PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Mt 18,12-14

Casa di Preghiera San Biagio FMA  

Casa di Preghiera San Biagio FMA è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

Martedì della II settimana di Avvento (11/12/2018)

Vangelo: Mt 18,12-14 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Gesù disse ai suoi discepoli: «Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita? In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno di questi piccoli si perda».
Mt 18,12-14

Come vivere questa Parola?
Tra tanti miti che hanno affascinato il nostro immaginario, fra tante personalità esemplari, reali o frutto di elaborazione fantastica, che si sono succedute nello scorrere dei secoli, ce n'è una che ha resistito all'usura del tempo e che ancora oggi richiama attenzione e suscita curiosità. E' l'immagine del “buon pastore”, che questo passo di Matteo ci presenta come una perla incastonata nel bell'arazzo del capitolo 18, tutto dedicato alla vita fraterna. Surreale o bucolica a uno sguardo superficiale, nella sua veste paradossale traduce l'identità del Dio di Gesù Cristo, che non si caratterizza per delicatezza dei tratti o per sussiegosa signorilità di comportamento, ma svela la sua essenza facendola coincidere con il ruolo di pastore: disponibile e attento a tutti, riesce a vedere ciò che non tutti vedono, si fa prossimo a tutti, non aspetta altro che la possibilità di manifestare la sua solerzia verso tutti, anche senza che ne sia richiesto. E' un livello diverso di vita, che ci fa avvertire quanto i nostri pensieri siano ancora lontani dai pensieri di Dio.

Sapendo che il Signore mi chiede di amare anche i miei nemici, lascio che la sua volontà di Padre sia anche la mia volontà, chiedendo la grazia di vedere con i suoi occhi anche chi viaggia lontano da me e mi resta difficile incontrare.

La voce di un Papa
“Come Dio non perde le sue caratteristiche nel momento in cui è misericordioso, così l'uomo non viene annullato dalla dignità divina”
Leone Magno

Don Enrico Emili - enricoemili@tiscali.it

 

Ricerca avanzata  (45057 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: