PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Lc 10,1-9

Casa di Preghiera San Biagio FMA  

Casa di Preghiera San Biagio FMA è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

Santi Timoteo e Tito (26/01/2019)

Vangelo: Lc 10,1-9 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 10,1-9

1Dopo questi fatti il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. 2Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! 3Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; 4non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. 5In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. 6Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. 7Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. 8Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, 9guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”.

«Il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: "Pace a questa casa!". Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all'altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: "È vicino a voi il regno di Dio"».
Lc 10,1-9

Come vivere questa Parola?
Sentirsi una sparuta minoranza, incapaci di portare a termine il lavoro con le nostre sole forze: è la prima esperienza che il Signore ci fa fare, quando ci invia. Non ci blandisce solleticando la nostra vanagloria e non ci illude con promesse da marinaio, promettendoci comodità di vita e successi immediati: piuttosto ci invita a pregare. Solo con Lui possiamo condurre a termine l'immane lavoro. Per noi abituati ormai ad inserire tutto in organigrammi ben strutturati, a perseguire efficientismo a mezzo di tecniche raffinatissime, per noi che scandiamo la nostra giornata distillando il tempo con criteri di massimo profitto, l'arrendevolezza richiesta da Gesù è una scandalosa prova di sobrietà e di spoliazione: niente borsa, sacca, sandali, saluti... Sobri, semplici, essenziali ed genuini come agnelli, ignari in mezzo a un mondo di lupi rapaci guidati dall'istinto. Così, piccoli piccoli ma liberi, alzando gli occhi potremo contemplare il biondeggiare di quella messe, matura per poter unire in una medesima gioia chi semina e chi miete (Gv 4,35-38).

Mi capita forse di sentirmi schiacciato dal peso di una vita cristiana in cui non vedo i frutti del mio lavoro: sono tentato di lasciar perdere, di chiedere un avvicendamento al mio superiore, di mettere in discussione gli impegni presi... Ricordo allora questa parola, la pace che sono chiamato a proclamare anche solo con la mia presenza, con il mio semplice stare, con la fedeltà a Dio e non agli uomini: è l'esperienza della povertà, che mi fa fare il salto di qualità.

La voce di un Pastore
“La pace va osata sulla parola di Cristo, non calcolata nei lambiccati dosaggi dei nostri equilibri”.
Don Tonino Bello
Don Enrico Emili - enricoemili@tiscali.it

 

Ricerca avanzata  (49303 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: