PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Fate questo... per il futuro

don Luciano Cantini  

don Luciano Cantini è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

Santissimo Corpo e Sangue di Cristo (Anno C) (29/05/2016)

Brano biblico: 1Cor 11,23-26 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 9,11-17

11Ma le folle vennero a saperlo e lo seguirono. Egli le accolse e prese a parlare loro del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure.

12Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: «Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta». 13Gesù disse loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Ma essi risposero: «Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente». 14C’erano infatti circa cinquemila uomini. Egli disse ai suoi discepoli: «Fateli sedere a gruppi di cinquanta circa». 15Fecero così e li fecero sedere tutti quanti. 16Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla. 17Tutti mangiarono a sazietà e furono portati via i pezzi loro avanzati: dodici ceste.

Nella notte in cui veniva tradito
Paolo ha sentito il bisogno di riprendere i Corinti che avevano degradato il modo di vivere insieme la Cena del Signore: Ma quando vi riunite, la vostra cena non è di certo la Cena del Signore! (1Cor 11,20). Attraverso le sue parole scopriamo che nelle assemblee c'è rivalità e ingiustizia, fame dei poveri e ubriachezze dei ricchi e si domanda: Perché disprezzate la chiesa di Dio e umiliate i poveri? (1Cor 11,22).
Proprio il disprezzo della chiesa e l'umiliazione dei poveri, la preoccupazione di salvaguardare le relazioni tra i cristiani più che la lode a Dio, induce san Paolo a tramandare per scritto ciò che lui a sua volta ha ricevuto. È la significativa portanza della tradizione che nella chiesa non solo trasmette gesti o atteggiamenti, dottrina e pensiero ma soprattutto permette allo Spirito di dire tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future (Gv 16,22).
L'Ultima cena viene raccontata in modo ampio da Matteo (26,26-29), Marco (14,22-24) e Luca (22,14-20); Paolo ci trasmette la tradizione più antica, quando Gesù istituisce la sua Cena per la sua Chiesa. La notte del tradimento è il contesto che viene richiamato perché non si abbia dubbi sul significato della sua morte a cui la celebrazione è legata per sempre. Cristo: si è offerto in sacrificio una volta per sempre, per prendere su di sé i peccati degli uomini (Ebr 9,28).

Lo spezzò e disse
Il gesto semplice e solenne dello spezzare il pane è comune a tutti, tutti i giorni e in tutte le tavole, ha assunto un significato incredibilmente evidente, invece ci siamo talmente infervorati nella preoccupazione di affermare e difendere il significato della presenza reale nella eucaristia, fossilizzandosi sul ministro, la materia, le parole, l'intenzione da perdere di vista il gesto, arrivando al punto, solo estetico, di lasciare il pane non spezzato nell'adorazione eucaristica. Eppure lo spezzare il pane designava il rito dell'Eucaristia quando ancora non aveva ricevuto un nome fisso e tecnico come quello che usiamo oggi (cfr At 2,42.46; 20,7.11). La dinamica del gesto di spezzare il pane continua a raccontarci la Passione di Cristo che ha spezzato la sua vita donandocela dalla croce, ma anche la reciprocità del dono nella comunione tra i fedeli: il pane che noi spezziamo non è forse comunione con il corpo di Cristo? Poiché c'è un solo pane, noi, pur essendo molti, siamo un corpo solo: tutti infatti partecipiamo dell'unico pane (1 Cor 10,17).

Fate questo in memoria di me
Nel testo paolino si ripete, sia per il pane che per il calice, il comando fate questo in memoria di me, non solo le parole ma anche il gesto è fondamentale: prendere, spezzare, ringraziare, mangiare, bere. Questo comando mette in evidenza la singolarità del rito cristiano, la sua espressività dinamica conservata gelosamente nella prima comunità. Il Signore ci chiama a entrare nel suo gesto, nelle sue parole, nella sua vita donata, nel suo sangue e nel suo corpo che è la Chiesa.
L'immagine del corpo ci aiuta a capire questo profondo legame Chiesa-Cristo, che san Paolo ha sviluppato in modo particolare nella Prima Lettera ai Corinzi (cfr cap. 12). Anzitutto il corpo ci richiama ad una realtà viva. La Chiesa non è un'associazione assistenziale, culturale o politica, ma è un corpo vivente, che cammina e agisce nella storia. E questo corpo ha un capo, Gesù, che lo guida, lo nutre e lo sorregge (papa Francesco 19.06.2013).

Voi annunciate la morte del Signore
Spezzare il pane e condividerlo insieme al vino raccontano la dinamica della comunità cristiana, le relazioni che la animano: una Chiesa carica di amore.
Vuol dire anche imparare a superare personalismi e divisioni, a comprendersi maggiormente, ad armonizzare le varietà e le ricchezze di ciascuno; in una parola a voler più bene a Dio e alle persone che ci sono accanto, in famiglia, in parrocchia, nelle associazioni (papa Francesco 19.06.2013).
Ogni volta che mangiamo il pane e beviamo dal calice, noi annunciamo la morte del Signore. Annunciamo che ogni cosa buona sgorga dalla croce di Cristo, diciamo che siamo stati salvati, che siamo nati di nuovo, morti al peccato. Insieme affermiamo di appartenere a Cristo, finché egli venga.
L'Eucarestia che celebriamo abbraccia il passato perché fa memoria, è una azione presente in quanto rispondiamo ad un comando, fate questo, che ci proietta...nel futuro, verso l'imminente ritorno di Cristo.

 

Ricerca avanzata  (45088 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: