse del Natale dei “regali” utili ed inutili, dei pranzi e delle cene, delle luci e delle musiche “tradizionali”, della “allegria” stampata sulla faccia per l'occasione, ma ognuno di noi guardasse negli occhi con vera e sincera gioia nel cuore ogni prossimo in cui si rivela, e rivelerà, il “bambino” che ci dona il Natale dell'Amore ogni giorno.
Gloria in excelsis Deo et pax in terra hominibus quos diligit.”

DOMANDA
Come singolo, come coppia, come famiglia, come comunità, riusciamo a far entrare Cristo nella nostra vita, non un giorno, ma tutti i giorni, per non perdere nulla, assolutamente nulla, di ciò che rende la vita libera, bella, significativa di viverla con il prossimo?

Claudio Righi

 

Ricerca avanzata  (54245 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: