PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Matteo 2,1-12

Omelie.org (bambini)  

Epifania del Signore (06/01/2019)

Vangelo: Mt 2,1-12 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mt 2,1-12

1Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme 2e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». 3All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. 4Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. 5Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta:

6E tu, Betlemme, terra di Giuda,

non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda:

da te infatti uscirà un capo

che sarà il pastore del mio popolo, Israele».

7Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella 8e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo».

9Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. 10Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. 11Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. 12Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

Oggi è un giorno davvero meraviglioso! Isaia ci parla di gloria, luce e gioia! Il Vangelo ribadisce luce, gioia e gloria! Noi non possiamo rifiutare l'invito di Gesù di oggi a partecipare a questa festa incredibile!

Sicuramente avete ricevuto l'invito per questa festa, altrimenti non sareste qui ora!

Gesù non usa whatsapp per inviare partecipazioni e nemmeno le poste o i corrieri. Eppure noi siamo qui! Come avrà fatto a raggiungerci e invitarci? Lo capiremo; intanto è importante capire se siamo pronti per questa festa.

Prima di tutto dobbiamo sapere che tipo di festa è quella a cui siamo stati invitati, chi partecipa insieme a noi e che cosa si festeggia....

Una cosa è facile intuire dalle parole di Isaia: è una festa in cui c'è tanta luce, tanta gioia e tanta voglia di stare insieme!

Gli invitati a questa festa sono moltissime persone, molte più di quelle che vediamo intorno a noi in questo momento: Gesù ha invitato persone da tutto il mondo! Lui ama fare le cose in grande e soprattutto non fa distinzione di età, sesso, nazionalità. Così dobbiamo renderci conto che con noi oggi festeggiano popoli che abitano in Oriente, altri che abitano molto più a Occidente di noi, persone che vivono al Nord e gente che vive molto a Sud... Che festa grandiosa!

Ecco perché il Vangelo di oggi ci parla dei magi che venivano da lontano... Per indicarci che a questa festa sono invitati tutti, proprio tutti! E se leggiamo bene il racconto di Matteo scopriamo che i magi non erano Re e non erano nemmeno 3! Nelle prime righe Matteo dice che “alcuni magi venivano da Oriente”. Per fortuna che questa festa non è solo per i re, altrimenti noi saremmo già fuori dalla lista! E non è nemmeno per sole tre persone ma per alcune... e alcune non vuol dire tante o poche... Significa sicuramente non tutti... Infatti Erode, ad esempio, non è andato alla festa... E noi conosciamo sicuramente amici che oggi non sono qui con noi e non parteciperanno alla Messa dell'Epifania..... Come sarebbe bello esserci tutti!

Ma che cosa si festeggia? Oppure chi si festeggia? Facciamoci aiutare ancora da Matteo.... e dai Magi! Venendo da lontano e non avendo nemmeno loro un invito scritto preciso, né tantomeno un messaggio su whatsapp, senza indirizzo non sapevano dove andare... Hanno studiato molto questi magi - e questo ci dice quanto la scuola sia importante! - da lontano sono arrivati fino a Gerusalemme... a questo punto hanno avuto bisogno di chiedere aiuto, di cercare informazioni precise... Hanno chiesto alla corte di Erode perché lì pensavano di trovare persone informate su un fatto tanto importante che li riguardava e riguardava tutto il popolo. Ma il Re non ne sapeva nulla e sentire anche solo nominare la nascita di qualcuno tanto importante nel suo regno lo mise in allarme... al suo trono e alle sue ricchezze ci teneva parecchio, non poteva rischiare di farsi soffiare il posto! Gli studiosi alla corte leggendo le scritture scoprirono che l'evento sarebbe stato a Betlemme e così inviarono i magi, chiedendo loro di ritornare e dare informazioni precise su quello che avrebbero scoperto.

I magi partirono e Matteo dice che vedendo la stella che aveva loro indicato il cammino fin dalla partenza precederli “provarono una grande gioia”. Questa luce li condusse fino alla casa dove trovarono Maria, Giuseppe e il bambino Gesù. I magi, con il cuore che scoppiava dalla gioia, si inginocchiarono davanti al piccolo Gesù e porsero i loro doni. Donarono a Gesù dell'oro perché riconobbero in Lui un re; incenso perché avevano capito che Lui veniva da Dio; mirra perché come hanno loro indicato le scritture, questo re incontrerà la morte per il bene del suo popolo. Così abbiamo capito con certezza che il festeggiato è Gesù! E' lui che riceve i regali e le attenzioni di tutti! Noi oggi siamo invitati a festeggiare Gesù, siamo venuti alla sua mensa e qui lo incontreremo davvero! Per avere il cuore che scoppia di gioia come quello dei magi, però, dobbiamo aver desiderato tanto questo momento. Come i magi partecipiamo al catechismo e ascoltiamo la Parola di Dio, magari ogni tanto la leggiamo anche per conto nostro e questo è il nostro studio della Scrittura; come i magi dobbiamo metterci in cammino per arrivare da Gesù, venendo alla Santa Messa, ma anche andando a trovare amici, parenti e chi si sente più solo; come i magi abbiamo bisogno della stella che ci indichi dove andare.... Stelle comete ne passano poche, impossibile pensare che Gesù ci chieda di seguirle per trovarlo! Allora che luce dobbiamo cercare e seguire? Le nostre stelle comete sono le persone e le occasioni che ci fanno amare, che ci danno la possibilità di voler bene a qualcuno. L'amore è la luce che ci conduce da Gesù. Il nostro mondo è più illuminato di quello in cui Gesù è nato per la verità. Ma la Luce di cui si serve Gesù non è quella di lampioni, insegne o lampadine. Quando ci comportiamo da egoisti, non amiamo, o ci allontaniamo da Lui nel nostro cuore scende il buio. Ed è qui che dobbiamo cercare la luce e seguirla!

Dobbiamo impegnarci, chiedere informazioni, guardarci attorno e troveremo sempre qualcuno che ci illumina e qualcuno da amare.

L'ultima cosa che dobbiamo ancora capire è come ha fatto Gesù ad invitarci a questa sua festa oggi. Gli inviti di Gesù sono captati dal nostro cuore. Perché un cuore riceva la posta di Gesù è necessario che sia aperto all'amore. Erode non ha partecipato alla festa perché il suo cuore era chiuso e incapace di amare, soffocato dalla ricchezza, dal potere e dall'egoismo. I magi, al contrario, avevano tanta voglia di conoscere e incontrare Dio, hanno messo da parte le loro comodità e sono partiti per un viaggio lungo e sconosciuto, si sono fidati dei bisogni del loro cuore.

Noi oggi siamo qui perché il nostro cuore è aperto all'amore, possiamo farlo scoppiare di gioia! E questa gioia potrà raggiungere altri cuori e potremo addirittura diventare luce per chi sta cercando Gesù.... E portare alla prossima festa altri nostri amici! Mettiamocela tutta!
Buon incontro con Gesù! Cioè, buona festa dell'Epifania!
Commento a cura di Mara Colombo

 

Ricerca avanzata  (43134 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: