PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Possono forse digiunare gli invitati a nozze quando lo sposo è con loro?

Riccardo Ripoli  

Riccardo Ripoli è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

Lunedì della II settimana del Tempo Ordinario (Anno I) (21/01/2013)

Vangelo: Mc 2,18-22 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Quanti visi preoccupati vediamo mentre camminiamo per la strada, se saliamo sulla metropolitana o sull'autobus vediamo persone tristissime, entrando in un ufficio pubblico come non notare la gente cupa ed assorta.

A volte mi domando se abbiamo occhi e cuori per vedere la realtà. Già il fatto di vivere in un paese occidentale dove il rischio di una guerra è ridotto ai minimi termini, dove la fame è debellata, dove non si muore per la strada, dove poche sono le prevaricazioni dovrebbe renderci felici per non essere nati in paesi martoriati dalla guerra, in cui mangiare è un lusso e le violenze sono all'ordine del giorno e dove malattie come la lebbra ancora fanno paura.
Eppure c'è tanta gente triste che cammina per la strada.

E che dire di tanti cattolici, persone che hanno Fede in Dio, che hanno la certezza della Resurrezione, che sanno di poter contare sull'aiuto e sull'amore di Dio in ogni circostanza, per i quali ogni momento dovrebbe essere gioia e festa perché lo sposo è con loro, che dovrebbero accettare il dolore al pari della gioia con gratitudine perché Dio è loro vicino e sanno che "non un solo passero cade in terra senza il volere del Padre nostro".

Eppure ci sono tanti cattolici tristi che camminano per la strada.

 

Ricerca avanzata  (43934 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: