PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Giovanni 21,1-19

Omelie.org (bambini)  

III Domenica di Pasqua (Anno C) (10/04/2016)

Vangelo: Gv 21,1-19 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Gv 21,1-19

1Dopo questi fatti, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: 2si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaele di Cana di Galilea, i figli di Zebedeo e altri due discepoli. 3Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.

4Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. 5Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». 6Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. 7Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. 8Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri.

9Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. 10Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». 11Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si squarciò. 12Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. 13Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. 14Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti.

15Quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli». 16Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore». 17Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse: «Mi vuoi bene?», e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. 18In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi». 19Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».

Siamo ancora immersi nella luce della Pasqua e credo proprio che sentiamo nell'aria e nel cuore la gioia e il profumo della Resurrezione. Questo ci rende particolarmente attenti all'ascolto della Parola di Dio, specialmente quando la Chiesa ci propone un brano come quello di oggi, raccontato dalla voce dell'evangelista Giovanni.

Siamo sul lago di Tiberiade, sono passati alcuni giorni dalla Resurrezione e dopo le apparizioni straordinarie della Domenica di Pasqua e della Domenica successiva, quando nel Cenacolo era presente anche Tommaso... non è più accaduto nulla di speciale.

Nessun segno da parte del Signore Risorto. Nessuna indicazione su quello che devono fare adesso. Gli Apostoli non sanno come regolarsi, i Discepoli sono incerti, le folle di un tempo sono sparite...

Pietro, al tramonto di una giorno irrequieto, prende una decisione e l'annuncia anche agli altri: lui va a pescare, torna a fare quello che ha sempre fatto nella sua vita, il pescatore.

"Si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: Io vado a pescare. Gli dissero: Veniamo anche noi con te. Allora uscirono e salirono sulla barca; ma in quella notte non presero nulla."

Simon Pietro aveva incontrato Gesù proprio mentre era pescatore ed aveva ricevuto l'invito stupendo a diventare "pescatore di uomini". Ora che il Rabbi di Nazareth non è più con loro, Pietro pensa che la cosa migliore sia tornare al suo antico lavoro, al vecchio mestiere che conosce così bene. Anche altri lo seguono sulla barca, ma la loro pesca è infruttuosa.

Mentre tornano a riva scoraggiati, perché l'alba sta ormai sorgendo, sulla spiaggia vedono un uomo che ha acceso un fuoco ed ha le braci pronte per cuocere il pesce. Ma loro non hanno nulla da offrire. Lo sconosciuto li invita a fare un ultimo tentativo ed ecco che le reti si riempiono talmente tanto che faticano a tirarle su.

Allora riconoscono il Signore: quell'uomo sulla spiaggia è Gesù!

Come fanno a capirlo? Ma perché questa situazione è proprio tanto tanto simile a quello che ci racconta l'evangelista Luca a proposito del primo incontro tra Pietro e Gesù, tre anni prima.

Anche in quell'occasione Simone e gli altri erano sul lago (anche se allora era un altro lago, quello di Genezaret). Anche quella volta avevano faticato per tutta la notte senza riuscire a prendere nulla. Rientrando dalla pesca, avevano accettato di ospitare sulla barca il giovane Rabbi, che ancora conoscevano appena, per permettergli di parlare alla folla raccolta sulla riva.

Al termine del suo discorso il Maestro li aveva invitati a gettare le reti, anche se ormai era giorno inoltrato, un momento decisamente poco adatto per pescare.

Però quella volta, dopo averlo ascoltato predicare, Pietro si era fidato ed aveva calato le reti. Quelle reti che quasi si erano rotte per il troppo peso!

In quest'alba sul lago di Tiberiade, tre anni più tardi, ecco che si rinnova lo stesso miracolo. I gesti e le parole sono così simili che finalmente riconoscono il Signore: Pietro si tuffa per raggiungere in fretta la riva, impaziente di riabbracciare il suo Maestro, mentre gli altri pian piano raggiungono la spiaggia portando "centocinquantatré grossi pesci".

Che bello questo particolare! Si sente tutta l'emozione di Giovanni che li ha contati uno per uno e che, a distanza di anni, quando scrive il suo vangelo ed è ormai molto anziano, se li ricorda ancora bene quei pesci guizzanti!

A questo punto, mentre gli Apostoli fanno colazione sulla spiaggia insieme al loro amato Maestro vorrei farvi una domanda: come mai non sanno riconoscere Gesù?

Eppure lo avevano già rivisto più di una volta dopo la Resurrezione: si presenta ogni volta con una faccia nuova, diversa?

Ci ho pensato tanto, sapete?, perché mi sembrava un dettaglio importante. Loro, che sono i suoi amici, che hanno condiviso la quotidianità con Gesù per tre anni interi, non lo riconoscono? Loro, che hanno visto le ferite sul suo corpo risorto, quando è entrato a porte chiuse nel Cenacolo, ecco che dopo pochi giorni non lo riconoscono?

Non sono una studiosa, ma vi dico in confidenza che cosa ho intuito: Gesù vivo e Risorto non si svela subito, non si fa riconoscere immediatamente, perché vuole che impariamo a riconoscerlo nel volto di OGNI fratello che incontriamo. Magari è proprio dietro il volto di chi non ci aspetteremmo. È un modo per invitarci a trattare chiunque accostiamo, con lo stesso amore e lo stesso rispetto che avremmo per il Maestro e Signore.

Questo mi fa venire in mente la storia dei monaci litigiosi: la conoscete? Allora ve la racconto.

In un paese lontano c'era un monastero dove i monaci litigavano in continuazione tra loro. Per ogni sciocchezza scoppiavano alte grida, per ogni piccolezza c'erano discussioni e parole sgarbate... Era veramente un luogo sgradevole, proprio non si sentiva la presenza del Signore ed infatti nessuno andava mai a trovare i monaci, a pregare con loro, ad ascoltare il loro insegnamento.

In una notte di temporale, un vecchio mendicante bussò alla porta e chiese ospitalità. Venne accolto, sfamato e gli fu dato un posto al caldo per dormire; ma egli assistette anche ai battibecchi ed ai dispetti che i monaci si facevano a vicenda. Prima di ripartire, il mattino seguente, il vecchio disse:"Questa notte ho fatto uno strano sogno: un angelo è venuto a rivelarmi che Gesù Risorto è proprio qui, in questo monastero. Non vuole farsi riconoscere, ma è proprio uno di voi!"

E con grande rispetto il vecchio li salutò uno per volta, perché ciascuno poteva essere il Signore. Partito il vecchio, i monaci cominciarono a riflettere: ciascuno si domandava chi di loro fosse Gesù, nascosto sotto le sembianze di uno dei confratelli. Era forse il frate portinaio? Ma no, figuriamoci, quel ficcanaso! O forse era il cuoco? Ma no, così goloso! Magari il sagrestano? Ma no, sempre a brontolare! Allora il superiore? Ma se era sempre impaziente!

Insomma, a guardar bene, tutti avevano dei difetti, eppure uno di loro doveva essere Gesù, vivo e presente tra loro! Per non correre il rischio di trattar male Gesù, i monaci cominciarono ad avere una grande gentilezza reciproca, pensando che se erano cortesi con tutti, non potevano sbagliarsi. In questo modo, scoprirono com'era bello vivere in armonia, rispettandosi ed amandosi, e cominciarono a capire che era proprio vero: il Signore Gesù era vivo e presente

in ognuno di loro, la luce del Risorto era nell'anima di ogni fratello!

Il monastero cambiò e divenne il luogo dove tutti accorrevano volentieri perché si respirava la presenza di Dio, vivo e presente nel sorriso di ogni monaco.

Penso che questo sia l'impegno anche per noi, in questo tempo di Pasqua: chi ci incontra, a casa, a scuola, in palestra, ai giardini, deve sentire che portiamo dentro di noi la gioia della Resurrezione!

E noi siamo invitati a trattare tutti quelli che accostiamo con garbo, bontà, sorriso, pazienza... avendo la certezza che ognuno nasconde in sè il volto di Cristo. Non importa se subito non riusciamo a riconoscerlo: neppure gli Apostoli che lo conoscevano così bene ne sono stati capaci! Ma Gesù è lì: aspetta solo che lo vediamo!
Commento a cura di Daniela De Simeis

 

Ricerca avanzata  (45069 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: