PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Noi siamo i pescatori, Gesù è l'amo-re

don Domenico Bruno  

III Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (24/01/2021)

Vangelo: Mc 1,14-20 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mc 1,14-20

14Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, 15e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

16Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. 17Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». 18E subito lasciarono le reti e lo seguirono. 19Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. 20E subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedeo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.

Anche oggi ascoltiamo il vangelo di Marco, detto “il vangelo del discepolo” perché conduce i discepoli a una graduale rivelazione di Gesù.

In effetti, Gesù oggi dice «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini» (Mc 1,14-20). Diventare pescatori significa aiutare le persone a radunarsi, come la rete che prende i pesci e quando viene tirata su i pesci si stringono tra loro.

Diventare pescatori di uomini non significa avvicinare a Dio tutte le persone. Non sarebbe una fede frutto di conversione libera, ma proselitismo frutto di un indottrinamento forzato. È vero che bisogna andare a recuperare la pecorella smarrita, ma se la pecorella non vuol tornare è libera di farlo.

La prima lettura (Gio 3,1-5.10) ci insegna una cosa importante: Giona riceve il compito dal Signore di profetizzare una sventura, cioè la distruzione di Ninive. Il rischio che fosse messo a morte per queste parole era alto, il rischio che molti prendessero quella parola come una punizione di Dio dal quale era meglio allontanarsi era grande. Ma Giona ha preferito dire la Verità, ha preferito rispettare il mandato di Dio, non una verità addolcita solo per farsi accettare.

A volte nelle difficoltà ci si raccoglie insieme, e Dio manda sempre qualcuno che prenda quel raccolto e gli renda presente il divino.

Gesù passa nelle azioni quotidiane della nostra vita, cerca di farsi sentire. A volte siamo distratti. A volte, però, qualcuno fa come i discepoli che lasciano subito le reti, le abbandonano. Neanche le recuperano per andare da Gesù. Sono “rapiti” dal suo amore. Nella Bibbia le azioni dicono il cuore che ci si mette nel fare/non fare qualcosa.

I pescatori di uomini siamo noi, e lui è l'amo-re attorno al quale non tutti sceglieranno di stringersi in modo autentico, ma molti potranno riempire le proprie reti, riempiere la propria vita.

- Tu, di cosa riempi la tua vita?

Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti

Resta aggiornato col sito: annunciatedaitetti.it

Iscriviti anche al canale YouTube

 

Ricerca avanzata  (49600 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: