PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO A rischio di collasso

don Luciano Cantini  

don Luciano Cantini è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

XXVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (30/09/2018)

Vangelo: Mc 9,38-43.45.47-48 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mc 9,38-43.45.47-48

38Giovanni gli disse: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». 39Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: 40chi non è contro di noi è per noi.

41Chiunque infatti vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa.

42Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. 43Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile.

45E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna.

47E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, 48dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue.

E' molto meglio per lui
“Oggi non si scandalizza più nessuno”, almeno così si dice eppure pensando a quanti vivono sullo scandalo non sembrerebbe. Ci sono riviste intere dedicato al “gossip”, gli opinionisti, i politici sembrano attendere il prossimo scandalo per tirare l'acqua al proprio mulino, indignarsi e suscitare indignazione sembra essere una attività redditizia. Corriamo il rischio, però, di adeguarci al senso comune se non proviamo a capire quello che Gesù ha detto, quello che la prima comunità cristiana ha compreso da tramandarlo a noi, e quello che il Signore sta dicendo a noi oggi nella situazione in cu viviamo.
Per tanto tempo chi studiava la Scrittura si è rifiutato di credere che Gesù abbia espresso un giudizio così brutale se messo a confronto a parole di amore e di misericordia. Piuttosto si pensava ad un incrudimento della chiesa primitiva che ha posto in bocca a Gesù parole dure per disciplinare i credenti e per scoraggiare gli avversari.
Forse, però, a Gesù è scappata la pazienza se leggiamo il discorso della macina come conseguenza della incomprensione prolungata dei discepoli dopo secondo annuncio della passione (Mc 9,31) che erano preoccupati di stabilire chi fosse il più grande a cui ha proposto il servizio (Mc 9,35); poi hanno iniziato a discriminare chi non apparteneva al loro gruppo per cui afferma chi non è contro di noi è per noi (Mc 9,40), i discepoli devono accettare che vi siano persone al di fuori della loro cerchia che, anche inconsapevolmente, sono dalla parte di Gesù quando si mettono a servizio degli altri.

Che credono in me
Letteralmente lo scandalo è un inciampo, una caduta in basso, non senza conseguenze. Bisogna, però fare attenzione di non dare a questa parola una lettura moralistica perché nella scrittura e nel vangelo lo scandalo è essenzialmente ciò, o colui, che allontana da Dio, qualcosa o qualcuno che fa perdere la fede, o meglio ciò che innesca il collasso della fede.
Eppure, Gesù stesso è definito pietra di scandalo (Rm 9,33), la passione (Mc 14,27) e la croce stessa è considerata scandalo (Gal 5,11) capaci di minare la fede nel Dio della “religione”, quello annunziato dal potere religioso, mantenuto dalla religiosità popolare; è il Dio delle regole e dei decreti, il Dio dei riti e del tempio, quello dei sacrifici, del puro e dell'impuro, il Dio che separa chi gli appartiene ed è nel recinto da chi ne rimane al di fuori. Nei confronti di questo Dio Gesù si presenta come scandalo e non ha scandalizzato abbastanza perché l'uomo nella sua storia ha ricompreso e riassorbito il suo scandalo per tornare alla caricatura di Dio con le sue regole, le sottomissioni e le paure, i suoi riti, le sue devozioni, i suoi steccati.
La preoccupazione della prima Chiesa che ha raccolto e trasmesso queste parole di inaudita durezza è quella di salvaguardare chi si è lasciato scandalizzare dal Signore Gesù: piccoli che credono in me. Lo scandalo che merita al collo una macina da mulino è colui che offusca o stravolge lo scandalo della croce segno dell'amore totale e senza limiti, chi vuole restaurare le prassi, le credenze, le formalità. Ci sono persone e movimenti che si lasciano affascinare dal bel canto o dai paramenti, magari vorrebbero i crocifissi alle pareti dei luoghi pubblici e strizzano l'occhio a chi non tollera e definisce l'altro come terrone, nero, clandestino, straniero.

Ti è motivo di scandalo
L'immagine cruda del vangelo passa dal generale al coinvolgimento personale: se la mano, il piede, l'occhio “ti è motivo di scandalo, tagliala”... le parole di Gesù toccano ciascuno di noi. C'è una immagine di Dio che lo scandalo della Croce ci ha donato che ci rende liberi e capaci di amare, di entrare nella relazione con gli altri piccoli e che è a rischio di collasso. Dobbiamo fare attenzione al proprio agire (mani), al nostro andare nella storia (piedi), a quello da cui ci lasciamo coinvolgere (occhi) per non diventare un ostacolo (scandalo) a noi stessi e alla nostra fede. Siamo tutti arrabbiati per il crollo del ponte di Genova, a quanto pare, non sufficientemente osservato e manutenuto, sembrava funzionale e sicuro fino al collasso improvviso. Gesù ci mette in guardia, ci chiede la manutenzione della nostra vita, la verifica della quotidianità affinché non collassi all'improvviso.
Non bisogna dimenticare l'avvertimento di Gesù ai discepoli: «State attenti a voi stessi!». Oggi può essere una bella giornata per fare un esame di coscienza su questo: scandalizzo o no e come? Così possiamo rispondere al Signore e avvicinarci un po' di più a lui (Papa Francesco 13.11.17).

 

Ricerca avanzata  (42534 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: