PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento Giovanni 8,1-11

padre Paul Devreux

V Domenica di Quaresima (Anno C) (28/03/2004)

Vangelo: Gv 8,1-11 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Gv 8,1-11

1Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. 2Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro. 3Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e 4gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. 5Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». 6Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo. Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. 7Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei». 8E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. 9Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani. Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. 10Allora Gesù si alzò e le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». 11Ed ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù disse: «Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più».

Se fossi l'adultera, sarei ben contento di scoprire che Gesù prende le mie

difese; se poi scopro che vengo usata semplicemente per tendere un tranello

a Gesù, sentirei i miei accusatori veramente cattivi, ma immaginiamo che

questi accusatori sono in buona fede, e che realmente si pongono il problema

di come amministrare la giustizia, per tutelare il bene comune, la loro

domanda è giusta: è importante sentire il parere di un maestro come Gesù su
come amministrare la giustizia.

Sorvoliamo il caso specifico, per evitare una problematica che ci svierebbe

dal contesto. La domanda è: cosa dobbiamo fare con i delinquenti? Vista la

predicazione di Gesù, è più che mai legittima. E' come se gli dicessero:
"Andiamo al pratico".

Vediamo cosa Gesù non dice: Non dice di chiudere un occhio, di lasciar

correre. Non dice neanche che questo misfatto non è grave o che la punizione

che propongono è esagerata. Dice solo: "Io non ti condanno; và e d'ora in
poi non peccare più".

Facendo questo altro non fa' che ciò che hanno fatto tutti andando via dopo

la sua famosa domanda: "Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la
pietra contro di lei".

Il peccato è un azione che fa del male a me o agli altri. Chi scaglia la

prima pietra è colui che si assume la responsabilità davanti a Dio della

lapidazione. Gesù invita tutti ad agire come se fosse il primo testimone, e

a domandarsi se, in coscienza considera la soluzione della lapidazione

buona. E' come se dicesse ad ognuno: "Stai attento, sei sicuro che non fai

peccato lapidandola; sei sicuro che non fai del male, che fai del bene, che
è la soluzione giusta per sradicare il male?".

La giustizia deve garantire il bene e arginare il male. Il problema di

sempre è come? Lapidando, impiccando, carcerando, bastonando, educando. Non

è facile rispondere a questo quesito, ma la vera domanda è: "Quanto sono

disposto a spendere di mio perché venga fatta giustizia, perché venga

risarcito chi ha subito un torto e perché chi fa del male capisca che fa del

male e che non gli conviene andare avanti su questa strada, quanto vale per

me l'altro? Cosa sono disposto a fare per mio figlio che sbaglia? Cosa sono

disposto a pagare per lo straniero? Educare all'amore costa, Gesù può

parlare cosi perché lui, questo prezzo è pronto a pagarlo. Gesù è pronto ad
andare in croce pur di salvare un solo ladrone.

 

Ricerca avanzata  (44058 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: