PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Matteo 20,1-16

Gaetano Salvati

XXV Domenica del Tempo Ordinario (Anno A) (21/09/2014)

Vangelo: Mt 20,1-16 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mt 20,1-16

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: 1Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all’alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. 2Si accordò con loro per un denaro al giorno e li mandò nella sua vigna. 3Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano in piazza, disoccupati, 4e disse loro: “Andate anche voi nella vigna; quello che è giusto ve lo darò”. 5Ed essi andarono. Uscì di nuovo verso mezzogiorno, e verso le tre, e fece altrettanto. 6Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano lì e disse loro: “Perché ve ne state qui tutto il giorno senza far niente?”. 7Gli risposero: “Perché nessuno ci ha presi a giornata”. Ed egli disse loro: “Andate anche voi nella vigna”.

8Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: “Chiama i lavoratori e da’ loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi”. 9Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro. 10Quando arrivarono i primi, pensarono che avrebbero ricevuto di più. Ma anch’essi ricevettero ciascuno un denaro. 11Nel ritirarlo, però, mormoravano contro il padrone 12dicendo: “Questi ultimi hanno lavorato un’ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo”. 13Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: “Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse concordato con me per un denaro? 14Prendi il tuo e vattene. Ma io voglio dare anche a quest’ultimo quanto a te: 15non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?”. 16Così gli ultimi saranno primi e i primi, ultimi».

San Paolo esorta i filippesi a comportarsi "in modo degno del vangelo di Cristo" (Fil 1,27); senza invidia, ma riconoscenti verso il Signore per il dono di grazia ricevuto con il battesimo. Tale dono libera le nostre esistenza dall'ombra della morte.

Liberati e perdonati, i nostri pensieri sono lontani, estranei al modo di guardare e custodire il cammino degli uomini da parte del Signore (Is 55,8). È quello che Gesù ci dice nella parabola odierna.

"Il regno dei cieli" (Mt 20,1) è l'incontro fra Dio, che vuole tutti salvi, e la nostra storia, trasformata, redenta con il sangue dell'Innocente. In Lui, nella sua opera d'amore, ogni uomo può trovare la verità, la condizione necessaria per realizzarsi come uomo e come figlio di Dio.

"Il padrone di casa uscì all'alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna" (v. 1). La verità non aspetta l'iniziativa dell'uomo: è Cristo, una persona non una idea, che cerca la creatura. Quando l'ha trovata e questi ha risposto al Suo amore, la rende testimone del Suo regno. Essere testimone del regno significa che ogni cristiano è chiamato a servire il padrone, Cristo. Servire non indica schiavitù, bensì amare nei fratelli il Signore, senza ottenere nulla in cambio, fino al sacrificio, come ha fatto il Figlio di Dio.

"Chiama i lavoratori e dai loro la paga" (v.8). Qual è la paga che il Signore riserva a coloro che hanno risposto al suo invito? È Cristo la nostra paga, la Sua dolce presenza che conforta nelle afflizioni, che dona la forza per superare gli ostacoli quotidiani, che elargisce la pace e la consapevolezza che siamo amati nonostante tutto.

"Quando arrivarono i primi - i lavoratori della prima ora - mormoravano contro il padrone" (v.10-11). Se lavoriamo per noi stessi e non per il padrone, vogliamo gli elogi oppure avanzare di carriera; in questo modo abbandoniamo il senso per cui siamo stati chiamati, la gratuità: vivere per Cristo.

"Gli ultimi saranno i primi e i primi, gli ultimi" (v.16). È una ammonizione del Signore, un consiglio a non farci superbi, a non considerarci pienamente realizzati anche se svolgiamo un compito rilevante all'interno della comunità cristiana. La paga è ottenuta, ma è facile pure che i nostri sguardi possano rivolgersi verso l'egoismo e la disumanità. Cristo invece ci invita a rimanere con Lui, ad essere sensibili, buoni con tutti; a coinvolgere ognuno nell'opera d'amore, a dare spazio a ciascuno. Amen.

Clicca per vedere i libri di Gaetano Salvati

 

Ricerca avanzata  (43670 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: