PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Beata Maria Vergine Regina

Archivio Parrocchia

Beata Vergine Maria Regina (22/08/2002)

Vangelo: Lc 1,39-47 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 1,39-47

39In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. 40Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. 41Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo 42ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! 43A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? 44Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. 45E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

46Allora Maria disse:

«L’anima mia magnifica il Signore
47e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

E' una gioia per noi poter onorare la Madonna con il titolo di regina e contemplare il momento della sua incoronazìone. Maria è regina perché madre di Gesù, re dell'universo, salvatore di tutti gli uomini. Mi vengono in mente i dipinti del Beato Angelico raffiguranti l'incoronazione, in cui l'atteggiamento di Maria è lo stesso che ella ha nel momento dell'Annunciazione: Maria si inchina per ricevere la corona, come si inchina per ricevere l'annuncio dell'Angelo. E una somiglianza piena di significato, perché colei che viene incòronata è l'umile serva di Dio, anzi è proprio la sua umiltà che viene incoronata. Maria regina ci ripete l'affermazione del Magnificat: "Dio ha rovesciato i potenti dai troni e ha innalzato gli umili". E così la Madonna ci fa scoprire il senso della nostra umiltà. L'umiltà non è abbassamento senza scopo, non è rinuncia ad ogni dignità, anzi è la strada verso la vera dignità, verso la gloria che Dio vuol darci e che può essere soltanto la gloria degli umili di cuore, la gloria di Gesù, umile di cuore. Ogni volta che nella Messa diciamo: "Per Cristo, con Cristo, in Cristo, a te, Dio Padre onnipotente, nell'unità dello Spirito Santo, ogni onore e gloria" pensiamo che questa non è una gloria superba, è una gloria umile, la gloria dell'amore che si è dato fino alla fine. Chiediamo a Maria, rallegrandoci con lei della sua gloria e della sua umiltà, di riempire il nostro cuore di fiducia in lei. Infatti, proprio perché la sua è una gloria umile, Maria regina si mette ancora al servizio di tutti i suoi figli. È regina per liberarci da ogni ingiustizia, da ogni angoscia, da ogni difficoltà. La profezia di Isaia che leggiamo oggi proclama: "Tu hai spezzato il giogo opprimente, la sbarra che pesava sulle spalle, il bastone dell'aguzzino". E' il simbolo del regno del Messia e anche della regalità di Maria: spezzare ogni giogo pesante, dare la libertà del cuore nella dolcezza, nella gioia. Questo è quanto la Madonna fa ogni giorno per tutti quelli che con fiducia si affidano a lei.

 

Ricerca avanzata  (47731 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: