PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Dio all'ultimo posto

don Giovanni Berti

XXII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (28/08/2016)

Vangelo: Lc 14,1.7-14 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 14,1.7-14

Avvenne che 1un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.

7Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: 8«Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, 9e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cedigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. 10Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. 11Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».

12Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. 13Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; 14e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».

Clicca qui per la vignetta della settimana.

Gesù è invitato a pranzo e tutti lo guardano e lo osservano. Lo mettono alla prova per vedere se dalle parole passa ai fatti, se anche lui in fondo è prigioniero delle consuetudini del tempo dove chi è più importante sta davanti, chi ha legami di parentela ha privilegi e dove chi è povero sta in fondo alla sala così come nella società. Possiamo dire che quella sala da pranzo del fariseo riproduce quello che succede oggi nel mondo e qui da noi, dove gli ultimi sono sempre ultimi e dove i privilegi sono sempre dei soliti e di chi ha soldi e potere.

E anche Gesù osserva gli invitati al pranzo, notando anche lui come ci sia la solita gara ad occupare i primi posti e come i più fortunati siano sempre i soliti e i più vicini al padrone di casa.

Da questa osservazione incrociata nasce l'insegnamento di Gesù che non è una mera strategia di falsa umiltà (...quando sei invitato, va' a metterti all'ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: "Amico, vieni più avanti!") ma un modo stesso di intendere la vita e le relazioni. La vita non è come una gara olimpica dove si fa di tutto (a volte anche in modo illecito... vedi la piaga del doping) per essere primi, ma la vita è invece una gara al contrario, cioè a cedersi il posto, a dare spazio e ad arrivare ultimi, anzi a farsi ultimi con gli ultimi, fino ad eliminare scale, graduatorie e competizioni umane.

Gesù quando parla così in fondo sta ancora una volta descrivendo se stesso e la sua identità profonda.

Gesù è Dio che si mette all'ultimo posto nascendo nel mondo come uomo come tutti. Gesù si lascia mettere all'ultimo posto quando non evita la croce, perché proprio lì ha la possibilità umana di incontrare gli ultimi più ultimi.

Gesù è Dio all'ultimo posto, il posto di Dio e il posto dove possiamo trovarlo se lo stiamo cercando.

Gesù è con coloro che non possono darci nulla in cambio se facciamo loro del bene. La ricompensa è Dio stesso e non denaro o potere.

Gesù, che in questi giorni di lutti incredibili e assurdi con il terremoto sembra assente e lontano, in realtà si è lasciato travolgere dai crolli e si è messo al posto dei più sfortunati e sofferenti. E chi ha scavato anche a mani nude per soccorrere, confortare, aiutare, ha scavato verso il cielo, ha davvero incontrato Dio anche se mentre scavava si domandava come mai Dio permette tutto questo.

Dio per la sua gloria ha scelto la strada dell'umiliazione, del rendersi umile come la terra, e da questa umiliazione manifesta la sua grandezza che è l'amore, che in ogni situazione, anche la più terribile rimane la vera strada per risorgere, anche dalle macerie più pesanti.

Clicca qui per lasciare un commento

 

Ricerca avanzata  (43449 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: