PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

VIDEO Dalla parte dei perdenti

don Mario Campisi  

XIV Domenica del Tempo Ordinario (Anno A) (03/07/2011)

Vangelo: Mt 11,25-30 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mt 11,25-30

In quel tempo Gesù disse: 25«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. 26Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. 27Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.

28Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. 29Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. 30Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Con queste parole, belle, dolci, delicate, quasi poetiche, Gesù ci invita, come sempre, a una scelta di vita niente affatto dolce e poetica, ma dura, difficile e controcorrente. Perché se gli stanchi e gli oppressi sono i suoi prediletti, lo devono essere anche per noi. Cosa facile a parole, anzi, anche molto predicata perché in grado di fare acquistare popolarità. Non per niente non c'è politico (o autorità di qualsiasi genere) che non dichiari il suo interesse per gli stanchi e gli oppressi, e non prometta di preoccuparsi per i "piccoli". Poi vediamo come vanno a finire le parole.

 

Ricerca avanzata  (45786 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: