PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO La paura e la fuga dei discepoli e delle donne non frenano il progetto d'amore di Dio Padre

Michele Antonio Corona

Michele Antonio Corona è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

Domenica di Pasqua - Risurrezione del Signore (Anno B) (04/04/2021)

Vangelo: Gv 20,1-9 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Gv 20,1-9

1Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. 2Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!». 3Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. 4Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. 5Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò. 6Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, 7e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte. 8Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. 9Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

Coloro che sono rimasti a fianco di Gesù non sono testimoni credibili, ma credenti. Non possono mostrare meriti o capacità, ma fondare la propria fede sull'amore del Signore per loro e per la moltitudine.

Il sepolcro è aperto. I segni della morte sono assenti, mentre un giovane seduto e rivestito di bianco annuncia: il crocifisso è risorto. Niente è come prima e niente può essere uguale a se stesso. Ciò che era morto rivive; ciò che era chiuso è aperto; chi taceva ora può annunciare. Il senso della Pasqua cristiana è racchiuso nel segno della pietra rotolata.
La storia di Gesù, terminata nella cifra del limite, del fallimento, della sconfitta, rivela interamente il suo significato non nell'eliminazione della pietra, non nella cancellazione del sepolcro, non nel nascondere la morte, ma nella sua soluzione avendola vissuta pienamente. La risurrezione pretende il passaggio attraverso la morte; l'annuncio esige la severità del silenzio; la contemplazione produce meraviglia. Eppure, lo stupore che può portare alla lode, all'apertura, nelle donne genera paura.

Il vangelo liturgico taglia il versetto 8, in cui si narra dello sgomento delle donne e della loro fuga. Già i discepoli erano scappati al Getsemani, mentre le donne avevano seguito Gesù e lo avevano accompagnato fino al sepolcro. L'abbandono e la fuga sono stati il segno distintivo dei discepoli; ora sono le donne a fuggire per paura. Un sepolcro occupato da un cadavere è cosa normale, scontata, comprensibile. Invece un giovane vivo e splendente che vi siede dentro e che annuncia l'esatto opposto della morte mette paura e sconvolge. Il verbo greco utilizzato è lo stesso che Marco attribuì a Gesù nell'orto degli ulivi: sentire paura. Il Dio della vita non poteva stare dentro un sepolcro, né lasciarsi rinchiudere da una pietra.
Giuseppe, col coraggio di chi attende il Regno di Dio e ne intravede i segni, ha chiesto il corpo di Gesù e lo ha posto in un sepolcro scavato nella roccia. Lui che aveva rotolato la pietra per chiudere il sepolcro non è presente il mattino dopo il sabato per rotolarla via. Le donne sono preoccupate per questo e, invece, tutto è già risolto.

Come recita il salmo del grande alleluia: la destra del Signore si è alzata, la destra del Signore ha fatto prodezze. Il grande annuncio di Pasqua si trasmette dal ragazzo alle donne e da Maria Maddalena ai suoi seguaci. Una catena di gioia, che non manca di una sfumatura di paura, di tremore, di inadeguatezza, di disorientamento.
Nell'epistola della veglia, quasi a conclusione della grande storia della salvezza celebrata dalle Scritture, Paolo afferma la grande certezza della fede: Cristo, risorto dai morti non muore più; la morte non ha più potere su di lui. In lui siamo morti, sepolti e risorti. Non è una verità che sta lontana da noi, che ci sorpassa, che ci sfiora, ma ci coinvolge, ci riguarda, ci ha innestato nel germoglio vivo dell'albero della vita. Ciò che Adamo provò a rubare, a noi è donato. Ciò che ad Abramo fu risparmiato sul Moria, noi lo contempliamo sul Golgota. Ciò che i profeti non poterono neppure sperare, noi lo abbiamo visto, udito e accolto. Il Figlio ci ha salvati per mezzo del dono unico e irripetibile dell'amore.

Quale Dio poteva amare così tanto da mandare e donare il suo Figlio? Possiamo rispondere con certezza: il Padre di Gesù Cristo e nostro!

 

Ricerca avanzata  (49613 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: