PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Marco 6,30-34

Agenzia SIR  

XVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (22/07/2012)

Vangelo: Mc 6,30-34 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mc 6,30-34

30Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. 31Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. 32Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. 33Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero.

34Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.

Prima la vita in comune - dei discepoli con Gesù - e poi l'insegnamento. Le folle erano attirate dal suo insegnamento proprio a motivo di quella vita che vedevano e toccavano accanto a lui, diversa dal solito, ma del tutto concreta. È la nuova vita secondo il Vangelo.

I discepoli si ritrovano col maestro e raccontano quello che è successo, quello che hanno fatto e detto. È necessario riprendere fiato; manca persino il tempo di mangiare, tanta è la gente che li assale. E il Signore li porta in un luogo tranquillo, un ritiro nel deserto, raggiunto in barca. La folla capisce e li precede per altre vie. Da qui la meraviglia del Signore e il suo sguardo pieno di compassione per quelle pecore senza pastore e, commosso per quella povertà, ricomincia a insegnare. Gesù non guarisce, ma distribuisce la Parola, preannuncio di Eucaristia.

Gesù non sembra dare troppa importanza alle cose fatte dai discepoli; più urgente è l'invito a riposare consegnandosi a Lui: forma altissima di preghiera e sola cosa necessaria. Lui è il solo pastore, e anche i dodici sono pecore. Poi c'è tutta la folla, che ha commosso il Signore e che va guardata con i suoi stessi occhi. Quelli del buon pastore che vede il gregge, ne ha compassione e pian piano lo conduce: si mise ad insegnare. Da questa Parola scaturisce tutto il resto.

Il risultato della missione dei discepoli è sotto gli occhi di tutti, in quella gente che non lascia neppure il tempo per mangiare e li fa sentire realizzati, veri pescatori di uomini. La Chiesa missionaria di dopo sarà così, farà e insegnerà come Gesù. C'è legame tra insegnamento e formazione di un popolo: da un gregge senza pastore e disperso a un popolo riunito e saziato dalla Parola e dal pane eucaristico. Dopo, solo dopo, ci si potrà concedere il tempo per mangiare e riposarsi.

Il Vangelo non riporta il contenuto dell'insegnamento di Gesù perché esso è la persona di Gesù.

Commento a cura di don Angelo Sceppacerca

Vuoi ricevere nella tua email i commenti di Agenzia SIR? Semplicissimo!
Clicca su questo indirizzo email per mandare un'email vuota; riceverai un'altra email da Yahoogroups con un link da cliccare per confermare la tua iscrizione:

pn-agensir-subscribe@yahoogroups.com

 

Ricerca avanzata  (46168 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: