PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Gal 6,14-18

Monastero Domenicano Matris Domini  

XIV Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (03/07/2016)

Brano biblico: Gal 6,14-18 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 10,1-12.17-20

In quel tempo, 1il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. 2Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! 3Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; 4non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. 5In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. 6Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. 7Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. 8Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, 9guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. 10Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: 11“Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”. 12Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città.

17I settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome». 18Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. 19Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. 20Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».

Forma breve (Lc 10,1-9):

In quel tempo, 1il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. 2Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! 3Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; 4non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. 5In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. 6Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. 7Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. 8Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, 9guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

Collocazione del brano
Siamo giunti al termine della lettera ai Galati. I vv. 11-18 vengono chiamati epilogo autografo, poiché Paolo afferma nel v. 11 di scrivere proprio di suo pugno (solitamente le lettere venivano scritte materialmente da uno scrivano). I vv. 11-13 sono dedicati di nuovo ai detrattori di Paolo, coloro che volevano riportare i Galati alla circoncisione e all'osservanza della Legge. Egli fa un processo alle loro intenzioni e li accusa di volersi vantare della carne e non essere perseguitati a causa della croce di Cristo. Negli ultimi versetti invece, quelli che leggiamo questa domenica, Paolo mette in contrapposizione se stesso, che non si vanta della carne ma della croce di Cristo.

Lectio
14Quanto a me invece non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo.
Per Paolo c'è solo una cosa di cui vantarsi: la croce. Aderendo nella fede al crocifisso, egli si è liberato dalla logica di autoesaltazione orgogliosa di carattere religioso. La croce lo ha messo tra le braccia del Dio della grazia, rivelatosi salvatore grazie alla crocifissione di Gesù. Il mondo quindi per Paolo è stato crocifisso. Per mondo si intende qui l'autosufficienza dell'uomo di fronte a Dio.

15Non è infatti la circoncisione che conta, né la non circoncisione, ma l'essere nuova creatura.
La circoncisione quindi non conta più in ordine alla fede. E' ormai una pratica culturale e religiosa che non è determinante rispetto al destino di vita o di morte eterna degli uomini. Grazie alla croce di Cristo è intervenuta una nuova creazione. La nuova creatura agisce come il nuovo Adamo, cioè come Cristo, opera per amore.

16E su quanti seguiranno questa norma sia pace e misericordia, come su tutto l'Israele di Dio.
Ciò che ha affermato nel versetto precedente è molto forte. Paolo si ferma a contemplarlo ed emette questa benedizione a quanti come lui hanno compreso questo fatto e hanno uniformato la loro vita a questa nuova creazione. Egli invoca da Dio la pace, cioè la salvezza, la pienezza di vita e di gioia, e il dono del perdono (la misericordia). La benedizione va anche su tutto l'Israele di Dio, cioè tutti coloro che hanno accolto nella fede la croce di Cristo e la nuova legge che ne scaturisce, i veri discendenti di Abramo secondo lo spirito.

17D'ora innanzi nessuno mi procuri fastidi: io porto le stigmate di Gesù sul mio corpo.
L'apostolo torna poi a parlare di se stesso. Chiede che i Galati in futuro non gli diano più motivi di tristezza. Egli porta nel suo corpo le stimmate di Cristo. Di cosa si tratta? Vi è una vera e propria partecipazione fisica alla sofferenza di Cristo. Certo Paolo ha sofferto a causa dell'annuncio del Vangelo. In questa occasione egli forse allude al pericolo mortale che ha da poco corso in Asia e ricordato in 2Cor 1,9. La croce di Cristo qualifica il suo vangelo e la sua autorizzazione a parlare.

18La grazia del Signore nostro Gesù Cristo sia con il vostro spirito, fratelli. Amen.
La lettera termina con l'abituale saluto e benedizione. Paolo invoca sui Galati la grazia di Cristo. Si tratta di una frase di circostanza, di stile liturgico.
Purtroppo non si sa se i Galati abbiano obbedito o meno all'invito di Paolo di non farsi circoncidere. Certo il fatto che questa lettera sia stata conservata può essere un indizio del loro ritorno alla fede predicata da Paolo. Certo per noi questo scritto è un aiuto efficace a vivere la nostra fede fondandola su ciò che è più importante, la fede nel crocifisso e l'essere nuova creatura, che agisce come Lui per amore.

Meditiamo
- Cosa è per la mia vita la croce di Cristo?
- Quali sono le leggi antiche e sorpassate a cui sono ancora affezionato?
- In quali circostanze ho sentito che partecipavo alle sofferenze di Cristo nella sua croce (non necessariamente in modo fisico)?

 

Ricerca avanzata  (48349 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: