PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO In intimità con Dio

Gaetano Salvati

XVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (22/07/2012)

Vangelo: Mc 6,30-34 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mc 6,30-34

30Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. 31Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. 32Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. 33Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero.

34Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.

Il Vangelo di oggi, continuando il racconto della scorsa Domenica, presenta il Signore quale promotore e punto di riferimento per il ministero degli Apostoli. San Marco narra che i Dodici ritornarono dal Maestro e "gli riferirono tutto quanto avevano fatto e insegnato" (Mc 6,30). Gesù, allora, chiamò i discepoli in disparte, soli (v.31), per farli riposare dopo le fatiche missionarie. Con questo gesto il Signore ci rivela che il mistero della Chiesa non è innanzitutto missione; bensì, rimanere in intimità con Lui. Essere intimi di Dio significa aprirsi alle necessità della gente, tanto da saper andare oltre se stessi in compassione. Effettivamente, Gesù non fu contrariato per la presenza inattesa della folla (v.34); non allontanò nessuno per permettere una sosta agli Apostoli, ma accolse con bontà e cura tutti. Tale comportamento è indispensabile perché la missione evangelizzatrice della Chiesa non tenda ad escludere nessuno. Infatti, come l'atteggiamento del Signore manifesta al popolo che Dio è vicino, aiuta chi è in difficoltà, e questi, come pecore, cioè umili e docili, riconoscono in Gesù "il germoglio giusto, che regnerà come re" (Ger 23,5), il pastore che riunisce e guida il popolo; allo stesso modo, i credenti sono impegnati ad annunciare la presenza del Risorto fra di loro: contatto in grado di creare la comunione (non le opposizioni) degli uomini. La comunità accogliente, perché incarnata nelle sofferenze e nelle gioie del mondo, caritatevole, perché sa corrispondere ai richiami di collaborazione con tutte le creature, diviene strumento del Signore, segno, nella storia, della bontà e della fedeltà di Dio. Amen.

Clicca per vedere i libri di Gaetano Salvati

 

Ricerca avanzata  (46168 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: