PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Donarsi a Dio è il dono

don Domenico Bruno  

Epifania del Signore (06/01/2020)

Vangelo: Mt 2,1-12 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mt 2,1-12

1Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme 2e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». 3All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. 4Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. 5Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta:

6E tu, Betlemme, terra di Giuda,

non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda:

da te infatti uscirà un capo

che sarà il pastore del mio popolo, Israele».

7Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella 8e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo».

9Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. 10Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. 11Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. 12Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

Dopo aver percorso tanta strada e senza altro riferimento che una stella, finalmente i Magi arrivano nella grotta dove la luce della stella che seguivano diventa tutt'uno con la luce di quel bambino che giace tra le morbide braccia della mamma (cf Mt 2,1-12)

Dopo tanto viaggio quei personaggi che rappresentano il mondo intero arrivano e portano dei doni, ciascuno prefigurante la vita futura di quel bambino, perché di quel bambino ne ha parlato tutta la creazione: dalle stelle agli abissi marini.

I Magi arrivano convinti di trovare un luogo lussuoso e portano doni lussuosi, ma si rendono ben presto conto che la situazione è ben diversa. Ma non vanno via credendo di aver sbagliato, ma si fidano. È lui! Lo ha detto quella luce che hanno seguito con fede, anche quando sembrava tutto un inganno, un errore, una perdita di tempo.

Restano li e adorano quel fanciullo perché si rendono conto che i loro doni non bastano a pareggiare la preziosità di quel dono mandato dal cielo. Adorano (dal latino ad os, portano alla bocca, baciano) quella presenza di minuscola entità, proprio come si usava fare in segno di grande rispetto per le persone o le cose importanti.

I Magi si rendono conto che il vero dono non è quello fatto da loro, ma quello fatto dal Dio: il suo figlio amato mandato a noi per insegnarci la strada per il cielo. E di strada i Magi ne sanno tanto... loro hanno scelto di seguire il Signore e dopo tanto camminare si sono resi conto che ne è valsa la pena.

Gesù non vuole doni, il più grande dono per lui siamo noi che ci dedichiamo a lui e ci impegniamo a renderlo felice e lo aiuiamo a rendere felici anche i nostri vicini.

Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti
Visita il sito annunciatedaitetti.it

Dai uno sguardo anche al canale YouTube

 

Ricerca avanzata  (48493 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: