PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Giovanni 13,1-15

Agenzia SIR  

Agenzia SIR è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

Giovedì Santo (Messa in Cena Domini) (29/03/2018)

Vangelo: Gv 13,1-15 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Gv 13,1-15

1Prima della festa di Pasqua Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine. 2Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, 3Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, 4si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. 5Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto. 6Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». 7Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». 8Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». 9Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». 10Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». 11Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri».

12Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? 13Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. 14Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. 15Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi.

“Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine”. Ecco, nelle parole di Giovanni, il senso fondamentale e completo della Cena del Signore che oggi la Chiesa celebra. È una storia d'amore, “la” storia dell'amore più grande che ha guidato e guiderà per sempre la vicenda terrena dell'umanità. L'amore di Cristo che si compirà sull'altare della croce è anticipato, nel mistero, al momento dell'ultima cena. Un evento sacro che non è da leggere come isolato nella storia, ma come punto di arrivo e punto di partenza.

Punto di arrivo della lunga vicenda iniziata nella notte della liberazione degli ebrei dalla schiavitù, come narra il libro dell'Esodo: là, nell'ultima cena d'Egitto, Dio liberava il suo popolo da una schiavitù terrena, a partire dal sacrificio di un agnello, profezia del sacrificio di un altro Agnello senza macchia che sarà offerto in sacrificio a Dio.

Nella Cena del Signore - narrata dalla lettera ai Corinzi - la profezia si compie: l'Agnello senza macchia, Gesù, Figlio di Dio, realizza, nell'offerta del pane e del vino consacrati, il suo sacrificio, che si compirà poche ore dopo sulla croce per la liberazione dell'umanità intera dalla schiavitù del peccato, per condurlo alla terra promessa dell'eternità. Nell'ultima cena di Gesù, l'offerta del pane e del vino, trasformati sacramentalmente nel suo corpo donato e nel suo sangue versato, realizza la “nuova alleanza” la “memoria” viva e reale del sacrificio di Cristo sulla croce. E la comunità dei discepoli riceve il mandato di “annunciare la morte del Signore finché egli venga”, quindi fino alla fine del mondo, attraverso la celebrazione di questo sacramento. È l'istituzione dell'Eucaristia, fonte e culmine di tutta la vita della Chiesa.

Ma questo annuncio lungo tutti i secoli dell'amore salvifico di Gesù, non potrà, non dovrà, essere solo un rito, bensì dovrà diventare uno stile di vita. Lo indica Gesù stesso - nel brano evangelico di Giovanni - attraverso la lavanda dei piedi agli apostoli: “Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi”. Ecco la missione: la celebrazione dell'Eucaristia, dono del Corpo e Sangue di Gesù, non è completa se non produce il “lavare i piedi gli uni agli altri”; il dono ricevuto non è vissuto nella sua piena verità se non diventa servizio reciproco. Un mandato chiaro per la Chiesa e per tutti i cristiani. L'Eucaristia celebrata, ma non trasformata nel servire, viene tradita.

Se Gesù “Signore e maestro” ha realizzato la sua signoria e il suo ministero come servizio, questa stessa cosa dovranno fare i suoi discepoli per tutto il tempo della storia.

Commento a cura di Vincenzo Rini

Vuoi ricevere nella tua email i commenti di Agenzia SIR? Semplicissimo!
Clicca su questo indirizzo email per mandare un'email vuota; riceverai un'altra email da Yahoogroups con un link da cliccare per confermare la tua iscrizione:

pn-agensir-subscribe@yahoogroups.com

 

Ricerca avanzata  (45825 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: