PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO La grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo

Movimento Apostolico - rito romano  

Natale del Signore - Messa del Giorno (25/12/2018)

Vangelo: Gv 1,1-18 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Gv 1,1-18

1In principio era il Verbo,

e il Verbo era presso Dio

e il Verbo era Dio.

2Egli era, in principio, presso Dio:

3tutto è stato fatto per mezzo di lui

e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.

4In lui era la vita

e la vita era la luce degli uomini;

5la luce splende nelle tenebre

e le tenebre non l’hanno vinta.

6Venne un uomo mandato da Dio:

il suo nome era Giovanni.

7Egli venne come testimone

per dare testimonianza alla luce,

perché tutti credessero per mezzo di lui.

8Non era lui la luce,

ma doveva dare testimonianza alla luce.

9Veniva nel mondo la luce vera,

quella che illumina ogni uomo.

10Era nel mondo

e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;

eppure il mondo non lo ha riconosciuto.

11Venne fra i suoi,

e i suoi non lo hanno accolto.

12A quanti però lo hanno accolto

ha dato potere di diventare figli di Dio:

a quelli che credono nel suo nome,

13i quali, non da sangue

né da volere di carne

né da volere di uomo,

ma da Dio sono stati generati.

14E il Verbo si fece carne

e venne ad abitare in mezzo a noi;

e noi abbiamo contemplato la sua gloria,

gloria come del Figlio unigenito

che viene dal Padre,

pieno di grazia e di verità.

15Giovanni gli dà testimonianza e proclama:

«Era di lui che io dissi:

Colui che viene dopo di me

è avanti a me,

perché era prima di me».

16Dalla sua pienezza

noi tutti abbiamo ricevuto:

grazia su grazia.

17Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,

la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.

18Dio, nessuno lo ha mai visto:

il Figlio unigenito, che è Dio

ed è nel seno del Padre,

è lui che lo ha rivelato.

Nel Prologo del Vangelo secondo Giovanni, Gesù, il Verbo che è in principio, che è Dio, che è presso Dio, è Colui per mezzo del quale tutto ciò che esiste è stato fatto. Di tutto ciò che è esiste è la luce, la vita, la grazia, la verità, la rivelazione del Padre. Ogni uomo, che è nelle tenebre e nel peccato a causa della trasgressione di Adamo, se vuole ritornare nella luce e nella vita, lo può solo per Lui, accogliendo la sua grazia e divenendo verità nella sua verità, vita nella sua vita, luce nella sua luce, figliolanza adottiva nella sua figliolanza per generazione eterna. Non può venire la salvezza né da Giovanni Battista. Lui è solo testimone della luce e della verità. Lui non è luce né verità. Neanche può venire da Mosè. Lui ha dato solo la Legge. Neanche lui è vita e verità. Gesù invece è la luce, la verità, la Parola, la rivelazione, la vita, la risurrezione. Di ogni uomo che esiste sulla terra lui è il Creatore e il Salvatore, la Redenzione e la Vita. Non vi sono altri Redentori, perché non vi sono altri Creatori. Non vi sono altri Datori di vita eterna, perché solo Gesù è il Verbo Incarnato, il Figlio Unigenito del Padre che si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi per darci la grazia e la verità. Non vi sono altri Salvatori, perché ogni uomo ha bisogno di essere lui per primo salvato e non può salvare chi necessita di salvezza. Chi è morto non può dare vita. Chi è tenebra non può condurre nella luce. Chi è nel peccato mai potrà liberare da esso. Chi non conosce Dio mai potrà parlare di Dio secondo verità. Dona chi è e chi possiede. Gesù è tutto e possiede tutto. È vero Dio è conduce a Dio. È vero uomo e insegna come si ama l'uomo. È il Crocifisso e ci ammaestra come portare ogni croce. È il Risorto e ci rivela come si vive di vera speranza. È l'Obbediente perfetto e ci dice come obbedire. Tutto è per noi Cristo Signore perché Lui è tutto per il Padre.

Se questa è la verità divina e umana di Gesù, vi potrà essere un solo suo discepolo che possa mettere in dubbio ciò che Lui è in principio, nell'eternità, in relazione alla creazione, alla redenzione, alla salvezza, alla vita eterna? Vi potrà esistere sulla terra e nell'universo un solo cristiano che possa contraddire, negare, annullare, cancellare l'essenza divina e umana del Figlio eterno del Padre? Vi potrà essere un solo uomo che possa dichiarare non vera una sola sua Parola? Se Gesù è il Mediatore universale e tutto il Padre si è posto nelle sue mani, se Lui è il solo attraverso cui Dio viene all'uomo e l'uomo va a Dio, perché il cristiano dice che ogni via è buona per la salvezza? Non sa che sta mentendo e ingannando i suoi fratelli? Non sa che sta dichiarando falso il Vangelo e sta chiamando bugiardo lo Spirito Santo? Non sa che sta dicendo che a nulla serve la Chiesa? A nulla i sacramenti? A nulla il papa e i vescovi? A nulla i suoi sacerdoti? A nulla i suoi martiri? A nulla i suoi missionari? Quando il cristiano sentenzia e profetizza falsità è il segno che il peccato governa il suo cuore.

Madre di Dio, Angeli, Santi, fate che dalla bocca del cristiano mai esca la falsità.

 

Ricerca avanzata  (45743 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: