PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Lc 3,1-6

Casa di Preghiera San Biagio FMA  

II Domenica di Avvento (Anno C) (09/12/2018)

Vangelo: Lc 3,1-6 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 3,1-6

1Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetrarca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetrarca dell’Iturea e della Traconìtide, e Lisània tetrarca dell’Abilene, 2sotto i sommi sacerdoti Anna e Caifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. 3Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, 4com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia:

Voce di uno che grida nel deserto:

Preparate la via del Signore,

raddrizzate i suoi sentieri!

5Ogni burrone sarà riempito,

ogni monte e ogni colle sarà abbassato;

le vie tortuose diverranno diritte

e quelle impervie, spianate.

6Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!

«Nell'anno quindicesimo dell'impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell'Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell'Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccarìa, nel deserto. Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com'è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaìa»
Lc 3,1-6

Come vivere questa Parola?
E' iniziato l'Avvento, periodo privilegiato per intraprendere una volta ancora un cammino consapevole di avvicinamento al Signore. La figura di Giovanni Battista, che contempliamo in questa liturgia, ci ricorda come la fede inizia dall'ascolto (Rom 10,17) e come l'ascolto dipenda da qualcuno che si faccia “voce” di questa “parola” che il nostro cuore attende. Ci è chiesta la grande umiltà di accettare che sia qualcuno diverso da noi - diverso dal nostro ego che vorrebbe sempre prevalere e averla vinta - a pronunciare una parola autorevole a cui prestare ascolto. Ognuno di noi avrà (o avrà avuto) il suo Giovanni nella misura in cui avrà scoperto il proprio limite, riconoscendosi bisognoso di mettere la propria vita in mano a uno di cui ci si fida. Siamo invitati a fare come il bambino: impara a parlare non perché gli si insegnano i rudimenti della grammatica, ma perché percependo un suono lo riconosce come “voce”, e riuscendo a dotarlo di senso lo rende “parola”. Lasciamo dunque che lungo i crinali della storia, della nostra storia, il Signore tracci il suo percorso, e che la strada quotidiana diventi anche per noi storia di salvezza!

Con profonda umiltà e fiducia lascio che le redini della mia vita le prenda il Signore. Non opporrò resistenza: ogni incontro, ogni episodio, ogni avvenimento non sarà più il frutto del caso, ma conserverà il sapore di una parola che Egli vorrà pronunciare su di me, e sarà il segno di una familiarità con Lui che andrà sempre crescendo.

La voce DI UN PASTORE
“Non restano, quando non si sa ascoltare, che le chiacchiere spirituali, la condiscendenza fratesca che soffoca in tante belle parole pie. Chi non sa ascoltare a lungo e con pazienza parlerà senza toccare veramente le fibre dell'altro e che crede che il suo tempo è troppo prezioso per essere perso ad ascoltare, non avrà mai tempo né per Dio né per il fratello, sempre e solo per se stesso, sempre per i suoi progetti.”

Bonhoeffer, Vita comune

don Enrico Emili - enricoemili@tiscali.it

 

Ricerca avanzata  (43129 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: