PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Con Maria, tutto l'anno incontriamo Dio

padre Antonio Rungi

Maria Santissima Madre di Dio (01/01/2020)

Vangelo: Lc 2,16-21 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 2,16-21

In quel tempo, [i pastori] 16andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. 17E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. 18Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. 19Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. 20I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.

21Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Il nuovo anno solare inizia nel nome di Maria Santissima che oggi veneriamo con il titolo di Madre di Dio, una verità di fede che il concilio di Efeso proclamò in modo solenne.

Nel IV secolo il titolo «Madre di Dio» era ampiamente usato ad Alessandria d'Egitto ed era conosciuto in tutto l'Impero romano. Fu proclamato dogma dopo la controversia teologica causata dai nestoriani. Nestorio (381-451), Patriarca di Costantinopoli, aveva affermato infatti che Maria non aveva titolo per essere definita «madre di Dio», ma solo «madre di Gesù». La controversia tra Alessandria ed Antiochia fu risolta in un concilio ecumenico. L'assise si tenne ad Efeso, in Asia Minore, nel 431. Il Concilio di Efeso ribadì il 22 giugno di quell'anno che Maria è Madre di Dio. Secondo il concilio, infatti, Gesù Cristo, pur essendo contemporaneamente Dio e uomo - come già aveva affermato in precedenza il concilio di Nicea -, è un'unica persona: le due nature, divina e umana, sono inseparabili, e perciò Maria può essere legittimamente chiamata "Madre di Dio non certo perché la natura del Verbo o la sua divinità avesse avuto origine dalla santa Vergine, ma, poiché nacque da lei il santo corpo dotato di anima razionale a cui il Verbo è unito sostanzialmente, si dice che il Verbo è nato secondo la carne.» Da parte sua il Catechismo della Chiesa Cattolica ribadisce questa verità di fede al n. 466, condanna “l'eresia nestoriana che vedeva in Cristo una persona umana congiunta alla Persona divina del Figlio di Dio. In contrapposizione ad essa san Cirillo di Alessandria e il terzo Concilio Ecumenico riunito a Efeso nel 431 hanno confessato che «il Verbo, unendo a se stesso ipostaticamente una carne animata da un'anima razionale, [...] si fece uomo». L'umanità di Cristo non ha altro soggetto che la Persona divina del Figlio di Dio, che l'ha assunta e fatta sua al momento del suo concepimento.

Questi sono i riferimenti storici e dottrinali per la celebrazione annuale di questo dogma mariano che trova corrispondenza nella liturgia della parola di questa solennità.
Nella tradizione liturgica della Chiesa cattolica, infatti, il primo giorno dell'anno solare (1º gennaio) è tradizionalmente dedicato alla festa di Maria Santissima Madre di Dio, che coincide anche con l'ottavo giorno (la circoncisione) dalla nascita di Gesù.

Il testo del Vangelo di Luca ci porta proprio a questo momento dell'imposizione del nome a Gesù: “Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall'angelo prima che fosse concepito nel grembo”.
Giorno, quindi speciale, per festeggiare i due maggiori artefici del Natale: Gesù Bambino e la Beata Vergine Maria, congiuntamente allo Spirito Santo e a Dio Padre. Anche la missione di San Giuseppe non è meno importante nel piano della salvezza. A pochi giorni dal Natale e dalla festa della Santa Famiglia di Nazaret ritorniamo agli albori del cammino di Cristo nella storia dell'umanità, festeggiando la sua Madre e anche la nostra Madre. Maria è Madre di Dio e quindi anche Madre di tutta l'umanità. Con lei, giustamente, possiamo intessere uno stretto e confidenziale rapporto di Madre-figli che ci aiuta ad incontrare il suo unico Figlio, Gesù Cristo. Con Maria incontriamo sempre di più Dio e lo riscopriamo quale Padre, Salvatore e Redentore. La preghiera iniziale della messa di questo giorno è incentrata proprio nel far risaltare questa maternità di Maria per tutta la Chiesa. Ecco perché il Concilio Vaticano II ha voluto affermare dottrinalmente anche questa nuova verità di fede sulla Madre di Dio, definendola anche Madre della Chiesa: “O Dio, che nella verginità feconda di Maria hai donato agli uomini i beni della salvezza eterna, fa' che sperimentiamo la sua intercessione, poiché per mezzo di lei abbiamo ricevuto l'autore della vita, Cristo tuo Figlio.

Questa dignità e missione di Maria per Cristo e la Chiesa viene ricordata nella seconda lettera di questa celebrazione nel brano della lettera di san Paolo Apostolo ai Galati: “Fratelli, quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l'adozione a figli. E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, il quale grida: Abbà! Padre! Quindi non sei più schiavo, ma figlio e, se figlio, sei anche erede per grazia di Dio”.

Maria è anche Regina della Pace, perché è la Madre del Principe della Pace, Gesù Cristo e per cui questo primo giorno dell'anno è dedicato anche a riflettere e pregare per la pace nel mondo, facendo tesoro di quanto ascoltiamo nella prima lettura di questa solennità, tratta dal Libro dei Numeri, nel quale viene riportato il dialogo tra il Signore e Mosè che lo invita a parlare ad Aronne e ai suoi figli, dicendo queste espressioni di totale gratitudine a Dio: Ti benedica il Signore e ti custodisca. Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia. Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace”.

In questo giorno iniziale del nuovo anno solare ci rivolgiamo alla Madonna con la semplice e nota preghiera dell'Ave e con fede diciamo: Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell'ora della nostra morte. Amen.

 

Ricerca avanzata  (45829 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: