PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Gv 18,12-27

Monastero Domenicano Matris Domini  

Monastero Domenicano Matris Domini è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

Venerdì Santo (Passione del Signore) (14/04/2017)

Vangelo: Gv 18,1-19,42 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Gv 18,1-19,42

1Dopo aver detto queste cose, Gesù uscì con i suoi discepoli al di là del torrente Cedron, dove c’era un giardino, nel quale entrò con i suoi discepoli. 2Anche Giuda, il traditore, conosceva quel luogo, perché Gesù spesso si era trovato là con i suoi discepoli. 3Giuda dunque vi andò, dopo aver preso un gruppo di soldati e alcune guardie fornite dai capi dei sacerdoti e dai farisei, con lanterne, fiaccole e armi. 4Gesù allora, sapendo tutto quello che doveva accadergli, si fece innanzi e disse loro: «Chi cercate?». 5Gli risposero: «Gesù, il Nazareno». Disse loro Gesù: «Sono io!». Vi era con loro anche Giuda, il traditore. 6Appena disse loro «Sono io», indietreggiarono e caddero a terra. 7Domandò loro di nuovo: «Chi cercate?». Risposero: «Gesù, il Nazareno». 8Gesù replicò: «Vi ho detto: sono io. Se dunque cercate me, lasciate che questi se ne vadano», 9perché si compisse la parola che egli aveva detto: «Non ho perduto nessuno di quelli che mi hai dato». 10Allora Simon Pietro, che aveva una spada, la trasse fuori, colpì il servo del sommo sacerdote e gli tagliò l’orecchio destro. Quel servo si chiamava Malco. 11Gesù allora disse a Pietro: «Rimetti la spada nel fodero: il calice che il Padre mi ha dato, non dovrò berlo?».

12Allora i soldati, con il comandante e le guardie dei Giudei, catturarono Gesù, lo legarono 13e lo condussero prima da Anna: egli infatti era suocero di Caifa, che era sommo sacerdote quell’anno. 14Caifa era quello che aveva consigliato ai Giudei: «È conveniente che un solo uomo muoia per il popolo».

15Intanto Simon Pietro seguiva Gesù insieme a un altro discepolo. Questo discepolo era conosciuto dal sommo sacerdote ed entrò con Gesù nel cortile del sommo sacerdote. 16Pietro invece si fermò fuori, vicino alla porta. Allora quell’altro discepolo, noto al sommo sacerdote, tornò fuori, parlò alla portinaia e fece entrare Pietro. 17E la giovane portinaia disse a Pietro: «Non sei anche tu uno dei discepoli di quest’uomo?». Egli rispose: «Non lo sono». 18Intanto i servi e le guardie avevano acceso un fuoco, perché faceva freddo, e si scaldavano; anche Pietro stava con loro e si scaldava.

19Il sommo sacerdote, dunque, interrogò Gesù riguardo ai suoi discepoli e al suo insegnamento. 20Gesù gli rispose: «Io ho parlato al mondo apertamente; ho sempre insegnato nella sinagoga e nel tempio, dove tutti i Giudei si riuniscono, e non ho mai detto nulla di nascosto. 21Perché interroghi me? Interroga quelli che hanno udito ciò che ho detto loro; ecco, essi sanno che cosa ho detto». 22Appena detto questo, una delle guardie presenti diede uno schiaffo a Gesù, dicendo: «Così rispondi al sommo sacerdote?». 23Gli rispose Gesù: «Se ho parlato male, dimostrami dov’è il male. Ma se ho parlato bene, perché mi percuoti?». 24Allora Anna lo mandò, con le mani legate, a Caifa, il sommo sacerdote.

25Intanto Simon Pietro stava lì a scaldarsi. Gli dissero: «Non sei anche tu uno dei suoi discepoli?». Egli lo negò e disse: «Non lo sono». 26Ma uno dei servi del sommo sacerdote, parente di quello a cui Pietro aveva tagliato l’orecchio, disse: «Non ti ho forse visto con lui nel giardino?». 27Pietro negò di nuovo, e subito un gallo cantò.

28Condussero poi Gesù dalla casa di Caifa nel pretorio. Era l’alba ed essi non vollero entrare nel pretorio, per non contaminarsi e poter mangiare la Pasqua. 29Pilato dunque uscì verso di loro e domandò: «Che accusa portate contro quest’uomo?». 30Gli risposero: «Se costui non fosse un malfattore, non te l’avremmo consegnato». 31Allora Pilato disse loro: «Prendetelo voi e giudicatelo secondo la vostra Legge!». Gli risposero i Giudei: «A noi non è consentito mettere a morte nessuno». 32Così si compivano le parole che Gesù aveva detto, indicando di quale morte doveva morire.

33Pilato allora rientrò nel pretorio, fece chiamare Gesù e gli disse: «Sei tu il re dei Giudei?». 34Gesù rispose: «Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?». 35Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?». 36Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù». 37Allora Pilato gli disse: «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce». 38Gli dice Pilato: «Che cos’è la verità?».

E, detto questo, uscì di nuovo verso i Giudei e disse loro: «Io non trovo in lui colpa alcuna. 39Vi è tra voi l’usanza che, in occasione della Pasqua, io rimetta uno in libertà per voi: volete dunque che io rimetta in libertà per voi il re dei Giudei?». 40Allora essi gridarono di nuovo: «Non costui, ma Barabba!». Barabba era un brigante.

1Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare. 2E i soldati, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo e gli misero addosso un mantello di porpora. 3Poi gli si avvicinavano e dicevano: «Salve, re dei Giudei!». E gli davano schiaffi.

4Pilato uscì fuori di nuovo e disse loro: «Ecco, io ve lo conduco fuori, perché sappiate che non trovo in lui colpa alcuna». 5Allora Gesù uscì, portando la corona di spine e il mantello di porpora. E Pilato disse loro: «Ecco l’uomo!».

6Come lo videro, i capi dei sacerdoti e le guardie gridarono: «Crocifiggilo! Crocifiggilo!». Disse loro Pilato: «Prendetelo voi e crocifiggetelo; io in lui non trovo colpa». 7Gli risposero i Giudei: «Noi abbiamo una Legge e secondo la Legge deve morire, perché si è fatto Figlio di Dio».

8All’udire queste parole, Pilato ebbe ancor più paura. 9Entrò di nuovo nel pretorio e disse a Gesù: «Di dove sei tu?». Ma Gesù non gli diede risposta. 10Gli disse allora Pilato: «Non mi parli? Non sai che ho il potere di metterti in libertà e il potere di metterti in croce?». 11Gli rispose Gesù: «Tu non avresti alcun potere su di me, se ciò non ti fosse stato dato dall’alto. Per questo chi mi ha consegnato a te ha un peccato più grande».

12Da quel momento Pilato cercava di metterlo in libertà. Ma i Giudei gridarono: «Se liberi costui, non sei amico di Cesare! Chiunque si fa re si mette contro Cesare». 13Udite queste parole, Pilato fece condurre fuori Gesù e sedette in tribunale, nel luogo chiamato Litòstroto, in ebraico Gabbatà. 14Era la Parasceve della Pasqua, verso mezzogiorno. Pilato disse ai Giudei: «Ecco il vostro re!». 15Ma quelli gridarono: «Via! Via! Crocifiggilo!». Disse loro Pilato: «Metterò in croce il vostro re?». Risposero i capi dei sacerdoti: «Non abbiamo altro re che Cesare». 16Allora lo consegnò loro perché fosse crocifisso.

Essi presero Gesù 17ed egli, portando la croce, si avviò verso il luogo detto del Cranio, in ebraico Gòlgota, 18dove lo crocifissero e con lui altri due, uno da una parte e uno dall’altra, e Gesù in mezzo. 19Pilato compose anche l’iscrizione e la fece porre sulla croce; vi era scritto: «Gesù il Nazareno, il re dei Giudei». 20Molti Giudei lessero questa iscrizione, perché il luogo dove Gesù fu crocifisso era vicino alla città; era scritta in ebraico, in latino e in greco. 21I capi dei sacerdoti dei Giudei dissero allora a Pilato: «Non scrivere: “Il re dei Giudei”, ma: “Costui ha detto: Io sono il re dei Giudei”». 22Rispose Pilato: «Quel che ho scritto, ho scritto».

23I soldati poi, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti, ne fecero quattro parti – una per ciascun soldato – e la tunica. Ma quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d’un pezzo da cima a fondo. 24Perciò dissero tra loro: «Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca». Così si compiva la Scrittura, che dice:

Si sono divisi tra loro le mie vesti

e sulla mia tunica hanno gettato la sorte.

E i soldati fecero così.

25Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala. 26Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!». 27Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!». E da quell’ora il discepolo l’accolse con sé.

28Dopo questo, Gesù, sapendo che ormai tutto era compiuto, affinché si compisse la Scrittura, disse: «Ho sete». 29Vi era lì un vaso pieno di aceto; posero perciò una spugna, imbevuta di aceto, in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. 30Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse: «È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito.

31Era il giorno della Parasceve e i Giudei, perché i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato – era infatti un giorno solenne quel sabato –, chiesero a Pilato che fossero spezzate loro le gambe e fossero portati via. 32Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe all’uno e all’altro che erano stati crocifissi insieme con lui. 33Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, 34ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua. 35Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera; egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate. 36Questo infatti avvenne perché si compisse la Scrittura: Non gli sarà spezzato alcun osso. 37E un altro passo della Scrittura dice ancora: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto.

38Dopo questi fatti Giuseppe di Arimatea, che era discepolo di Gesù, ma di nascosto, per timore dei Giudei, chiese a Pilato di prendere il corpo di Gesù. Pilato lo concesse. Allora egli andò e prese il corpo di Gesù. 39Vi andò anche Nicodèmo – quello che in precedenza era andato da lui di notte – e portò circa trenta chili di una mistura di mirra e di àloe. 40Essi presero allora il corpo di Gesù e lo avvolsero con teli, insieme ad aromi, come usano fare i Giudei per preparare la sepoltura. 41Ora, nel luogo dove era stato crocifisso, vi era un giardino e nel giardino un sepolcro nuovo, nel quale nessuno era stato ancora posto. 42Là dunque, poiché era il giorno della Parasceve dei Giudei e dato che il sepolcro era vicino, posero Gesù.

Collocazione del brano
Gesù è stato arrestato e viene portato davanti alle autorità giudaiche. Il processo a suo carico ha inizio. Intrecciata al processo vi è la narrazione dei rinnegamenti di Pietro.

Lectio
12Allora i soldati, con il comandante e le guardie dei Giudei, catturarono Gesù e lo legarono.
La scena dell'arresto si conclude con le guardie che portavano via Gesù. Giovanni presenta Gesù come un soggetto pericoloso (cf. Gv 11,57), perciò deve essere subito legato e portato via.

13e lo condussero prima da Anna: egli infatti era suocero di Caifa, che era sommo sacerdote quell'anno.
Stranamente Gesù viene prima portato da Anna, suocero del sommo sacerdote in carica. Questo personaggio è stato ignorato dai Sinottici. Sommo sacerdote negli anni tra il 6 e il 15 era stato destituito dai Romani; tuttavia secondo il diritto giudaico conservava il titolo e l'influenza di sommo sacerdote. Luca lo ricorda come riferimento storico (Lc 3,2) e lo nomina a capo dei membri del sinedrio che decidono di arrestare Pietro e Giovanni (At 4,6). Sembra dunque che sia Anna ad avere maggiore influenza durante il processo intentato contro Gesù.

14Caifa era quello che aveva consigliato ai Giudei: «È conveniente che un solo uomo muoia per il popolo».
Caifa viene ricordato per quanto aveva detto ai membri del sinedrio dopo la risurrezione di Lazzaro (11,50): era più conveniente che morisse un uomo solo piuttosto che rischiare di far perire l'intera nazione. Questa citazione ci ricorda che la sentenza capitale di Gesù era già stata pronunciata e inquadra il senso della morte di Gesù: egli doveva morire per la nazione e per radunare in uno i figli di Dio dispersi (11,52). Ma se Caifa ha potuto essere profeta a propria insaputa è grazie a un dono che gli era stato accordato in quanto sommo sacerdote di quell'anno.

15Intanto Simon Pietro seguiva Gesù insieme a un altro discepolo. Questo discepolo era conosciuto dal sommo sacerdote ed entrò con Gesù nel cortile del sommo sacerdote.
Pietro seguiva Gesù insieme a un altro discepolo. Questo verbo seguire è il senso tradizionale della sequela del discepolo. E' questo uno dei termini cari a Giovanni. Dopo il fallimento del tentativo di difendere il Maestro, che lasciandosi arrestare ha accettato il calice che il Padre gli presentava, Simon Pietro si arrischia a seguire Gesù là dove viene condotto, nel palazzo del Sommo Sacerdote: spera forse di vedere (come dice Mt 26,58) "come sarebbe andata a finire". Insieme a lui c'è un altro discepolo che conosceva il sommo sacerdote ed entra con Gesù. Questo personaggio viene comunemente identificato con Giovanni, il discepolo che Gesù amava.

16Pietro invece si fermò fuori, vicino alla porta. Allora quell'altro discepolo, noto al sommo sacerdote, tornò fuori, parlò alla portinaia e fece entrare Pietro.
Evidentemente nella comunità giovannea il discepolo che Gesù amava aveva più importanza di Pietro. Qui è grazie alla sua influenza che anche Pietro può entrare nel cortile della casa del sommo sacerdote.

17E la giovane portinaia disse a Pietro: «Non sei anche tu uno dei discepoli di quest'uomo?». Egli rispose: «Non lo sono». 18Intanto i servi e le guardie avevano acceso un fuoco, perché faceva freddo, e si scaldavano; anche Pietro stava con loro e si scaldava.
La giovane portinaia gli chiede subito se non fosse uno dei suoi discepoli. La domanda è ovvia, visto che è stato introdotto dal discepolo conosciuto dal sommo sacerdote. Pietro rinnega Gesù per la prima volta. Egli poi non potendo fare altro, si mette accanto al fuoco con le guardie. Nel mese di marzo in Palestina le notti possono essere fredde, quindi è plausibile ci fosse il fuoco. Pietro però rimane in piedi attorno al fuoco, non si siede, come è annotato nei Sinottici.

19Il sommo sacerdote, dunque, interrogò Gesù riguardo ai suoi discepoli e al suo insegnamento.
Questo incontro tra Gesù e Anna non può essere chiamato processo. L'imputato era ancora legato. Di norma dovevano essere ascoltati i testimoni, ma qui erano assenti, come assenti i membri del sinedrio. Tutto avviene come se Anna, con le sue guardie fosse solo davanti a Gesù. Le sue domande sono generali, sembrano formulate solo per introdurre la risposta di Gesù. Egli si informa sui suoi discepoli e il suo insegnamento. Davanti al numero crescente di coloro che seguivano Gesù di Nazaret i farisei si erano allarmati. Stava nascendo una nuova setta?
20Gesù gli rispose: «Io ho parlato al mondo apertamente; ho sempre insegnato nella sinagoga e nel tempio, dove tutti i Giudei si riuniscono, e non ho mai detto nulla di nascosto.
La risposta di Gesù è bipartita. La rivelazione ha avuto luogo. Il verbo parlare è usato qui nel suo senso forte. Gesù, come JHWH ha parlato apertamente non in un luogo oscuro (cf. Is 45,19). Ha insegnato dove i giudei si radunano, nella sinagoga e nel tempio, i luoghi di preghiera in cui l'israelita alla ricerca di Dio più facilmente lo incontra. Egli si era manifestato come l'inviato di Dio.
Ciò che il Padre aveva ordinato di dire era stato proclamato nella città santa: come avrebbe potuto ignorarlo il responsabile della comunità giudaica, se non perché non lo aveva ascoltato?

21Perché interroghi me? Interroga quelli che hanno udito ciò che ho detto loro; ecco, essi sanno che cosa ho detto».
Ecco dunque la seconda parte della risposta di Gesù. Le parti si rovesciano, è lui che chiede ad Anna "Perché mi interroghi?". Indirettamente, egli denuncia l'ipocrisia della domanda e il rifiuto di ascoltare. Ci sono però coloro che hanno ascoltato e hanno accolto la sua parola.

22Appena detto questo, una delle guardie presenti diede uno schiaffo a Gesù, dicendo: «Così rispondi al sommo sacerdote?».
Viene riportato qui un elemento della tradizione sinottica, i maltrattamenti inflitti a Gesù in occasione del giudizio nel sinedrio. Questo maltrattamento però ha uno scopo diverso, Gesù avrebbe mancato di rispetto a un responsabile del suo popolo (vietato dalla Legge Es 22,27).

23Gli rispose Gesù: «Se ho parlato male, dimostrami dov'è il male. Ma se ho parlato bene, perché mi percuoti?».
Nei sinottici Gesù mantiene il silenzio sotto gli oltraggi, come il Servo di JHWH (Is 53,7), qui egli reagisce. Propone un'alternativa che mette la guardia dalla parte del torto. Gesù non ha parlato male perché ha portato una testimonianza sula propria precedente attività, invitando a procedere a un'inchiesta approfondita. Gesù rimane fermo nella sua testimonianza.

24Allora Anna lo mandò, con le mani legate, a Caifa, il sommo sacerdote.
Il racconto non prolunga il colloquio; non replicano né il sommo sacerdote né la guardia. Gesù ha dunque l'ultima parola. Ma il silenzio di Anna e il fatto che egli mandi a Caifa il prigioniero, sempre legato, confermano la sentenza già emessa. La violenza degli uomini sembra trionfare; Gesù entra nella Passione dove Dio tace, in attesa di glorificare il Figlio. L'incontro con il sommo sacerdote ha per Giovanni lo scopo di attestare solennemente la sua missione di Rivelatore. Tale missione è ormai compiuta. Gesù non rivelerà più con le parole, ma con i fatti, la sua passione, dimostrerà il legame perfetto che lo unisce al Padre.

25Intanto Simon Pietro stava lì a scaldarsi. Gli dissero: «Non sei anche tu uno dei suoi discepoli?». Egli lo negò e disse: «Non lo sono».
La narrazione torna fuori, nel cortile del sommo sacerdote. Le tre negazioni di Pietro si succedono in uno stesso periodo di tempo, anche se la prima viene isolata dalle altre nell'intreccio della narrazione. Le guardie pongono a Pietro la stessa domanda della portinaia. La loro domanda è dubitativa. Mentre nei sinottici le risposte di Pietro sottolineano di "non conoscere" l'uomo di cui si parla e sono intercalate da giuramenti e da imprecazioni, a Giovanni basta una negazione netta "non lo sono". Si nota subito la negazione di quel "Sono io" di Gv 18,5, nel giardino in cui Gesù è stato arrestato. Il collegamento è rafforzato dal ricordo del servo Malco.

26Ma uno dei servi del sommo sacerdote, parente di quello a cui Pietro aveva tagliato l'orecchio, disse: «Non ti ho forse visto con lui nel giardino?».
Il parente del servo che Pietro aveva ferito (Malco) invece vale come testimone oculare, egli l'aveva visto nell'orto degli Ulivi. L'effetto drammatico sta crescendo.

27Pietro negò di nuovo, e subito un gallo cantò.
L'ultima risposta di Pietro raccontata in modo asciutto e in modo altrettanto asciutto Giovanni annota che un gallo cantò. Mentre i Sinottici dipingono Pietro che impreca e non sa come divincolarsi. Giovanni isola il fatto nudo. Nulla viene ad attenuare la triplice negazione con la quale il discepolo ha sconfessato la propria appartenenza a Cristo. La sorte di Pietro sarà definita solo nel capitolo 21, quando il discepolo rattristato risponderà con fiducia alla triplice domanda del Risorto "Simone, mi ami?".

Meditatio
- Mi sono mai sentito offeso da domande vuote come quelle che il sommo sacerdote ha fatto a Gesù?
- Mi è capitato di rinnegare la mia fede nel momento in cui questa diventava scomoda?
- Davanti a quali situazioni ho detto "Sono io" con coraggio?

Preghiamo
(Orazione per la funzione del Venerdì Santo)
O Dio, che nella passione del Cristo nostro Signore ci hai liberati dalla morte, eredità dell'antico peccato trasmessa a tutto il genere umano, rinnovaci a somiglianza del tuo Figlio; e come abbiamo portato in noi, per la nostra nascita, l'immagine dell'uomo terreno, così per l'azione del tuo Spirito, fa' che portiamo l'immagine dell'uomo celeste. Per Cristo nostro Signore.

 

Ricerca avanzata  (48514 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: