PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Luca 2,1-14

fr. Massimo Rossi  

Natale del Signore - Messa della Notte (24/12/2019)

Vangelo: Lc 2,1-14 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 2,1-14

1In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. 2Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. 3Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. 4Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. 5Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. 6Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

8C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. 9Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, 10ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: 11oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. 12Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». 13E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:

14«Gloria a Dio nel più alto dei cieli

e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

Come può un bambino che nasce lontano dal frastuono della città, ma anche lontano dal calore di una casa, porre fine a tutti i conflitti? La risposta ce la dà il profeta Isaia: “È il principe della pace!”. Questo farà lo zelo del Signore degli eserciti, annuncia sempre Isaia.

Strano, un Signore degli eserciti che vuole farla finita con tutte le guerre! e questo intende realizzare nel segno di un neonato.

Per capirci qualcosa di più, è necessario sapere cosa stava accadendo quando Isaia scrisse questa profezia: 732 a.C., gli Israeliti sono condotti in schiavitù a Babilonia. La sciagura che si abbatte nuovamente sugli Ebrei è l'ultimo atto di una serie di errori commessi dal governo di Gerusalemme, che mise in atto una politica di alleanze ora con l'una, ora con l'altra superpotenza straniera, provocando l'invasione finale del re degli Assiri, conquistatore di Babilonia e responsabile della deportazione di parecchi popoli, tra i quali, appunto, Israele. Una storia complicatissima!

In questa “Santa Notte” è importante notare l'atteggiamento di Dio nei confronti del suo popolo, un popolo ribelle, dal cuore indurito, un popolo ostinato nel voler percorrere strade che non portavano, non portano e non poteranno mai a Dio... Alla fine, un popolo in catene, un popolo che, allontanatosi da Dio, ha perduto tutto: terreno, ricchezze, autonomia,... in una parola, dignità.

Ditemi voi: che cosa avrebbe dovuto fare, Dio, con un figlio così?

Quante storie conosciamo di figli ingrati e sbandati, che rifiutano l'amore dei genitori, e si perdono nei labirinti della droga, della violenza, precipitando in abissi di peccato, dai quali è quasi impossibile uscire con le proprie forze! Per i genitori, le soluzioni sono due: abbandonare quel figlio al proprio destino: “Ora basta! Se l'è voluta!...si arrangi! Chi è causa del suo mal pianga se stesso!...”. Oppure andarlo a cercare, offrendo ancora il loro aiuto. Perché non vogliono perderlo! Perché è loro figlio! E sono disposti a morire, pur di poterlo riavere sano e salvo! (Lc 15).

Ecco, che cosa ha fatto Dio per il suo popolo! Ecco che cosa ha fatto Dio per noi! è venuto a cercarci... come anche nel paradiso terrestre, dopo che Adamo aveva mangiato il frutto proibito...

Concepisce pertanto un piano di salvezza, a modo suo, una salvezza da Dio... non l'ennesima manovra politica, peggio ancora, bellica, arrivata dall'esterno, come fa oggi l'Occidente nei confronti dell'Africa, o del Medio Oriente, che promette benessere, ma intanto impone condizioni e vincoli economici non proprio liberali e liberanti...

Dio preferisce che la salvezza cresca con noi, sia parte di noi, scaturisca dalla realtà nostra, dalla storia nostra... carne della nostra carne... Ecco il senso di questo bambino!

Figlio di Dio, sì, ma anche figlio nostro, che parla la lingua nostra.

Dio ci conosce bene; sa che gli stranieri non ci piacciono... Per questo suscita il Messia di Israele nello stesso Israele, dalla stirpe di Davide, il leggendario conquistatore di Gerusalemme, Jerushalaim, la città della pace. Davide, anche lui, fece molti errori: uomo dalla moralità non certo esemplare, e dalla fedina penale non proprio immacolata...

Ma a Davide si perdona tutto: Davide era giovane, fulvo di capelli e gentile di aspetto... Davide vinse il gigante armato Golia con una fionda e un sasso. Davide riconquistò l'Arca dell'Alleanza di Mosè, rubata dai nemici, e diede al regno una capitale, l'unità religiosa e l'unità politica. Davide preparò il terreno a suo Figlio, Salomone, che avrebbe assicurato la pace per quarant'anni e (avrebbe) edificato il Tempio, orgoglio del popolo e baluardo religioso e politico per i secoli a venire.

Gesù si inserisce in questo filone di liberazione, ma... con ben altro esito! Segno che è possibile anche a noi pensare in modo diverso, rispetto al passato, operare scelte diverse,... E con questi pensieri nuovi, con queste scelte diverse, possiamo tornare a Dio...per amarlo ancora.

Il Dio degli eserciti si converte alla dolcezza e alla mansuetudine di un neonato; non incute più terrore, non gioca più d'inganno. Il nostro Dio soffre la fame e il freddo come molti di noi; accetta qualsiasi dono, perché non ha nulla....il colmo per Dio, non avere nulla! Una fragilità quasi inquietante! tanto fragile da far sorgere il dubbio che sia Lui il Messia, il nostro Dio.

Ed ecco la sfida: convertire la nostra idea di Dio: dal Dio degli eserciti, forte, impassibile, invincibile,... al Dio disarmato, che non scende in battaglia, non costruisce fortezze, né le espugna... il Dio di Betlemme, intirizzito dal freddo, che non può ancora parlare; tempo trent'anni e diventerà il Dio nudo, inchiodato alla croce, che non può più parlare... ma, nella sua debolezza mortale, libererà e salverà tutti: credenti e non credenti.

Almeno questa notte, lasciamo che sia Lui a condurre il gioco, abbassiamo la guardia, e corriamo il rischio di innamorarci senza porre condizioni, per amare Lui e il prossimo, così come Lui ama noi e il prossimo.

Almeno questa notte, mettiamo a tacere la ragion di Stato, i proclami politici, il dissenso ideologico, gli opportunismi di parte,...

Siamo tutti davanti alla mangiatoia, uomini e angeli, pastori e Re, residenti e stranieri, buoni e cattivi... Il Natale è per tutti, per tutti! Perché dovremmo rivendicare il monopolio della gioia?
Nessuna gelosia, dunque!
...Allora... AUGURI A TUTTI!!!

Vuoi ricevere nella tua email i commenti di fr. Massimo Rossi? Semplicissimo!
Clicca su questo indirizzo email per mandare un'email vuota; riceverai un'altra email da Yahoogroups con un link da cliccare per confermare la tua iscrizione:

pn-frmassimo-subscribe@yahoogroups.com

 

Ricerca avanzata  (47407 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: