PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Chiamò a sé i suoi e prese a mandarli...

don Roberto Rossi  

don Roberto Rossi è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

XV Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (12/07/2015)

Vangelo: Mc 6,7-13 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mc 6,7-13

7Chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. 8E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; 9ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. 10E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. 11Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». 12Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, 13scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

Gesù sceglie i dodici apostoli perché stessero con lui e per mandarli ad annunciare il regno di Dio, la conversione, la salvezza che Gesù opera.

Li manda "due a due": qui c'è il grande valore dell'unità dei cuori. Non si va come battitori solitari, ma nell'esperienza della fraternità, della comunione, della fatica e bellezza dell'unità nella diversità. E in mezzo ai due c'è Lui, Gesù, il Signore: Dove due o tre sono nel mio nome, Io sono in mezzo a loro. Il primo annuncio è fatto non con le parole, ma con l'amore fraterno. "Guardate come si amano!".

Un secondo elemento è la essenzialità della vita e dei mezzi (un bastone, i sandali, una tunica). Il vangelo lo si annuncia contando prima sulla potenza di Dio e non tanto sulle cose umane e strumentali.

Terzo fatto: dimorare con le persone, condividendo la loro vita.

Quarto li manda a proclamare la conversione, a guarire i malati, a scacciare i demoni.

Quella che è la missione degli apostoli diventa la missione della Chiesa, cioè dei cristiani, di ogni battezzato e cresimato, di ognuno che ha ricevuto la grazia del Signore, la luce del vangelo, la fede cristiana.

Abbiamo bisogno di fare nostri i continui inviti del papa ad essere evangelizzatori, missionari, portatori della gioia e della luce del vangelo nel nostro tempo e alle persone con le quali ci troviamo; a essere "Chiesa in uscita" verso il mondo, verso i poveri, verso le "periferie esistenziali" come le chiama lui. Ogni giorno ci aiuta e ci richiama a questo e soprattutto ha dedicato il suo documento programmatico "Evangelii gaudium, la gioia del vangelo", proprio a questa missione evangelizzatrice. Stiamo studiando questo documento, come parrocchia, sentiamo che è bello, importante, necessario, metterci in questo cammino di vero rinnovamento della vita cristiana, che è vero amore al mondo di oggi, con tutti i suoi problemi e le sfide che ci chiama ad affrontare.

Forse fino a qualche tempo fa era nota la convinzione che essere cristiani era (e forse lo è ancora) andare in chiesa. Certamente la vita cristiana ha il suo culmine, la fonte, il centro nell'Eucarestia; ma a quello ci si arriva se c'è l'evangelizzazione, la conversione, la scoperta dell'amore infinito e misericordioso di Dio. Per fare questo oggi deve nascere la consapevolezza che si è cristiani quando si esce di chiesa e si va ai fratelli, al prossimo, alla società, al mondo.

Qualcuno può dire: "ma ci sono gli altri: i preti, i catechisti, i bravi cristiani, capaci di testimoniare. Io non mi sento, non sono capace. Chi sono io per andare come evangelizzatore verso gli altri?"

Las risposta oggi l'abbiamo nella testimonianza umile, ma decisa del profeta Amos "Io non ero profeta, ma un mandriano e un coltivatore di sicomori, ma il Signore mi prese, mi chiamò e i disse: Và, profetizza al mio popolo".

Ma soprattutto abbiamo il grande testo dell'inizio della lettera di Paolo agli Efesini: proviamo a rileggerlo, sottolineando tutte le cose che il Signore ha fatto per ciascuno di noi, per capire quanto siamo pieni di doni di Dio, da far fruttare.

Benedetto Dio Padre:

- Ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli in Cristo

- Ci ha scelti prima della creazione del mondo

- Per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità

- Ci ha predestinati ad essere suoi figli adottivi

- Ci ha ammessi allo splendore della sua grazia nel Figlio amato

- Abbiamo la redenzione, il perdono delle colpe

- - ci ha riversato la redenzione con ogni sapienza e intelligenza-ci ha fatto conoscere il mistero della sua volontà: ricondurre a Cristo tutte le cose

- Siamo stati fatti eredi, predestinati a essere lode della sua gloria

- Abbiamo ascoltatola parola di verità, abbiamo creduto-abbiamo ricevuto il sigillo dello Spirito Santo

- Siamo in attesa della completa redenzione, perché Dio ci ha acquistati a lode della sua gloria.

Con tutti questi doni di Dio non possiamo affermare di non essere capaci, di non essere chiamati, di non avere la grazia, l'onore, la vocazione per essere annunciatori dell'infinito amore di Dio.

Si tratta di cominciare ogni giorno e di lasciarci amare, trasformare, mandare. Questa, sentiamo, è la vita cristiana.

Dio non sceglie i capaci, ma rende capaci chi sceglie.

 

Ricerca avanzata  (41338 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: