PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Gv 1,10-12

Casa di Preghiera San Biagio FMA  

31 Dicembre - VII giorno fra l'Ottava di Natale (31/12/2018)

Vangelo: Gv 1,1-18 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

“Egli era nel mondo, e il mondo fu fatto per mezzo di lui, eppure il mondo non lo riconobbe. Venne fra la sua gente, ma i suoi non l'hanno accolto. A quanti però l'hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome.”
Gv 1,10-12

Come vivere questa Parola?
È una pericope del Vangelo si San Giovanni Apostolo e ne cogliamo subito l'eccezionale forza espressiva.
Per ben tre volte il vocabolo “mondo” è ripetuto in due righe soltanto. Così l'autore ci rende avvisati della enormità del fatto avvenuto proprio quando, al tempo dell'imperatore Augusto, il mondo veniva conosciuto dominato e unificato dalla potenza romana.
Ecco, in questa pienezza del tempo, il Verbo di Dio altissimo, colui che creo la bellissima casa dell'uomo (questo nostro mondo) venne a farsi uomo.
In mezzo a quegli uomini che erano (anzi sono) suoi, perché da Lui chiamati ad avere per loro dimora il meraviglioso creato, il Signore, pur mantenendo la natura divina, assunse anche la nostra natura: quella umana.
È avvenuto dunque qualcosa di grande, di meraviglioso, di nobilitante l'uomo pero, molti, proprio tra gli uomini, non hanno neppure accolto l'Autore del dono. È il massimo dell'ottenebramento mentale e della insipienza del cuore.
Attenzione però! Beati, veramente beati quelli che, nel corso dei secoli, hanno fatto spazio in cuore e nella vita al Verbo di Dio umanato tra le nostre tenebre: Cristo Gesù.
Quel che di splendido, di prezioso è avvenuto sta qui: io sono - diciamo pure noi siamo - divenuti Figli di Dio. Lui lo è per natura, noi per grazia: una grazia ottenuta a “prezzo altissimo” da Lui che ci fa assurgere a una dignità senza pari.

Fa', o Signore, che mi ricordi sempre. Fa' che io viva questa mia dignità rispettandola anche nella mia convivenza con tutti gli altri uomini.
Non per nulla Papa Paolo VI proclamò: “ogni uomo è mio fratello.”

La voce di una beata
“Nelle mani di Dio anche le cose più insignificanti possono diventare la nostra cometa.”
Bernadetta Bianchi Porro

Sr Maria Pia Giudici FMA - info@sanbiagio.org

 

Ricerca avanzata  (44972 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: