PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Ancora un invito a guardare avanti

mons. Roberto Brunelli

mons. Roberto Brunelli è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

XXXIV Domenica del Tempo Ordinario (Anno A) - Cristo Re (22/11/2020)

Vangelo: Mt 25,31-46 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mt 25,31-46

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 31Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. 32Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, 33e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra. 34Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, 35perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, 36nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi”. 37Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? 38Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? 39Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. 40E il re risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”. 41Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, 42perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, 43ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”. 44Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?”. 45Allora egli risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”. 46E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna».

L'ultima domenica dell'anno liturgico, che celebra Cristo Re, al pari delle due precedenti suona come un invito a guardare agli ultimi tempi della nostra vita terrena.

La prima lettura (Ezechiele 34,11-17) si apre e si chiude con queste frasi: "Ecco, io stesso cercherò le mie pecore e le passerò in rassegna (...) Così dice il Signore Dio: Ecco, io giudicherò fra pecora e pecora, fra montoni e capri". Nell'Antico Testamento ricorre spesso l'immagine di Dio come pastore del suo gregge, il popolo d'Israele: un pastore sollecito, che guida ai buoni pascoli, ma anche rigoroso, che vaglia chi dalla sua guida si allontana.

Venuto Gesù, egli ha rivelato di essere Dio, anche riferendo quel simbolo a se stesso. Più volte infatti ha detto: "Io sono il buon Pastore", tanto buono da dare la vita per il suo gregge. E, come il divino Pastore delineato dall'antico profeta, neppure Gesù resta indifferente rispetto a chi si allontana da lui. Anch'egli vaglia e giudica; non obbliga nessuno a seguirlo: prende atto che c'è chi lo segue, e chi si rifiuta di farlo, andandosene dove gli pare, pur se avvisato che lontano da lui troverà solo deserto.

Il giudizio avviene, si sa, singolarmente, al passaggio di ciascuno da questa all'altra vita. Il vangelo di oggi (Matteo 25,31-46) lo riassume, per così dire, in un unico momento collettivo: "Quando il Figlio dell'uomo verrà nella sua gloria, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra. Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo". La scena è grandiosa: il Figlio dell'uomo (così lo stesso Gesù designava se stesso) è il re, assiso sul trono glorioso, e ha davanti a sé l'incalcolabile numero degli uomini transitati per questo mondo, vagliati ad uno ad uno per riconoscere quali meritino il passaporto per il regno preparato per loro.

Chi lo meriti, è detto subito dopo: "Venite... perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi. Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me". Contrapposti, gli altri, quelli alla sua sinistra, ai quali dirà: "Via, lontano da me... perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere" eccetera: "Tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l'avete fatto a me".

Queste parole trovano conferma in quelle rivolte anni dopo a un fanatico sulla via di Damasco: "Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?" Saulo, poi divenuto l'apostolo Paolo, andava a caccia di cristiani da incarcerare; non cercava Gesù, ma proprio Gesù gli annunciò di considerare fatto a sé quello che si fa ai suoi amici. In negativo, ma anche in positivo, come manifestano le parole del vangelo, che elencano esempi di quanto si può fare per i "fratelli più piccoli", vale a dire per chi è in necessità. Quelli elencati sono soltanto esempi: il bene possibile presenta una casistica infinita, determinata di volta in volta dalle necessità di chi si incontra e dalle possibilità di alleviarle. In sintesi, quello che conta - e su cui saremo giudicati - è l'amore, sull'esempio del divino Maestro che per amore è giunto a dare la vita.

La festa di oggi invita a guardare al futuro, per contemplare la scena grandiosa del Re in tutta la sua gloria, con l'intera umanità davanti a lui, convocata a manifestare chi avrà dimostrato di aver voluto essergli amico, amando quelli che egli ama. Guardare al futuro, per regolarsi adesso in modo da trovarsi, quando sarà il momento, dalla parte giusta.

 

Ricerca avanzata  (47774 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: