PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Luca 12,49-53

Gaetano Salvati

XX Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (18/08/2019)

Vangelo: Lc 12,49-53 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 12,49-53

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 49Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! 50Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!

51Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. 52D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; 53si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

La vicenda storica del Figlio di Dio, fatto carne, illumina il nostro cammino cristiano nel mondo. Il Signore è "angosciato" finché non opera la volontà del Padre. Ma, cos'è questa determinazione divina per noi; in che consiste? È il battesimo cui accenna il maestro, cioè l'immersione totale, esclusiva, dell'umanità nel seno della Trinità. Nel sacrificio della croce, ogni uomo è inserito nelle dinamiche del Dio Uno e Trino: diviene figlio, creatura capace (perché immersa in Lui) di rispondere alla Sua chiamata e di pregarlo. Questa sintonia, fra Dio che interpella e l'uomo che, liberamente, corrisponde, genera la Chiesa: comunità radunata per testimoniare a ciascuno l'amore dell'origine, causa e sorgente di tutte le azioni d'amore dell'uomo. Le parole dure del Signore, il fuoco e l'apparente distacco di Gesù dalla pace, vogliono farci riflettere, in questo senso, che Dio scardina ogni nostra concezione che noi possiamo avere di Lui. Il Signore non si lascia imbrigliare da ciò che noi pensiamo di Lui, né si fa condizionare dalle necessità. È il Dio che si muove per la nostra salvezza, a prescindere dai nostri giudizi. Ma il Signore della storia non vuole cristiani schiavi. L'autore della Lettera agli Ebrei afferma che è necessario porre lo sguardo su Gesù, la vera pace, concreta ed incarnata in tutte le situazioni di sofferenza, quella che dona la speranza ai bisognosi. Gesù, quindi, è il maestro di pace, l'assoluta certezza di un oggi trasformato dalla Sua presenza. In Lui, la Chiesa è in pace e dona la pace, abitata dalla Trinità. Amen

Clicca per vedere i libri di Gaetano Salvati

 

Ricerca avanzata  (43670 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: