PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO La pienezza di gioia che sogniamo

mons. Antonio Riboldi

mons. Antonio Riboldi è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

XXIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (05/09/2010)

Vangelo: Lc 14,25-33 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 14,25-33

In quel tempo, 25una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro: 26«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. 27Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.

28Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? 29Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, 30dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”. 31Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? 32Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace. 33Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.

Credo possa aver dato un certo 'fastidio' a Gesù, il fatto di vedersi seguito da molta gente, troppa, e non per il fatto che Lo seguissero, questo semmai poteva, come potrebbe essere oggi, l'occasione di annunciare la Sua Parola, ma perché sapeva che inseguivano in Lui sogni mai realizzati, speranze sempre andate deluse, sicurezze mai trovate, solitudini non più sopportabili: il sogno, insomma, di un 'piccolo paradiso' a misura d'uomo, che non riusciva ad oltrepassare i confini stretti di questa terra, così avara di felicità, per andare 'oltre', alla ricerca del Regno di Dio, dove ha sede l'unico totale e fedele Amore, e con esso la vera felicità e la vita. Quello, insomma, che ogni uomo cerca - anche se non lo sa - e di cui ha spesso una inconfessata sete.

Gesù taglia corto con queste speranze solo umane, che tante volte affondano le radici nell'effimero, proclamando invece la Sua legge, che è regola di santità, regola di vita eterna, di autentici rapporti con Dio e con il prossimo. Usa un linguaggio che ancora oggi fa venire i brividi, ma che in compenso ha il dono della chiarezza della vera Amicizia.

Racconta il Vangelo: "Siccome molta gente andava con Lui, Gesù si voltò e disse: 'Se uno viene a me e non mi ama più di suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli e le sorelle e persino più della propria vita, non può essere mio discepolo... Chi di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo". (Lc. 14, 25-33)

Parole che forse saranno suonate come una sferzata per molti che, senza tagliare nettamente i ponti con se stessi, avevano comunque abbandonato i loro cari, ma pronti a tornare indietro se le speranze, poste in quel misterioso Maestro, non si fossero avverate.

Non è che Gesù chieda di non amare i nostri cari o di possedere qualcosa su questa terra... ma chiede di avere il primo posto nel nostro cuore e nella nostra vita.

E aveva ed ha ragione. Solo con Lui è possibile amare senza voler possedere l'altro o avere, restando distaccati così che le cose non diventino idoli. Purtroppo ci sono tanti che si dicono di Cristo, ma Lui non è al centro della loro vita, perché prima, come 'valori' sovrani, vengono il possesso delle cose, le tante ambizioni, i tanti interessi, il proprio io.

Ma Dio non può accettare - soprattutto per il nostro bene - di essere messo in un angolo: 'Amerai Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutte le tue forze e il prossimo tuo come te stesso'. Eppure fa davvero impressione quanto oggi - ma in fondo sempre - si mettano al primo posto le creature.

Quando ero adolescente, dopo una prima provocazione, giunta dal cardinal Schuster, che mi aveva chiesto -senza avere una mia risposta - se volevo diventare prete, lentamente prese forma il mio sogno. In un secondo incontro, alla richiesta di cosa volevo fare di grande, prontamente risposi: 'Il prete!'. Sorrise di tanta semplicità. Ma quando a dodici anni mi decisi ad entrare in quello che si chiamava aspirandato, presso i Padri Rosminiani, mi sentii solo, senza più i miei cari, le mie cose e mi assali un grande dolore e un desiderio smisurato di tornare a casa, come se senza la mia famiglia la mia libertà fosse spenta. Vissi un mese di continua sofferenza, ma ringrazio Dio che lentamente mi aiutò a resistere. Da allora ho capito cosa volesse dire 'lasciare tutto' e mettere al primo posto l'amore di Dio.

Non che i miei cari non occupassero più un grande posto nella mia vita, sempre, ma il primo posto era di Dio, al quale davvero avevo dato tutto.

Non è certamente facile per un uomo, una donna, un giovane vivere la propria esistenza mettendo al primo posto il Signore. Amo sempre ricordare mia mamma, che, nonostante la fatica di raggiungere la. Chiesa di primo mattino, lontana da casa, non passava giorno senza avere dato il primo posto a Gesù Eucaristico, ricevendo la S. Comunione.

Credo che abbia stupito tutti la canonizzazione di Gianna Beretta Molla, donna del nostro tempo, sposa e mamma. Una vita 'comuné, semplice, ma testimone che le parole di Gesù non sono solo la via alla 'porta strettà, ma sono soprattutto il segreto di una vita armoniosa, virtuosa, piena, sulle orme e alla Presenza di Dio. E sono tante le persone che vivono da 'sante': persone normali, che sanno mettere al primo posto Dio e la santità. Nella mia vita pastorale ne ho incontrate tante. Come quella anziana vedova, dal volto emaciato, che una sera, dopo una predica, venne in sacrestia e mi consegnò tutto quello che aveva e teneva 'per la sua vecchiaia': 500.000 lire. Chiedendole la ragione di questo suo gesto, mi rispose: 'Tenerli è un furto rispetto a chi ne ha bisogno. A me basta Gesù e il suo amore. Lui penserà a tutto, io penserò solo a Lui'. Cara donna! Mi commosse e, senza volerlo, mi mise in crisi.

Tutte queste persone - ripeto sono tante - mi hanno sempre lasciato la lezione di cosa voglia dire 'amare Lui più di se stessi' e che questa è la via per quella serenità di cui tutti abbiamo bisogno e che, troppe volte, perdiamo per rincorrere un amore disordinato alle persone o alle cose, che certamente non offre la gioia che solo Gesù può donare. È difficile tutto questo? Per chi ama veramente Dio e fa dell'amore il senso della propria vita, no. Ma per chi si lascia prendere la mano - meglio il cuore - dalle creature o cose del mondo - che è poi mettere al centro se stessi e il proprio egoismo - appare impossibile.

E non è una soluzione vera dividere il cuore tra l'amore di Dio e l'amore delle cose!

Senza contare poi che, quando si ama Dio, integralmente, anche nella vita semplice e quotidiana, si riesce a donare amore a tutti, cominciando dai più vicini, e tutto acquista senso. Davvero amare è liberarsi da se stessi - la più terribile schiavitù. E se questo è vero tra di noi, quanto più è vero verso Dio.

Questo Vangelo può sembrare difficile, ma è, se capito e vissuto davvero, la Buona Novella del Regno dei Cieli: è serenità e libertà, pienezza di vita e di cuore.

Non resta che farla propria, anche se va contro corrente, rispetto alle pretese del nostro ego e agli 'insegnamenti' del mondo. Ma la Grazia sa aprire cuore e mente a chi ha buona volontà.
Gesù oggi ancora parla:

"Chi non porta la sua croce e non mi segue, non può essere mio discepolo. Chi di voi volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, se ha i mezzi per portarla a compimento? Per evitare che, se getta le fondamenta, e non finisce il lavoro, tutti coloro che vedono, comincino a deriderlo, dicendo: Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire". (Lc. 14, 25-30)

Andando un giorno a La Verna - che tanti di voi avranno certamente visitato - meditando sulle stimmate di S. Francesco, mi veniva alla mente la sua preghiera: 'Signore fammi sentire tutto il dolore e con il dolore l'amore che Tu hai provato sulla croce'. Gesù lo ha accontentato, proprio con stimmate. Furono queste solo dolore insopportabile o gioia di avere sperimentato di persona cosa abbia voluto dire in Gesù amarci'?

In un incontro di moltissimi giovani con Madre Teresa di Calcutta e il sottoscritto, un ragazzo, nel dialogo che segui, le chiese: 'Madre Teresa, se Dio le desse la possibilità di tornare da capo a vivere, sapendo cosa voglia dire 'seguire Gesù', Gli direbbe ancora di si?'. La Madre si raccolse un momento, come a riepilogare tutte le tappe del suo infinito Calvario di carità e, sbalordendo tutti, rispose: 'Gli direi di no'. Ci fu un attimo di smarrimento nell'assemblea. Ma poi, come assaporando la gioia di avere condiviso l'amore di Gesù con i Suoi poveri, riprese: 'Ma Gli voglio talmente bene, che non esiterei a seguirLo, anche se mi chiedesse maggiori sacrifici'.

E noi, non saremmo più felici, forse, se invece di perdere tempo in lamenti, scorgessimo nei passi quotidiani, l'Amore di Gesù che ci precede, sorride e sorregge, come a dirci: 'Coraggio, è tutto amore, e in fondo c'è la pienezza di gioia che sogni'.

Ricordiamo la preghiera, che dovremmo fare nostra, del cardinal Newmann:
"Conducimi per mano, Luce di tenerezza,
fra il buio che mi accerchia, conducimi per mano.

Guida il mio cammino: non pretendo di vedere orizzonti lontani,
un passo mi basta.
Un tempo era diverso, non Ti invocavo,
perché Tu mi conducessi per mano.
Amavo scegliere e vedere la mia strada,
ma adesso conducimi per mano.
Sia su di me la Tua potente Benedizione
e sono certo che essa mi condurrà per mano,
finché svanisca la notte e mi sorridano all'alba

volti di angeli amati a lungo e per un poco smarriti."

 

Ricerca avanzata  (45082 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: