PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO San Giacomo Apostolo

Archivio Parrocchia

S. Giacomo apostolo (25/07/2002)

Vangelo: Mt 20,20-28 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mt 20,20-28

20Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedeo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. 21Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di’ che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno». 22Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». 23Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato».

24Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. 25Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dóminano su di esse e i capi le opprimono. 26Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore 27e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. 28Come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

"Hanno bevuto il calice del Signore, e sono diventati gli amici di Dio".

E' questa la gloria dell'Apostolo, ben diversa da quella che Giacomo sperava di raggiungere stando con Gesù. Chi vuoi stare con lui può aspirare soltanto alla sua gloria: la gloria di colui che è stato innalzato sulla croce e che chiama i suoi amici a partecipare alle sue sofferenze, in una unione feconda per molti.

Paolo lo dice esplicitamente parlando della sua missione: "Siamo tribolati da ogni parte, sconvolti, perseguitati, colpiti... Di modo che in noi opera la morte, in voi la vita".

San Giacomo era ambizioso, ma Gesù purificò gradatamente lui insieme con gli altri, insegnando la via dell'umiltà, del servizio, del dono di sé, in unione alla sua offerta, per arrivare alla gloria vera.

Tutti i grandi santi hanno capito la necessità di questa purificazione: sant'Ignazio, per esempio, non parla di gradi di amore, ma di umiltà: "La prima forma di umiltà è necessaria alla salvezza eterna e consiste nel ridimensionarmi e umiliarmi quanto più mi è possibile per ubbidire in tutto alla legge di Dio nostro Signore. La seconda e una umiltà più perfetta della prima e si verifica quando mi trovo nella disposizione di non volere neppure inclinarmi a possedere la ricchezza piuttosto che la povertà, l'onore piuttosto che il disonore. La terza umiltà è perfettissima e si ha quando, per imitare e rassomigliare più effettivamente a Cristo nostro Signore, desidero e scelgo la povertà con Cristo povero piuttosto che la ricchezza, le ingiurie con Cristo, che ne è ricolmo, piuttosto che gli onori, e preferisco di essere stimato stupido e pazzo per Cristo, che per primo fu ritenuto tale, anziché saggio e prudente in questo mondo".

 

Ricerca avanzata  (47774 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: