PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Is 60,1-6; Sal 71; Ef 3,2-3.5-6; Mt 2,1-12

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)  

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie) è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

Epifania del Signore (06/01/2020)

Vangelo: Is 60,1-6; Sal 71; Ef 3,2-3.5-6; Mt 2,1-12 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mt 2,1-12

1Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme 2e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». 3All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. 4Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. 5Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta:

6E tu, Betlemme, terra di Giuda,

non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda:

da te infatti uscirà un capo

che sarà il pastore del mio popolo, Israele».

7Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella 8e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo».

9Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. 10Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. 11Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. 12Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

L'Epifania e la festa della manifestazione di Dio all'umanità. La si può considerare come l'ecumenismo del nostro Dio ossia Dio è il Dio di tutti, che si manifesta a tutti a tutti lascia la libertà di accettarlo o rifiutarlo. La sua stella sorge per tutti, come anche la Buona Novella è annunciata a tutti. La liturgia odierna esprime bene anche il profondo desiderio della Chiesa-Sposa che, i popoli tutti vadano incontro al Re-Sposo-luce, da lui si lascino illuminare uscendo così dalle tenebre dell'errore, spinti da un non ben definita nostalgia di Dio. Nella note di Natale, il Figlio di Dio, il Bambinesco avvolto i fasce, si è manifestato ai pastori, uomini di Israele poveri e disprezzati. Oggi si manifesta ai Magi, sapienti orientali e certamente non nullatenenti, che aspettavano mondo diverso, ma che, come i pastori, avevano gli occhi rivolto verso il cielo. Il Signore sembra volerci dire che, per incontrare Gesù, il Figlio di Dio, è necessario, come suggerisce il Vangelo, alzare gli occhi al cielo.

Nella prima lettura, dell'ufficio della parola, il profeta Isaia, grida a Gerusalemme, perché sorga dall'umiliazione e tristezza, in cui si trova, giacché è giunto il momento, per lei, di risplendere della luce che il Signore le irradia. Come a suo tempo, in passato, Jahwè, in una nube luminosa si posò sull'arca dell'alleanza, così, ora, si posa su Sion, illuminandola con la sua luce, rendendola gloriosa, affinché tutta la terra diventi piena della gloria di Dio e le tenebre che avvolgono il mondo siano illuminate dalla sua luce.
Gerusalemme è cambiata, dice il profeta, invitandola a contemplare i figli e le figlie che, vengono a lei, in grandissimo numero e in modi diversi da tutte le parti del mondo.

Questo salmo, scritto nel post-esilio, quando la dinastia davidica era tramontata, è un salmo messianico. Il Salmista prega Dio affinché egli dia al popolo un re di giustizia, difensore degli infelici, sia un re di pace, vincitore del male, eterno, benefico, universale, difensore dei poveri e dei miseri. E il suo regno duri “ finché non si spera la luna: eterno.

San Paolo, nella sua lettera alla chiesa di Efeso, insiste nell'affermare che tutti gli uomini sono compartecipi della medesima eredità in Cristo. Il progetto, nascosto nel cuore Dio, da secoli, si manifesta oggi svelandosi: i gentili sono chiamati a partecipare, per mezzo del Vangelo, alla promessa, in quanto anche loro discendano da Abramo, perché hanno fede nello stesso Dio.

Nel brano del Vangelo odierno, Matteo, ci comunica che l'uomo va incontro al Signore perché ha alzato gli occhi al cielo ed ha visto la stella. La stessa stellare spinse i Magi a cercare il Re dei re. Accanto a questa ricerca, amorosa e tenace dei Magi c'è, affiancata, sia l'ostilità- paurosa di Erode, che teme di perdere il trono, sia l'indifferenza disinteressata dei sacerdoti e scribi, i quali, pervia della conoscenza delle scritture, sanno ma sono tracomatosi: mistero di peccato e cecità che fa sentire Dio come ostile.

Revisione di vita
- Siamo anche noi conoscitori dei fatti ma non pareti e proclamatori?
- Figli di Abramo, per fede, crediamo e proclamiamo che il Cristo è venuto solo per noi, oppure che è venuto per tutte le persone di buona volontà?
- Siamo del parere che la nostra artrosi cervicale può guarire solamente guardando in alto la stella del mattino?

Marinella ed Efisio Murgia di Cagliari.

 

Ricerca avanzata  (48493 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: