PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati

Movimento Apostolico - rito romano  

Sabato dopo le Ceneri (12/03/2011)

Vangelo: Lc 5,27-32 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 5,27-32

27Dopo questo egli uscì e vide un pubblicano di nome Levi, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi!». 28Ed egli, lasciando tutto, si alzò e lo seguì.

29Poi Levi gli preparò un grande banchetto nella sua casa. C’era una folla numerosa di pubblicani e di altra gente, che erano con loro a tavola. 30I farisei e i loro scribi mormoravano e dicevano ai suoi discepoli: «Come mai mangiate e bevete insieme ai pubblicani e ai peccatori?». 31Gesù rispose loro: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; 32io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori perché si convertano».

Sempre Gesù proclama al mondo intero qual è la verità della sua missione. Questa verità manca oggi a molti suoi discepoli. Costoro non sanno chi sono, cosa sono chiamati a fare, qual è il loro ministero in questo mondo, quale il loro compito specifico. Non conoscono il fine della loro nuova natura di cristiani perché semplicemente non sanno cosa sono divenuti una volta che hanno accolto la fede in Cristo Gesù e si sono incorporati a Lui mediante il Battesimo.

La verità di ogni missione nasce dalla verità della relazione con il Padre celeste. Chi vive come se vi fossero due mondi separati e abissalmente lontani, quello di Dio e l'altro dell'uomo, mai potrà sapere qual è la verità della sua missione. Gli manca la verità della relazione con il Padre, al quale è dovuta ogni obbedienza per tutti i giorni della nostra vita. Gesù conosce il Padre suo celeste, sa per quale causa lo ha mandato sulla terra, ogni giorno è in ascolto della sua voce che gli dice cosa fare, dove e con chi farla, dove recarsi, a chi parlare, chi chiamare, quale relazione stringere con tutte le persone con le quali vive un qualche contatto.

I farisei non conoscono il loro Dio. Non lo consente la loro superbia. Loro sono arroganti e prepotenti, convinti e persuasi di non aver bisogno di alcuna relazione né con Dio e né con gli altri uomini non farisei. Avendo escluso Dio come fonte della loro verità, vivono in una falsità perenne che ogni giorno diviene sempre più grande. La cecità spirituale che li avvolge fa sì che essi siano incapaci di vedere Dio dietro Cristo Gesù. Essi non possiedono il vero Dio. Il loro falso Dio che adorano li convince che Cristo è falso. Perché è falso? Perché non corrisponde ai tratti del loro falso Dio.

Se Cristo Gesù adorasse come loro un falso Dio, da loro sarebbe riconosciuto all'istante. Poiché vi è differenza nel Dio che si adora, immancabilmente questa differenza dovrà ritrovarsi nelle loro azioni. Non potrebbe essere altrimenti. Ognuno pensa secondo il Dio che adora. Se il suo Dio è falso, giudicherà vero il Dio falso dell'altro e falso il Dio vero. Se invece egli adora il vero Dio, giudicherà falso il Dio che è falso e vero il Dio che è vero. I farisei adorano un falso Dio e mai potranno giudicare vero il vero Dio di Cristo Gesù. Non possono perché la loro falsa fede non lo consente.

I farisei erano medici dei sani. Dice loro Gesù che i sani non hanno bisogno di alcun medico. Sono sani. Se un santo cura un altro santo perde semplicemente tempo. Il santo non ha bisogno del santo. Se Gesù fosse andato a cercare i santi di Israele la sua venuta sulla nostra terra sarebbe stata inutile. Invece Lui va a cercare i peccatori. Li cerca perché deve rivestirli della sua santità. Deve dare loro la verità del Padre, chiamandoli alla fede e alla conversione. Deve manifestare la grande carità di Dio che non vuole che alcuno si perda, ma che tutti, dopo essersi pentiti e convertiti, ritornino ad occupare il loro posto nella casa del Padre. La verità di un uomo non è mai dalla sua volontà, ma sempre dalla volontà del Padre. È ciò che il Padre lo ha costituito e fatto. Cristo Gesù è stato fatto per andare a chiamare tutti i peccatori a conversione.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, facci conoscere la nostra verità per consacrare ad essa la vita. Angeli e Santi di Dio, liberateci da ogni falsità e inganno.

 

Ricerca avanzata  (47386 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: