PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Luca 15,1-32

Omelie.org (bambini)  

XXIV Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (11/09/2016)

Vangelo: Lc 15,1-32 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 15,1-32

In quel tempo, 1si avvicinavano a lui tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. 2I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro». 3Ed egli disse loro questa parabola:

4«Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? 5Quando l’ha trovata, pieno di gioia se la carica sulle spalle, 6va a casa, chiama gli amici e i vicini, e dice loro: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta”. 7Io vi dico: così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione.

8Oppure, quale donna, se ha dieci monete e ne perde una, non accende la lampada e spazza la casa e cerca accuratamente finché non la trova? 9E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, e dice: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la moneta che avevo perduto”. 10Così, io vi dico, vi è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte».

11Disse ancora: «Un uomo aveva due figli. 12Il più giovane dei due disse al padre: “Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta”. Ed egli divise tra loro le sue sostanze. 13Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto. 14Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. 15Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. 16Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla. 17Allora ritornò in sé e disse: “Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! 18Mi alzerò, andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; 19non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati”. 20Si alzò e tornò da suo padre.

Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. 21Il figlio gli disse: “Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio”. 22Ma il padre disse ai servi: “Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l’anello al dito e i sandali ai piedi. 23Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, 24perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. E cominciarono a far festa.

25Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; 26chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa fosse tutto questo. 27Quello gli rispose: “Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo”. 28Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a supplicarlo. 29Ma egli rispose a suo padre: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. 30Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”. 31Gli rispose il padre: “Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; 32ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”».

Forma breve (Lc 15, 1-10):

In quel tempo, 1si avvicinavano a lui tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. 2I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro». 3Ed egli disse loro questa parabola:

4«Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? 5Quando l’ha trovata, pieno di gioia se la carica sulle spalle, 6va a casa, chiama gli amici e i vicini, e dice loro: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta”. 7Io vi dico: così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione.

8Oppure, quale donna, se ha dieci monete e ne perde una, non accende la lampada e spazza la casa e cerca accuratamente finché non la trova? 9E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, e dice: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la moneta che avevo perduto”. 10Così, io vi dico, vi è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte».

Cari ragazzi, sapete benissimo che nella Bibbia Dio viene chiamato con tanti nomi. Vi siete mai chiesti quale sia tra tutti questi quello che meglio lo identifichi? Secondo Papa Francesco - lo ha affermato in una recente intervista - è "Misericordia"! Proprio in questa domenica, nel cuore del Giubileo dedicato interamente alla Misericordia, Gesù con tre parabole una più bella dell'altra (Lc 15,1-32) ci dà una "buona notizia": Dio è Misericordia! Vi ricordate che la parola "Vangelo" significa "buona notizia"? Siamo allora nel "cuore" del Vangelo, poiché la notizia più buona che sia stata mai data nella storia degli uomini è la Misericordia di Dio!

L'evangelista Luca ci dona una pagina con tre magnifiche "pennellate": la pecorella smarrita, la dracma perduta e il figlio ritrovato.

Perché Gesù racconta queste parabole? Gli scribi e i farisei - i soliti "brontoloni" che vedono solo il male dappertutto! - non mandano giù il fatto che a Lui si avvicinino i pubblicani e i peccatori; infatti, i primi sono molto odiati da tutti, perché riscuotono dagli ebrei le tasse per i romani, mentre i secondi in quanto non mettono in pratica la Parola di Dio. Gesù, Amore puro, come una "calamita" li attira e addirittura si fa una cosa sola con loro, condividendone pure i pasti a tavola. Per gli scribi e i farisei è impensabile che accada questo: un uomo giusto come Gesù non deve stare mai con dei peccatori, figuriamoci a tavola! Ma quest'ultimi capiscono che in Lui c'è la Parola che li accoglie e nutre la loro "fame" di vita e di amore. Allora Gesù invita a gioire per il dono della misericordia sia gli scribi che i farisei, i quali sono veramente "strani": non la desiderano per se stessi, in quanto si sentono giusti, e neppure per i peccatori. Essi pensano che basta studiare la Bibbia e mettere in pratica alcune regole religiose (per esempio fare un digiuno o dare qualche spicciolo al Tempio) per stare in pace con Dio. Ma com'è il loro cuore? È freddo! In realtà non ama sino in fondo Dio e gli altri, non s'infiamma d'amore vero!

Essi compiono i loro gesti solo per farsi vedere ed ammirare dagli altri, ma in realtà il loro cuore è mille miglia lontano da Dio! Insomma non ci mettono il cuore nei loro gesti, così come fa Gesù, che subito risponde alle loro chiacchiere con tre parabole.

Per capire la parabola della pecorella smarrita, cari ragazzi, facciamo riferimento alla vostra esperienza in famiglia: sicuramente avete dei fratelli o delle sorelle. Avete notato che quando manca qualcuno di loro in casa si vive in un clima di tristezza? Si sente un vuoto, nonostante la presenza di tutti gli altri! Certo! Perché ognuno è amato in modo unico e speciale da mamma, papà o dagli altri fratelli. Per questo anche il pastore non sta in pace quando si perde anche una sola pecora, nonostante ve ne siano altre novantanove vicine a lui: il suo amore per quella che manca è tale, che non può fare a meno di andarla a cercare. Così Dio è "follemente innamorato" di ciascuno di noi, che desidera farci vivere la festa e la gioia del suo perdono, del suo amore immenso, soprattutto ai peggiori peccatori: Egli vuole che non si perda proprio nessuno!

L'immagine della dracma perduta - si tratta di una moneta - ci lancia il medesimo messaggio.

Vi siete chiesti perché la donna non si è accontentata del suo "gruzzoletto" di nove dracme e si è disperata anche solo per una che se n'è persa? Ha ragione di preoccuparsi: la dracma è una moneta che vale una giornata di lavoro, quindi è un "tesoro", perché frutto di tante ore di sacrificio, di fatica e di sudore; per questo non può fare a meno di condividere la gioia con le sue amiche, una volta che l'ha ritrovata. Ognuno di noi non è forse un "tesoro", visto che per la felicità di ciascuno Gesù si è sacrificato in Croce? Così tanto più uno è peccatore, quanto più è un "tesoro" che il Padre cerca con cura e non può che fare festa quando lo ritrova!

Il culmine di tutto il discorso di Gesù è la parabola del "figlio ritrovato" - detta pure del "figliol prodigo" -, anche se il vero protagonista in realtà è il padre, che riesce a "commuoversi" alla vista del figlio più giovane che ritorna a lui, dopo aver abbandonato la casa e sperperato con una vita dissoluta la parte di eredità che gli spettava. Sia il figlio minore che il figlio maggiore commettono il medesimo errore: non hanno capito proprio nulla dell'amore del padre per loro!

Sono come gli scribi e i farisei: pensano che, solo facendo tante opere buone, possano ottenere l'amore del padre, come accade per i "concorsi a premi" - sicuramente avete già avuto modo di parteciparvi, ottenendo un peluche o una sveglia o chissà quale altro giocattolo!

indetti dai produttori di merendine, dai direttori di un supermercato o di un rifornimento di benzina, quando riempita la tessera-punti, si può vincere un regalo. Invece il padre vuole bene tutti e due i figli di un amore immenso e completamente gratuito, non perché lo meritino! Per cui il figlio minore, dopo aver capito che lontano dalla famiglia la vita è infelice, vuole ritornare a casa, accontentandosi di essere un servo, non immaginando che suo padre lo avrebbe riaccolto da "papà" e non da "padrone", organizzandogli addirittura una festa. Mentre il figlio maggiore, credendo di essere giusto e di meritare tanto, in quanto infaticabile lavoratore nei campi del padre e a questi sempre obbediente, è risentito, perché è stato organizzato un grande ricevimento per il fratello minore che, per le scelte sbagliate compiute, non l'avrebbe affatto meritato. Dio Padre aspetta di riabbracciare ciascuno, qualunque sia stato il peccato commesso: è pronto a correre verso il figlio peccatore e a fare festa. Dio Padre si "commuove" davanti ad ogni suo figlio che ritorna da lui: nutre sentimenti di bontà, di amore, di misericordia, di tenerezza. E tutto avviene in un grande slancio di gratuità e di generosità!

Ma si può vivere così? Certo! La prima e la seconda lettura in questa domenica ci offrono due testimoni privilegiati dell'amore misericordioso di Dio: il popolo d'Israele e San Paolo. Dio - grazie alla supplica di Mosè - "si pente" del male minacciato al popolo, che a causa della "testa dura" lo aveva tradito e si era allontanato la Lui. San Paolo, invece, racconta la propria testimonianza: nonostante il suo passato di bestemmiatore, persecutore e violento, egli sperimenta la misericordia di Dio, proprio perché grande peccatore, senza che se lo sia meritato!

E noi possiamo intraprendere questa bella esperienza così come hanno fatto il popolo eletto, san Paolo e tanti altri uomini e donne di ogni epoca? Sicuramente si! E allora non ci resta che accogliere tutta la misericordia di Dio per ciascuno di noi e farla sperimentare a tutte le persone che incontreremo in questa settimana, amando proprio tutti, sia i lontani che i vicini, i nemici e gli amici, con un cuore pronto ad accogliere e non a giudicare! Anzi la misericordia potrebbe diventare l'impegno da vivere per tutto il nuovo anno scolastico che si apre questa settimana: quante occasioni ci saranno ogni giorno per amare i compagni di classe, gli insegnanti e tutto il personale della scuola! Buon cammino di Misericordia! Buon anno scolastico!
Commento a cura di Giuseppe Gagliano

 

Ricerca avanzata  (43900 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: