PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Un uomo ricco aveva un amministratore

Monastero Domenicano Matris Domini  

Monastero Domenicano Matris Domini è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

XXV Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (19/09/2010)

Vangelo: Lc 16,1-13 (forma breve: Lc 16,10-13) Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 16,1-13

In quel tempo, 1Gesù diceva ai suoi discepoli: «Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. 2Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”. 3L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. 4So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”. 5Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. 6Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. 7Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”. 8Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. 9Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.

10Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. 11Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? 12E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?

13Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».

Forma breve (Lc 16, 10-13):

In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli: 10«Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. 11Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? 12E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?

13Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».

Lectio

Con questa domenica terminiamo la lettura del capitolo 16, dedicato al problema dell'uso della ricchezza. Gesù sta parlando agli amanti del denaro. Si tratta di un racconto per esempi, che divneta poi un racconto di insegnamento.

Nella prima parte (vv. 19-25) la parabola illustra il rovesciamento di situazione che avviene nell'aldilà, come l'evangelista ha già proclamato nel Magnificat (Lc 1,53) e nelle Beatitudini (Lc 6,20-26).

La seconda parte (vv. 27-31: il v. 26 fa da transizione) porta l'attenzione non più su Lazzaro, ma sui cinque fratelli del ricco; essi rappresentano la continuità sulla terra del comportamento del ricco deceduto che ora capisce: se non cambiano vita ascoltando la Legge e i Profeti, non serve neanche una risurrezione a convertirli. Affermazione della validità della Legge e rifiuto di dare un segno conferiscono alla parabola il tono di un severo, quasi disperato ammonimento: la condizione di ricco chiude inevitabilmente l'uomo alle esigenze di Dio.

La parabola del ricco epulone si pone come antitesi a quella dell'amministratore infedele. Se il comportamento di questo è stato reinterpretato come esempio di uno che rimette i debiti ai debitori poveri e quindi come modello di buon uso del denaro, il ricco della nostra parabola presenta il caso negativo: cosa succede al ricco che non amministra bene (in senso evangelico) la sua ricchezza?

Anche la seconda parte della parabola è riletta da Luca in tale luce e risponde alla domanda: è possibile ai ricchi scampare alla sorte terribile che la prima parte assegna al ricco epulone?

L'insegnamento globale corrisponde bene al pensiero dell'evangelista sulla ricchezza e chi la possiede: l'indifferenza alle esigenze di Dio, e la conseguente indifferenza per chi sta nel bisogno. Le sofferenze del ricco nell'Ade lo puniscono non per la sua ricchezza come tale, ma perché, sordo all'insegnamento di Mosè e dei Profeti, non ha capito l'urgenza della conversione. Interamente occupato dai piaceri dell'esistenza, ha dimenticato la vita futura, ha trascurato il povero che era alla sua porta, ha misconosciuto Dio.

19. In quel tempo Gesù disse ai farisei: «Ora, c'era un uomo ricco, e si rivestiva di porpora e bisso, facendo festa ogni giorno splendidamente.

La parabola comincia come quella dell'amministratore infedele. C'era un uomo ricco. Il versetto è redazionale e descrive l'uomo ricco che vive nel lusso, con immagini care all'evangelista: il vestito come segno di ricchezza, il banchetto quotidiano come ideale di vita (cf. Lc 12,19). La moralità del comportamento non viene presa in considerazione: non si parla né di disonestà, né di dissolutezza.

20. Ma un povero, di nome Lazzaro, giaceva presso il suo portone, coperto di piaghe,

In modo contrastante segue ora la descrizione più dettagliata del povero che porta il nome di Lazzaro, forma greca del nome ebraico/aramaico Eleazar, che significa colui che Dio soccorre, oppure Dio aiuta. Difficilmente il lettore greco poteva cogliere questo significato. Il fatto di avere un nome suggeriva piuttosto che il povero aveva un'identità presso Dio.

Lazzaro giaceva (il verbo ballein, gettare, dà proprio l'idea di un corpo gettato a terra e che a terra giace) presso il portone della casa del ricco: è il posto del mendicante impotente, come la tavola è il posto del ricco. Non serve indagare se egli fosse paralizzato e quale malattia della pelle avesse. Lazzaro ricorda Giobbe (Gb 2,7).

Luca vuole commuovere il lettore sullo stato di afflizione del povero, che però appartiene alla categoria di persone che Gesù proclama beate.

21. e desiderando di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco. Ma anche i cani, venendo, gli leccavano le piaghe.

Altro elemento di Lazzaro: non aveva di che calmare la fame, mentre il ricco non smetteva di banchettare; Lazzaro non poteva neanche nutrirsi con i pezzi di pane che servivano a pulirsi le mani e che venivano gettati sotto la tavola e mangiati dai cani. E come se ciò non bastasse, anche i cani di strada lo molestavano con le loro lingue ruvide, ed egli era incapace di difendersi dal loro fastidio.

Anche nella descrizione del povero manca ogni accenno alla sua moralità: la pazienza nelle prove, la fiducia in Dio... egli rappresenta la povertà in tutto il suo orrore e niente più.

Per una certa mentalità l'indifferenza del ricco è giudicata normale: la situazione di contrasto tra i due personaggi corrisponde a un certo ordine della giustizia divina che dà abbondanza al pio e miseria al peccatore. Ma già Giobbe gridava contro questa visione.

22. Ora avvenne che il povero morì e fu portato dagli angeli nel seno di Abramo. E morì anche il ricco e fu sepolto.

Al momento della morte la situazione è rovesciata; si verifica per il povero e per il ricco quanto proclamato in Lc 6,20.24. Adesso la condizione del ricco nell'Ade è descritta con più dettagli rispetto a quella del povero.

Le immagini dell'oltretomba presenti in questi versetti sono nel contempo famigliari e singolari nel giudaismo. Il concetto di Ade si evolve: da soggiorno di morte per tutti gli uomini diventa l'inferno come luogo di tormenti. La credenza in una diversa sorte dei buoni e dei cattivi conduce alla loro separazione in spazi distinti. Questa situazione è presupposta nella parabola, come pure il destino definitivo per ognuno dopo la morte; non si parla né di risurrezione né di ultimo giudizio.

La rappresentazione del defunto scortato dagli angeli non esiste nel giudaismo prima del 150 d.C. Luca sembra anticipare la funzione escatologica degli angeli di radunare gli eletti al momento della morte individuale.

Anche l'espressione "nel seno di Abramo" è sconosciuta nel giudaismo precristiano e il suo significato preciso non è sicuro. Essa può provenire dalla formula biblica "andare presso i padri" con un'allusione adesso al banchetto celeste, nel senso di: ricevere il posto d'onore vicino ad Abramo in tale banchetto.

Del ricco è detto che è semplicemente sepolto, ethapê. Ethapê è ancora un privilegio del ricco, ma suona sinistro dopo una vita di piaceri.

23. E nell'Ade, trovandosi in tormenti, alzando i suoi occhi, vide Abramo da lontano e Lazzaro nel suo seno.

Il ricco si trova nell'Ade (sheol), nel soggiorno dei morti: come luogo di tormento l'Ade sembra identificarsi con la Geenna (luogo di Gerusalemme in cui si bruciavano i rifiuti). Abramo si trova anche lui nell'Ade, ma in un compartimento separato, oppure forse in un altro luogo che non è più lo sheol. Non si può sapere con certezza: le rappresentazioni giudaiche dell'aldilà non sono uniformi. Il ricco si trova comunque in un luogo di tormenti, ma può vedere Abramo a distanza e con lui Lazzaro. La rappresentazione è semplicistica, serve a dimostrare la condizione rovesciata tra il ricco e il povero, a rendere possibile e a preparare la scena successiva del dialogo.

24. Ed egli disse, gridando: "Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro, perché intinga nell'acqua l'estremità del suo dito e mi rinfreschi la lingua, poiché sono torturato in questa fiamma".

Inizia il dialogo. Le parole del ricco sono una pura supplica: egli grida, chiede pietà, fa appello alla sua discendenza carnale con Abramo (lo chiama padre). Desidera una sola goccia d'acqua, afferma di essere tormentato nel fuoco. Tutto serve a sottolineare i tormenti del ricco, e quindi ad accentuare il contrasto tra la vita di festa condotta sulla terra e il rovesciamento di situazione nell'Ade. Anche per questo il ricco non chiede l'intervento diretto di Abramo in suo favore (né contesta la sua sorte), ma chiede l'aiuto di Lazzaro: i due personaggi della parabola devono incontrarsi anche dopo la morte, ora però in una posizione rovesciata rispetto a quella avuta sulla terra. Ora è Lazzaro a essere a capotavola.

25. Ma Abramo disse: "Figlio, ricordati che hai ricevuto i tuoi beni in questa vita, e Lazzaro ugualmente i mali; adesso, qua, lui è consolato, e tu sei torturato.

Si legge chiaramente qui l'intervento di Luca. E' la conclusione della prima parte del racconto. Questo versetto può essere considerato l'applicazione del "guai" di Lc 6,24).

Abramo chiama il ricco "figlio", lo riconosce come membro della sua discendenza: ma questo privilegio non serve a cambiarne la sorte eterna. Questa sorte è formulata secondo la dottrina della retribuzione in senso stretto, come nelle beatitudini e nei "guai" di Lc 6,20ss: chi è ricco in questa vita viene tormentato nell'altra, e viceversa. Presa in sé l'affermazione di un tale rovesciamento automatico è piuttosto grossolana. Sembra poco evangelico! Il versetto costata l'accaduto, afferma il rovesciamento di situazione, ma non spiega. Al lettore deve servire da avvertimento, ricordargli le beatitudini. comunque, il versetto deve essere giudicato alla luce del pensiero dell'evangelista e per Luca le figure del ricco e del povero comportano sempre un aspetto religioso-morale: sono l'espressione di una scelta di vita dinanzi a Dio che si ripercuote nel comportamento sociale.

26. E con tutto ciò, tra noi e voi è stato posto stabilmente un grande abisso, in modo che quelli che di qui vogliono passare da voi non possano, né traversino da lì verso di noi".

Tra i morti giusti e quelli empi la comunicazione non è più possibile e quindi la sorte del ricco è irreversibile: Lazzaro non può più aiutarlo. Questa verità è resa con l'immagine del "grande abisso" fissato da Dio come limite invalicabile in un senso e nell'altro. Questo apre al resto del dialogo.

27. Ma disse "Ti prego dunque, padre, di mandarlo alla casa di mio padre,

28. perché ho cinque fratelli, in modo che renda loro testimonianza, affinché non vengano anch'essi in questo luogo di tormento!".

Con questa seconda parte il racconto cambia direzione. Di nuovo il ricco si rivolge ad Abramo chiamandolo padre, ma per sollecitare l'invio di Lazzaro presso i fratelli ancora vivi a casa del padre. Non è il caso di commuoversi per il disinteresse di un dannato per la propria persona e la preoccupazione per gli altri: fa parte della tecnica narrativa per riportare il discorso sulla terra e introdurre l'argomento dei fratelli. Lo scopo della nuova missione di Lazzaro sarebbe quello di testimoniare per evitare ai fratelli una sorte simile a quella del ricco.

29. Ma Abramo dice: "Hanno Mosè e i Profeti; li ascoltino!".

Il ricco subisce un secondo rifiuto. Positivamente viene affermata la permanente validità della Legge, come già nei vv. 16-18 che precedono e che influiscono ora sulla comprensione della parabola dandole i tratti cristiani che le mancano se considerata in sé: Mosè e i profeti devono essere ascoltati (cioè obbediti) alla luce delle esigenze del Regno rivelate da Gesù. La Scrittura contiene l'insegnamento necessario e sufficiente per conoscere la volontà di Dio e quindi per entrare nel "seno di Abramo".

30. Ma egli disse: "No, padre Abramo, ma se andrà da loro qualcuno dai morti, si convertiranno".

L'insistenza del ricco permette la formulazione dell'ultima risposta di Abramo e forse di toccare un problema emerso nella comunità cristiana; il pensiero che un miracolo, un'apparizione, sia più convincente dell'ascolto della parola biblica.

In origine, è vero, si tratta semplicemente del rifiuto di un messaggio proveniente d'oltretomba - tema conosciuto in leggende giudaiche - per rimandare all'ascolto della Legge. Nel testo attuale tuttavia i termini "dai morti" e "convertire" fanno parte del vocabolario della predicazione primitiva, e l'allusione alla resurrezione di Gesù (o anche alla risurrezione di Lazzaro, che non ha avuto effetto di conversione presso molti Giudei testimoni del miracolo?) sembra probabile. Potrebbe quindi riflettersi in questo finale di parabola un problema nato nelle generazioni post-apostoliche che non godono più delle apparizioni di Cristo o ancora l'esperienza missionaria della Chiesa presso i Giudei che non si convertono.

31. Gli disse: "Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neppure se qualcuno risorge dai morti, saranno persuasi!"».

Abramo riprende i termini dei vv. 29-30 per formulare l'ultimo rifiuto. L'allusione alla risurrezione (di Gesù) si fa ancora più esplicita nell'espressione "alzarsi, risorgere dai morti". Il messaggio è chiaro: i miracoli possono impressionare ma non necessariamente convertire. La conversione implica l'apertura del cuore a Dio, l'attenzione a scoprire la Sua presenza nella Sua parola: il bisogno di segni straordinari è superfluo. Per Luca, quest'ultima parte della parabola costituisce anche una risposta alla domanda su come evitare il destino del ricco: convertirsi! Aprirsi a Dio che parla nella Scrittura e obbedire al suo insegnamento.


Meditatio

- Come considero le mie ricchezze? Per cosa spendo i miei soldi?

- Qual è il mio atteggiamento verso i poveri che bussano alla mia porta? Mi sono mai impegnato per alleviare le loro sofferenze?
- Cosa significa per me "ascoltare Mosè e i Profeti"?
- Quale è la mia idea di aldilà?


Preghiamo
O Dio, tu chiami per nome i tuoi poveri,
mentre non ha nome il ricco epulone;
stabilisci con giustizia la sorte di tutti gli oppressi,
poni fine all'orgia degli spensierati,
e fa' che aderiamo in tempo alla tua Parola,
per credere che il tuo Cristo è risorto dai morti
e ci accoglierà nel tuo regno.
Per Cristo nostro Signore.

 

Ricerca avanzata  (43724 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: