PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Vinciamo le tentazioni obbedendo a Dio

don Lucio D'Abbraccio  

I Domenica di Quaresima (Anno A) (01/03/2020)

Vangelo: Mt 4,1-11 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mt 4,1-11

In quel tempo, 1Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. 2Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. 3Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». 4Ma egli rispose: «Sta scritto:

Non di solo pane vivrà l’uomo,

ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio».

5Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio 6e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti:

Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo

ed essi ti porteranno sulle loro mani

perché il tuo piede non inciampi in una pietra».

7Gesù gli rispose: «Sta scritto anche:

Non metterai alla prova il Signore Dio tuo».

8Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria 9e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». 10Allora Gesù gli rispose: «Vattene, Satana! Sta scritto infatti:

Il Signore, Dio tuo, adorerai:

a lui solo renderai culto».

11Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco, degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano.

In questa prima domenica di Quaresima la liturgia della Parola ci ha fatto leggere il racconto delle tentazioni di Gesù. Sì! Gesù viene tentato. La tentazione è una prova e fa parte della vita; è conseguenza della nostra libertà. Vivere, infatti, significa prendere decisioni: è così per tutti, anche per Gesù. In questa esigenza di prendere decisioni si inserisce la tentazione del demonio.

Prima tentazione: il demonio propone di cambiare le pietre in pani: «Se tu sei il Figlio di Dio, di' che queste pietre diventino pane». Perché questa richiesta? Perché il demonio parte dal presupposto che una volta assicurato il pane, tutto è assicurato. Esattamente come pensa tanta gente! È la mentalità materialista secondo la quale, se ci si riempie lo stomaco, “tutto l'uomo” è sazio. Questa mentalità, purtroppo diffusa, è la visione di vita attorno alla quale si muove la nostra moderna società.

Però Cristo, annota l'evangelista, risponde al Tentatore con queste parole: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l'uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”».

Con questa risposta Gesù ci ha ricordato che lo scopo della vita non possono essere i soldi e non può essere il benessere; ci ha ricordato che i figli non si educano moltiplicando le soddisfazioni e i divertimenti. È stolto, allora, chi riempie i figli di cose e non di valori: a lungo andare questa strada produrrà ribellione e crudeltà. Gesù, inoltre, ci ha ricordato che saremo eternamente stanchi, eternamente scontenti e agitati fino a quando non avremo trovato Lui. Quando manca la gioia, dipende solo dal fatto che abbiamo scacciato Dio. Scrive sant'Agostino: «Ci hai fatti per Te e inquieto è il nostro cuore finché non riposa in te» (Le Confessioni, I,1,1).

Guardandoci attorno, però, non possiamo non riconoscere che il demonio ci ha condotto oggi in un materialismo che ci allontana sempre più da Dio. È urgente, dunque, domandarci: «chi siamo e dove stiamo andando?». Per rispondere a queste domande lasciamoci guidare dalla Parola di Dio che è «viva ed efficace» (cf Eb 4, 12): solo attraverso di essa vi è salvezza!

Seconda tentazione: «Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: “Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti: Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”».

Questa è la tentazione della fretta, dell'impazienza che ama risultati immediati; è la tentazione di chi vorrebbe risolvere i problemi senza sacrifici e il mondo senza fatica. La fretta, certamente, non è la strada del bene. La fretta è una tentazione anche per noi: noi vorremmo che il mondo cambiasse in pochi giorni; che il nostro lavoro avesse risultati subito; che i nostri sacrifici producessero frutti immediati. Invece no: bisogna attendere! E l'attesa richiede pazienza, la pazienza richiede sacrificio, il sacrificio richiede fede. Questa è la strada di Dio: la strada del piccolo seme di cui parla Gesù: «Il regno dei cieli è simile a un granello di senape [...] Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell'orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami» (cf Mt 13, 31-32)».

Terza tentazione. È la proposta del potere come primo valore della vita: un valore messo anche prima di Dio! È una tentazione assurda, ma l'orgoglio umano si muove spesso nell'assurdo. Questa tentazione è l'ultimo tentativo del demonio, è l'arma più sottile che egli possiede.

Non meraviglia, dunque, la proposta che il demonio fa a Gesù: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». La risposta di Gesù non si fa attendere. Matteo, infatti, scrive che Gesù risponde dicendo: «Vattene, Satana! Sta scritto infatti: Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto».

Per il potere, il successo, siamo disposti a sacrificare anche la gioia, gli affetti più cari. Quanti sacrifici si è disposti a fare pur di ottenere ciò che vogliamo! Però tutto ciò che riusciamo a conquistare in questo mondo, non deve farci allontanare da Dio, perché Lui solo è la nostra vera gioia e a Lui solo dobbiamo rendere culto e adorarlo. Nell'ultima cena Gesù si inginocchia davanti ai suoi dodici apostoli, per lavare loro i piedi. Con questo gesto Cristo Signore vuole ricordare a tutti noi che la vera grandezza, davanti a Dio, si misura soltanto in termini di amore e di servizio.

Adamo, tentato, è caduto (I Lettura); Cristo, invece, ha lottato e ha vinto perché si è sottomesso alla Parola di Dio, ha obbedito al Padre suo «facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce» (cf Fil 2, 8). Adamo ha steso il braccio per peccare; Cristo, invece, al termine della sua esistenza terrena, ha steso le sue braccia sulla croce per salvare tutti noi e «Per questo Dio lo esaltò e gli donò il nome che è al di sopra di ogni nome, perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra, e ogni lingua proclami: “Gesù Cristo è Signore!, a gloria di Dio Padre”» (cf Fil 2, 9-11).

Concludo con le parole del santo vescovo Agostino: «La nostra vita in questo pellegrinaggio non può essere esente da prove e il nostro progresso si compie attraverso la tentazione. Nessuno può conoscere se stesso, se non è tentato, né può essere coronato senza aver vinto, né può vincere senza combattere».

Che il Signore alimenti in noi la fede, accresca la speranza, e ci insegni ad aver fame di Cristo, pane vivo e vero, e a nutrirci di ogni parola che esce dalla sua bocca.

 

Ricerca avanzata  (45794 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: