PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Giovanni 16,12-15

fr. Massimo Rossi  

Santissima Trinità (Anno C) (22/05/2016)

Vangelo: Gv 16,12-15 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Gv 16,12-15

12Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. 13Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. 14Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. 15Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà.

"Trinità": dal punto di vista terminologico, è un neologismo inventato dalla Chiesa per dare un nome al nostro Dio e, pur proclamando la fede in un solo Dio, distinguerlo in tre Persone uguali e distinte: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Nel vocabolario mancava una parola che significasse contemporaneamente ‘uno' e ‘tre'; e voilà, ecco a voi la TRINITA'!

Venti secoli di riflessione teologica hanno sempre più arricchito, ma anche complessificato la conoscenza del Dio dei cristiani; del resto, la fede non è una cosa semplice, anche se Dio è l'Essere più semplice che c'è! tra i cosiddetti predicati di Dio c'è anche l'UNO: più semplice di così!

Com'è possibile, chiediamoci, dichiarare che 3 è uguale a 1?

Quest'oggi mi permetto di obbiettare sulla scelta del brano di Vangelo: al capitolo 10 di Giovanni, ma anche e soprattutto al capitolo 17, il Signore dichiara che lui e il Padre sono uno; e prega il Padre affinché anche coloro che (il Padre) gli ha affidato siano una cosa sola, come lui, Gesù, e il Padre sono una cosa sola. Secondo il mio modesto parere, questi due brani di Vangelo sono decisamente più appropriati per parlare della Trinità.
E lo Spirito Santo? dov'è finito lo Spirito Santo?

Lo Spirito Santo è l'Amore che lega il Padre al Figlio e viceversa! Quando si parla del Padre e del Figlio si parla implicitamente anche dello Spirito Santo!
Magari, parlando dei cristiani, si potesse dire lo stesso!

Magari, si potesse dare per scontato l'amore cristiano anche tra noi cristiani!

L'Amore che lega il Padre al Figlio è talmente vero, talmente ‘sostanziale' ed essenziale, da assumere i connotati di una Persona vera e propria, appunto, la terza Persona della Trinità...che, poi, è la prima in ordine di apparizione, nella Bibbia, l'ho già detto domenica scorsa, in occasione della solennità della Pentecoste.

C'è un aspetto di importanza capitale nella nostra riflessione sulla Trinità; e lo cogliamo osservando l'icona tradizionale della Trinità: il Padre sorregge con le mani la croce del Figlio, mentre lo Spirito Santo vola sospeso tra lo sguardo del Padre e il capo reclinato del Figlio.

La croce è l'ora del Figlio, certo, il momento della morte/innalzamento/glorificazione di Gesù.

Tuttavia, in quel momento, sono presenti tutte e tre le persone (della Trinità), a condividere l'estremo gesto di riconciliazione con il quale il Verbo incarnato rivela l'amore infinito di Dio.

Coloro che hanno superato da un po' gli -anta e si sono preparati alla prima comunione sul catechismo di Pio X, hanno studiato che Gesù patì come uomo, non come Dio.

Questa è ancora la spiegazione teologica del rapporto tra il nostro Dio infinito e immortale e la passione in croce di Gesù...

Ora, se è vero, com'è vero, che, in quanto Dio, il Signore non poteva né patire, né morire, gli autori della famosa icona occidentale della Trinità, dovrebbero spiegarci perché, al momento della morte del Figlio, convocano anche le altre due Persone... semplici testimoni?
Non credo!
Queste tre Persone, sono o non sono una cosa sola?

Se sì, allora non è errato pensare che tutto Dio nasce, tutto Dio opera prodigi, tutto Dio insegna e guarisce, tutto Dio patisce, tutto Dio muore, tutto Dio risorge. Certamente, nella persona di Cristo. Ma, come più volte sottolinea il Vangelo, il mistero dell'Incarnazione non separa il Figlio dal Padre e dallo Spirito Santo; in altre parole, l'unità trinitaria resta integra anche nel tempo che va dall'annunciazione dell'angelo a Maria santissima, all'Ascensione del Cristo al cielo.

È talmente armonica e integrale l'unità della sostanza delle tre Persone, che, dopo l'ascensione del Cristo risorto, anche la Trinità ne resta sensibilmente mutata: se prima dell'incarnazione la seconda persona della Trinità possedeva solo ed esclusivamente natura divina, dopo l'incarnazione, il Cristo conserva anche la natura umana (oltre a quella divina).

Come vedete, qualsiasi cosa possiamo affermare sulla Trinità, l'identità di Dio resta sempre un mistero, non solo nel senso di sacramento efficace della Grazia, ma anche nel senso di enigma, realtà troppo alta per com-prenderla e de-finirla. S.Agostino dichiara: "Se lo capisci non è Dio!" È doveroso riconoscere che queste precisazioni non aggiungono granché al Vangelo.

Con buona pace dei filosofi cristiani, il Vangelo è l'unico testimone autorevole e autentico, che ci possa illuminare e rivelare la Verità di Gesù di Nazareth e la Verità di Dio; non si tratta di due verità diverse: la prima è contenuta nella seconda, come la parte nel tutto.

Che ne dite, la finiamo qui? mi rendo conto che più ci inoltriamo nel discorso su Dio, più il discorso perde apparentemente il contatto con la realtà.

Tutta colpa, pardon, tutto merito della (filosofia) Scolastica, la quale rappresenta un crocevia, per la riflessione sul mistero di Dio, allorché, abbandonato per così dire l'elemento esperienziale della fede, cioè il momento liturgico, i teologi imboccarono la strada della speculazione filosofico-metafisica, assumendo concetti e categorie astratte, sillogismi, argomentazioni logiche, nella convinzione che tale cambio di rotta - dall'esperienza (sacramentale) di Dio, alla speculazione su Dio - potesse giovare alla comprensione delle verità rivelate.

Le intenzioni erano buone, più che buone... la riuscita, non lo so...

San Paolo ci ricorda che lo Spirito Santo ci insegna qualcosa di fondamentale sul nostro Dio: ci insegna a chiamarlo Padre. Così lo chiamò Gesù, nell'orto degli ulivi; e così lo chiamiamo noi, nella preghiera che Lui ci ha insegnato. La consapevolezza della paternità di Dio deve bastarci a vivere la fede e a sentirci fratelli nella fede.
E così sia!

 

Ricerca avanzata  (42953 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: