PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Mt 7,7-12

Paolo Curtaz  

Giovedì della I settimana di Quaresima (21/02/2013)

Vangelo: Mt 7,7-12 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

In questo anno della fede siamo chiamati a riscoprire la verità della preghiera così come ce la presenta Gesù. Il discepolo imita il Maestro anche in questo, nel praticare una preghiera come ha visto fare al Signore. E due sono gli aspetti fondamentali nella preghiera del cristiano: sapere a chi ci si rivolge e non dissociare la preghiera dalla vita reale. Molto spesso chiediamo e non riceviamo perché chiediamo male o chiediamo cose che, in verità, non ci sono necessarie o perché non chiediamo ad un Padre ma ad un despota da convincere e convertire. Gesù ci insegna a rivolgerci continuamente ad un Padre che sa bene ciò di cui abbiamo bisogno. Se è davvero così, allora, la preghiera non cambia Dio ma cambia noi, cambia me. Inoltre, dice il vangelo di oggi, la preghiera cambia la vita: così, al centro dell'attenzione dei credenti di tutte le epoche, le regole da seguire sono riassunte da un atteggiamento leale e fattivo del mettere in opera azioni a favore di chi incontriamo. Gesù non si accontenta, come fanno i rabbini suoi contemporanei, di raccomandare di non fare agli altri ciò che non vogliamo che gli altri facciano a noi, ma ci chiede di manifestare benevolenza fattiva ed efficace verso tutti coloro che incontriamo.

Libri di Paolo Curtaz

Vuoi ricevere nella tua email i commenti di Paolo Curtaz? Semplicissimo!
Clicca su questo indirizzo email per mandare un'email vuota; riceverai un'altra email da Yahoogroups con un link da cliccare per confermare la tua iscrizione:

pn-paolocurtaz-subscribe@yahoogroups.com

 

Ricerca avanzata  (47088 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: