PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Mc 10, 51-52

Casa di Preghiera San Biagio FMA  

XXX Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (28/10/2018)

Vangelo: Mc 16,14b-20 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mc 10,46-52

46E giunsero a Gerico. Mentre partiva da Gerico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timeo, Bartimeo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. 47Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!». 48Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». 49Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». 50Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù. 51Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». 52E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

«Allora Gesù gli disse: “Che vuoi che io ti faccia?”. E il cieco a lui: “Rabbunì, che io riabbia la vista!”. E Gesù gli disse: “Va, la tua fede ti ha salvato”. E subito riacquistò la vista e prese a seguirlo per la strada»
Mc 10, 51-52

Come vivere questa Parola?
Ancora una volta Gesù parte dalla realtà di un miracolo per aprire ai suoi più vicini la strada della salvezza. Il Maestro incontra un cieco e si lascia interpellare da lui. “Che vuoi che io ti faccia?”. Sembra quasi una domanda retorica. È invece la volontà di rispondere ad un bisogno dichiarato il tesoro grande della sua misericordia che desidera aprirsi ai poveri e ai sofferenti. Gli apostoli, invece sono su una lunghezza d'onda diversa; non sanno cogliere il senso profondo del cammino che stanno facendo verso Gerusalemme e vogliono allontanare il cieco che invoca pietà. Anche noi, come loro, non riusciamo a capire che il nostro sguardo si ferma su ciò che è più immediato, sul fare, sull'avere. Ci è difficile lasciare tutte le nostre sicurezze, i nostri sostegni, come ha fatto Bartimeo, per seguire più da vicino il Maestro che ci vuole guarire.

Come Bartimeo, lungo la giornata ripeterò l'invocazione: “Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di me”.

La voce di uno scrittore poeta
“Signore...io non ti capisco. Io cerco a tentoni le tue divine linee di forza. Io procedo verso di Te alla maniera dell'albero che si sviluppa secondo le linee di forza del suo seme. Il cieco non sa nulla del fuoco. Glaciale è talvolta la mia solitudine. Io esigo un indizio nel deserto dell'abbandono. Perciò io cammino formulando preghiere...”
Saint-Exupéry

Sr Graziella Curti - direttice@fmamelzo.com

 

Ricerca avanzata  (44378 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: