PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Dall'incontro con Dio l'amore ai fratelli

don Roberto Rossi  

XVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (19/07/2015)

Vangelo: Mc 6,30-34 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mc 6,30-34

30Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. 31Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. 32Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. 33Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero.

34Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.

Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e insegnato.

E' una comunicazione di vita, è un mettere in comune i doni di Dio e ringraziare il Signore della missione alla quale ha chiamato e delle opere che ha compiuto, attraverso i suoi figli. E' una revisione comunitaria di vita, di vita cristiana, di vita apostolica.

Gesù disse loro: Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto e riposatevi un po'. Molti andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare.

Innanzitutto è una grande fortuna poter lavorare, avere molte cose da fare, riuscire a portare avanti i propri impegni. La nostra vita è piena di doni di Dio: la salute, le capacità, la famiglia, il lavoro.

Ma proprio per poter continuare a portare avanti la propria vita, molte volte intensa, occorre, sapersi fermare, prendere un giusto riposo non solo fisico, ma psichico, spirituale. Noi pensiamo alle ferie, al giorno di domenica, ai turni di riposo. Ma c'è un riposo particolare, un tempo speciale, una ricarica interiore che è il tempo della preghiera: Il tempo della preghiera nella propria giornata, tempo di silenzio, di raccoglimento, di pace, di chiarezza, di forza; il tempo della preghiera nella settimana, esperienze particolari durante l'anno, specie d'estate: un pellegrinaggio, un corso, un'esperienza, un momento forte...

La gente vede Gesù e gli apostoli che partono, allora li seguono o addirittura li anticipano.

C'è il grande bisogno di Dio e delle cose che solo Dio può dare. Sempre c'è gente che segue, che cerca, che ha bisogno di parole vere, di salvezza profonda.

Gesù, sceso dalla barca, vede una grande folla, ha compassione, perché tutte quelle persone erano come pecore senza pastore e si mette a insegnare molte cose.

Ecco Gesù, il vero pastore, il pastore buono, che ha compassione, e vuole prendersi cura di ciascuno, come ci dirà nella parabola della pecora smarrita.

C'è qui anche un riferimento al testo del profeta Geremia, dove il Signore rimprovera i pastori di Israele che non pascolano, non servono, ma sfruttano, disperdono, allontanano. Il Signore annuncia che Lui stesso si prenderà cura del suo gregge, che Lui stesso sarà il pastorale dell''umanità. E questo avviene nella vita e nella missione di Gesù, il Salvatore.

Possiamo fare qui una riflessione particolare: oggi l'umanità ha tanto bisogno di pace, di pane, di vita, di libertà, di parole di verità. Ci sono tanti che hanno responsabilità sociali, politiche, religiose e anziché servire, proteggere, promuovere, sfruttano e operano il male verso quelle persone che dovrebbero servire e amare.

Noi come ci troviamo in questa situazione? Abbiamo compassione delle folle, dei popoli, dei fratelli bisognosi di tutto?

Sull'esempio di Gesù, buon pastore, che dà la vita per le sue pecore, qual è il nostro compito di uomini e di cristiani?

Non soltanto il papa, i vescovi, i sacerdoti, ma ogni cristiano può prendersi cura dei fratelli, può avere un amore di pastore per il prossimo bisognoso.

Sentendo tutta la gioia che il Signore Gesù ci dà con la sua premura di buon pastore, possiamo anche noi portare concretamente speranza, gioia, pace, aiuto a tanti nostri fratelli.

Vuoi ricevere nella tua email i commenti di don Roberto Rossi? Semplicissimo!
Clicca su questo indirizzo email per mandare un'email vuota; riceverai un'altra email da Yahoogroups con un link da cliccare per confermare la tua iscrizione:

pn-donroberto-subscribe@yahoogroups.com

 

Ricerca avanzata  (46232 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: