PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Fil 1,4-6.8-11

Monastero Domenicano Matris Domini  

II Domenica di Avvento (Anno C) (06/12/2015)

Brano biblico: Fil 1,4-6.8-11 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 3,1-6

1Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetrarca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetrarca dell’Iturea e della Traconìtide, e Lisània tetrarca dell’Abilene, 2sotto i sommi sacerdoti Anna e Caifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. 3Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, 4com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia:

Voce di uno che grida nel deserto:

Preparate la via del Signore,

raddrizzate i suoi sentieri!

5Ogni burrone sarà riempito,

ogni monte e ogni colle sarà abbassato;

le vie tortuose diverranno diritte

e quelle impervie, spianate.

6Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!

Collocazione del brano
Dopo l'indirizzo, Paolo come è consueto in quasi tutte le sue lettere, continua con un brano di ringraziamento. Infatti il v. 3 dice Rendo grazie al mio Dio ogni volta che mi ricordo di voi, e poi si continua con il brano che leggiamo oggi. Insieme al ringraziamento vi è anche la preghiera a Dio affinché la comunità continui a crescere nella carità e in un comporta-mento degno della propria vocazione a seguire Cristo e a presentarsi irreprensibili davanti a Lui. Anche con la seconda lettura riflettiamo dunque sul tema della vigilanza che ci sta accompagnando durante questo Avvento.

Lectio
Fratelli, 4sempre, quando prego per tutti voi, lo faccio con gioia 5a motivo della vostra cooperazione per il Vangelo, dal primo giorno fino al presente.
Paolo è giustamente soddisfatto per gli effetti che la sua predicazione ha avuto a Filippi. La comunità non solo è cresciuta salda e compatta, ma addirittura collabora con Paolo per la diffusione del Vangelo. Essi dal primo giorno, cioè dalla loro conversione (At 16,12-40) hanno sofferto per il Vangelo (Fil 1,29-30), hanno dato la loro testimonianza (Fil 2,15-16) e con aiuti materiali sostengono Paolo che si trova in carcere.

6Sono persuaso che colui il quale ha iniziato in voi quest'opera buona, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù.
Paolo come sempre non attribuisce a sé il merito della buona riuscita della sua predica-zione, ma giustamente riconosce l'azione di Dio. Il Signore che ha fatto sì che i filippesi aderissero con convinzione e in modo attivo alla fede, li accompagnerà fino al giorno della seconda venuta di Gesù nella gloria.

8Infatti Dio mi è testimone del vivo desiderio che nutro per tutti voi nell'amore di Cristo Gesù.
La liturgia salta il v. 7 in cui Paolo esprime il suo affetto verso i filippesi. Nel v. 8 prende a testimone Dio di questo suo affetto. E' un affetto che porta in sé un vivo desiderio. Di cosa?

9E perciò prego che la vostra carità cresca sempre più in conoscenza e in pieno discernimento,
Paolo vuole che progrediscano nella vita cristiana, che è un continuo cammino di crescita nell'amore vicendevole e aperto a tutti. Tale amore deve crescere in intuizione e sensibilità per leggere la realtà e fare scelte concrete.

10perché possiate distinguere ciò che è meglio ed essere integri e irreprensibili per il giorno di Cristo,
C'è un appuntamento che attende tutti i cristiani: il giorno del ritorno di Gesù Cristo. A Lui bisogna presentarsi integri e irreprensibili, cioè dopo aver rinunciato per sempre al male e non avendo in sé alcun motivo di biasimo.

11ricolmi di quel frutto di giustizia che si ottiene per mezzo di Gesù Cristo, a gloria e lode di Dio.
Davanti a Gesù bisogna presentare un frutto, la giustizia. Però non è possibile rendersi giusti da soli, o con le proprie opere. E' ancora Gesù Cristo che ci rende giusti, grazie alla sua morte che ci ha liberato dalla morte e dal peccato. Tutto questo non è a nostra lode, ma è a lode e gloria di Dio

Meditiamo
- Ho mai pregato per qualcuno "con gioia"?
- Sto progredendo nella carità e nel discernimento della volontà di Dio?
- Ho trovato in me frutti di giustizia che vengono da Gesù Cristo? Di cosa si tratta?

 

Ricerca avanzata  (43449 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: