PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Giovanni 13,1-15

Omelie.org - autori vari  

Giovedì Santo (Messa in Cena Domini) (29/03/2018)

Vangelo: Gv 13,1-15 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Gv 13,1-15

1Prima della festa di Pasqua Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine. 2Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, 3Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, 4si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. 5Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto. 6Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». 7Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». 8Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». 9Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». 10Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». 11Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri».

12Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? 13Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. 14Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. 15Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi.

COMMENTO ALLE LETTURE

Commento a cura di Rocco Pezzimenti

1. Anche in prossimità della Passione, Cristo si mostra padrone del tempo e delle vicende umane. Non va incontro alla sua morte come fa un qualunque uomo, ma la affronta con piena consapevolezza “sapendo che era venuta per lui l'ora di passare da questo mondo al Padre”. Del resto, “egli era venuto da Dio e a Dio ritornava”. Proprio in questo momento cruciale l'Evangelista ci ricorda che, avendo amato i suoi, “li amò fino alla fine”. Ecco allora che, una volta a cena, “si leva dalla mensa, depone le vesti, prende un panno e se ne cinge”. Possiamo immaginare lo stupore degli apostoli quando lo videro prendere l'acqua che aveva versato in un catino e cominciare a lavare i loro piedi e ad asciugarli.

2. Lo sbigottimento li lascia senza parole. Solo Pietro si risente ed esclama: “Signore, tu mi lavi i piedi?”. Gesù non si scompone, dice solo a Pietro che ora non può capire il suo gesto. Malgrado questa incapacità a capire, l'apostolo ribatte che non si farà mai lavare “i piedi in eterno”, ma il Signore gli fa capire il valore dell'esempio: “Se non ti lascerai lavare i piedi non avrai parte con me”. Di fronte a questa intimazione Pietro cede. Ama troppo il maestro e risponde d'impulso: non solo i piedi, “ma anche le mani e il capo” come d'impulso, in altra circostanza, aveva detto: “dove andremmo oh Signore, tu solo hai parole di vita eterna”. La lavanda richiama il santo Battesimo, il perdono, la misericordia.

3. Si ritornò nel silenzio e alla fine alla mensa. Solo allora il Signore spiega il suo gesto, ma prima premette: “Voi mi chiamate il Signore e il maestro, e dite bene, lo sono”. È da maestro che ha compiuto quel gesto a dimostrare che se io “vi ho lavato i piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri”. La pedagogia del Redentore passa attraverso esempi concreti e che debbono essere imitati. Possono forse i servi essere più grandi dei padroni?

Certamente no, si debbono perciò adeguare alle loro direttive. A sorpresa l'episodio si conclude con un'altra beatitudine, rivolta agli uomini di tutti i tempi: “Se sapete questo, beati voi se lo mettete in pratica”.

4. Paolo non era lì con gli altri apostoli eppure ci spiega perché egli merita a pieno titolo la stessa qualifica di apostolo: è stato istruito da Cristo stesso. “Poiché io ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta ho trasmesso”. Vale a dire l'istituzione dell'Eucarestia nella notte stessa del tradimento, memoriale della sua Passione. Sacramento che ci accompagna dalla “morte del Signore, fino a quando egli verrà”. Per questo intima: “fate questo in memoria di me”. È l'istituzione del sacramento dell'ordine sacro del sacerdozio.

5. È dal tempo dell'esodo che si attende l'adempimento di questa promessa quando si promette il sacrificio dell'agnello che verrà consumato come cibo. Misteriosamente il cibo dovrà essere calcolato, forse per evitare inutili sprechi, all'appetito di ciascuno. Il sangue, poi, dovrà essere messo a protezione della casa, anzi ne sarà “un segno distintivo” che preserverà da tutti i mali. “Contro di voi non sarà alcun colpo di sterminio, quando io colpirò la terra d'Egitto”.

Vuoi ricevere nella tua email i commenti di Omelie.org - autori vari? Semplicissimo!
Clicca su questo indirizzo email per mandare un'email vuota; riceverai un'altra email da Yahoogroups con un link da cliccare per confermare la tua iscrizione:

pn-omelieorg-subscribe@yahoogroups.com

 

Ricerca avanzata  (45741 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: