PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Luca 1,26-38

Agenzia SIR  

Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria (08/12/2017)

Vangelo: Lc 1,26-38 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 1,26-38

In quel tempo, 26l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, 27a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 28Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».

29A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 30L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

34Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». 35Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. 36Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37nulla è impossibile a Dio». 38Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

Il brano evangelico di questa Solennità introduce nella storia della salvezza un dato del tutto inatteso ed inedito. Il Primo Testamento ha sempre annunciato delle nascite straordinarie di personaggi che compiranno grandi opere: dono dell'Altissimo a donne colpite dalla sterilità.

Con Maria di Nazareth, invece, ci ritroviamo dinanzi ad una fanciulla vergine a cui viene chiesto di acconsentire ad un progetto che si palesa a spiragli, in sostanza: non si sa dove vada a finire.

Annuncio ad una donna qualsiasi, non ammirata per la sua bellezza, non ricca o potente. Una giovane comune, semplice, che viveva in un angolo del regno.

Non ci parla forse delle periferie su cui Francesco ama ritornare per farci comprendere che la Chiesa si dilata ovunque e raggiunge tutti e chiunque?

L'angelo inviato la coglie nel suo contesto quotidiano, non nella solennità e maestosità delle cerimonie del Tempio come Zaccaria. In un ambiente molto simile al nostro, forse anche grigio per la sua ripetitività, angusto per il peso di un lavoro faticoso, e, magari, senza le certezze che si vorrebbero, quasi lasciati su di una corda da equilibrista per giungere a sera, essendoci guadagnata a stento la giornata.

L'angelo, e Maria lo sapeva, aveva parlato ai grandi testimoni biblici: a Mosè, a Geremia, a Gedeone, a Ruth... le si rivolge ora con il saluto che concentra in sé la gioia messianica di chi viene scelto per servire l'Altissimo e il suo popolo.

Buon per noi che Maria ne venga turbata, così la sentiamo vicina e sorella quando, in un modo o nell'altro, veniamo interpellati per prodigarci nel servizio alla Chiesa, ai fratelli e alle sorelle.

Potessimo da Lei apprendere come interrogare per capire il nostro ruolo effettivo! Abitualmente siamo carichi di dubbi, di incertezze. Il Suo invece è un realismo che chiede soltanto di essere illuminato e di non vivere l'esperienza del timore che può paralizzare e condurre al diniego.

Sarà lo Spirito Creatore che scenderà su di lei, Colui che è capace di realizzare l'impossibile. Maria ben sapeva che la nube divina nel libro dell'Esodo “copriva con la sua ombra” la Tenda, perciò intuisce che sta diventando Arca Santa, la Dimora di Dio, se accetta di diventare feconda, salvezza per l'umanità.

Quando la giovane fanciulla di Nazareth si dichiara “serva” - come avevano fatto Ruth e Abigail - non intende se stessa una domestica tuttofare ma si colloca sulla scia di tutti coloro che, nella storia di Israele, si sono abbandonati al progetto dell'Altissimo per portare a termine la missione loro affidata.

Anche noi siamo spesso tormentati dall'interrogativo: quale la mia vocazione? Quale la mia missione?

Sono progetti propri oppure richiami dello Spirito a diventare autentici “servi” per donarsi in libertà e intelligenza?

Ognuno e ognuna è speciale, un pezzo... unico e raro agli occhi del Creatore, bisogna allora porsi in ascolto e, come Maria, interrogarsi ma donandosi pienamente, senza ritorni o conteggi.

Commento a cura di Cristiana Dobner

 

Ricerca avanzata  (41560 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: