PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Prima Lettera a Timoteo 1, 1-2

Casa di Preghiera San Biagio FMA  

Venerdì della XXIII settimana del Tempo Ordinario (Anno I) (09/09/2011)

Brano biblico: 1 Tim 1, 1-2 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 6,39-42

39Disse loro anche una parabola: «Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso? 40Un discepolo non è più del maestro; ma ognuno, che sia ben preparato, sarà come il suo maestro.

41Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? 42Come puoi dire al tuo fratello: “Fratello, lascia che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio”, mentre tu stesso non vedi la trave che è nel tuo occhio? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello.

"Paolo, apostolo di Cristo Gesù per comando di Dio, nostro Salvatore, e di Gesù Cristo, nostra speranza, a Timoteo, figliuolo verace nella fede: grazia, misericordia e pace da parte di Dio Padre e di Gesù Cristo, nostro Signore" (1 Tim 1, 1-2).
E' l'apertura della lettera che Paolo indirizza al suo discepolo Timoteo. Gli è caro dirgli anzitutto la sua identità di apostolo che è tale addirittura per divino comando di Dio Padre e del suo Figlio Gesù. Del Padre qui è sottolineato l'aspetto di Salvatore. Di Gesù quello d'essere "nostra speranza". E sappiamo bene per quale ragione Egli spalanca il nostro cuore a piena fiducia. Non è morto e risorto proprio per ottenerci di entrare in cielo?
Bellissimo, sempre in questa apertura di lettera, la tenerezza di Paolo che lo fa rivolgersi a Timoteo come a suo "figlio verace nella fede". L'augurio poi di "grazia misericordia e pace" rivela quanto l'affetto di un padre spirituale maturato nell'alveo della fede, diventa desiderio e invocazione di quanto c'è di più prezioso. Sì, "grazia misericordia e pace" sono quanto di più bello e necessario si possa desiderare per un'esistenza davvero riuscita.
Nella mia pausa contemplativa oggi mi soffermo su queste tre parole, ripetute lentamente, dentro un calmo esercizio di respirazione consapevole.
Ti ringrazio, o Padre. Ti ringrazio, o Figlio Divino Gesù! Ottenetemi la grazia che è il vostro continuo vigore di vita divina, la misericordia che è concretezza d'amore fuori da illusioni intimistiche, la pace per la quale anche la fatica di voler bene è oro fino.
La voce di un Padre del deserto
Misericordioso è colui che, quando fa misericordia, non distingue nel suo pensiero una classe di uomini dall'altra.
Isacco di Ninive

 

Ricerca avanzata  (48524 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: