PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Giovanni 1,35-42

Paolo Curtaz  

4 Gennaio (04/01/2012)

Vangelo: Gv 1,35-42 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Gesù passa e il Battista lo indica ai suoi due discepoli, probabilmente Giovanni e Andrea di Cafarnao. Sa di avere finito il suo compito, di avere adempiuto alla propria missione. Ora deve diminuire e lasciare che sia lo sposo a prendere la scena. Mi intenerisce meditare su questo gesto così libero, così adulto, così profondo. La tentazione di diventare dei guru è sempre molto presente nei movimenti religiosi, e anche nella nostra Chiesa. Approfittare di un carisma, di una capacità, di un dono, per legare a sé stessi gli altri. Il mondo è pieno di maestri, spesso cattivi maestri, più attenti al proprio ruolo che al proprio mandato. Giovanni no, non è così. Ha dovuto cambiare completamente la sua prospettiva: ha vissuto tutta la sua vita predicando la venuta di un Messia che, quando viene, è completamente diverso da come l'aveva descritto. Invece di arroccarsi nelle proprie posizioni, invece di insistere sulla propria prospettiva aspettando un altro Messia, ha saputo piegarsi al potente soffio dello Spirito. Ora lascia andare i suoi discepoli, ora sa che il suo compito è finito.

Libri di Paolo Curtaz

Vuoi ricevere nella tua email i commenti di Paolo Curtaz? Semplicissimo!
Clicca su questo indirizzo email per mandare un'email vuota; riceverai un'altra email da Yahoogroups con un link da cliccare per confermare la tua iscrizione:

pn-paolocurtaz-subscribe@yahoogroups.com

 

Ricerca avanzata  (45009 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: