PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Amore oltre le fragilità

don Giovanni Berti

XXVII Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (04/10/2009)

Vangelo: Mc 10,2-16 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mc 10,2-16

2Alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, gli domandavano se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. 3Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». 4Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla». 5Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. 6Ma dall’inizio della creazione li fece maschio e femmina; 7per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie 8e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. 9Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto». 10A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. 11E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei; 12e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio».

13Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. 14Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. 15In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». 16E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro.

Clicca qui per la vignetta della settimana

Gesù è ancora una volta provocato e “messo alla prova” da questi rappresentanti religiosi del suo tempo che vogliono trovare delle “falle” nella sua predicazione e nella sua pretesa di esser l’Inviato di Dio, così da poterlo metter in cattiva luce ed eliminarlo.

Penso che anche il Cristo di oggi, cioè la sua Chiesa (che è il Corpo di Cristo in mezzo agli uomini) è messo alla prova in continuazione. La complessità attuale delle vicende umane interroga il Vangelo e mette in discussione gli insegnamenti che da esso sono ricavati e che la comunità dei credenti porta avanti.

Il mondo nel quale la Chiesa si muove e annuncia Cristo non è affatto un mondo semplice e pacifico.

Nel Vangelo di questa domenica gli “avversari” di Gesù lo mettono alla prova su una questione che anche oggi non lascia tranquilla la Chiesa: il matrimonio.

E' oramai opinione comune che il matrimonio come valore e come istituzione concreta oggi è in crisi. Una crisi che si avverte chiara nell’aumento delle separazioni e divorzi, nell’aumento delle convivenze e il rimandare il matrimonio. Le generazioni più anziane sottolineano continuamente come quelle più giovani sono incapaci di legami forti e responsabili che superino le prime inevitabili difficoltà nella coppia.

La Chiesa, specialmente qui in Italia, ha messo tra le sue priorità quella della difesa della famiglia e in particolare del matrimonio, constatando che nella solidità dell’istituto matrimoniale si fonda la salute educativa dei figli e il bene dell’intera società.

E’ chiaro che non possiamo come cristiani non sentirci provocati, come Gesù nel racconto del Vangelo, da questa fragilità della relazione di coppia che genera tanta sofferenza e mette in crisi i singoli e la famiglia.

La risposta di Gesù parte da lontano, dall’atto creativo stesso di Dio.

Dio all’inizio ha creato la coppia umana, ha creato la relazione come fondamento della felicità umana. L’uomo non è fatto per stare solo. Dio crea unità non separazione, Dio tesse relazioni e non separazioni.

La vicenda stessa di Gesù rivela ancor più chiaramente questo progetto del Padre. Gesù è Dio che prende la nostra carne e unisce il cielo alla terra. L’incarnazione e la resurrezione di Gesù nel suo vero corpo sono il “matrimonio” indissolubile tra Dio e l’umanità, noi.

Questi sono i valori di fondo che stanno alla base dei rapporti umani.

Di fronte a tanta fragilità, divisioni e sofferenze non è dunque il caso di puntare il dito e giudicare, ma dobbiamo fare come Gesù e richiamare i fondamenti della nostra umanità.

Siamo creati capaci di relazione. Siamo capaci di creare unioni stabili e feconde. Non ci è impossibile.

Il nostro limite umano ci fa molto spesso sbagliare e cadere, ma questo non smentisce definitivamente (come molti pessimisti vorrebbero farci credere) che “l’amore vero è eterno” e non ci porta necessariamente a pensare che “nulla è stabile per sempre”.

Quando incontro persone che stanno vivendo momenti di crisi di coppia o separazioni e divorzi, mi sento davvero provocato. La cosa che evito è quella di metter davanti leggi e minacce di castighi eterni. Non servono a nulla. La cosa che faccio è prima di tutto ascoltare e far di tutto per esser per loro “volto di Cristo” che non giudica ma ama. E non devo mai dimenticare che io non sono certo immune dalle fatiche della relazione umana e non ho nessun merito per sentirmi al di sopra. Sembra banale, ma credo che solo con il non-giudizio e la comprensione si può non spegnere la fiducia nell’amore per chi sta vivendo il fallimento dell’amore.

L’importante è non rassegnarsi mai davanti ai fallimenti e non perdere la speranza che è possibile amare ancora, ed è possibile ricostruire anche le strade più disastrate.

Mi spiace che molti divorziati che hanno iniziato una nuova storia d’amore si sentano giudicati dai cristiani e soprattutto da noi pastori. Se vogliamo educare all’amore eterno non dobbiamo dimenticare che questo amore si insegna con l’amore stesso e non con il dito puntato e l’emarginazione. Questo discorso vale ovviamente anche per le tante coppie che vivono relazioni che sono fuori dalle nostre consuetudini ecclesiali, ma non per questo sono necessariamente maligne e false. Penso a chi sceglie una convivenza senza matrimonio o alle coppie omosessuali.

“L’uomo non divida quello che Dio ha congiunto...”. Non creiamo dunque separazioni tra di noi, e non mettiamo tra noi e gli altri un muro di giudizio e condanne. Dio in Gesù si è unito con l’umanità fino a formare una sola carne. In questo troviamo la strada per insegnare l’amore, un amore oltre le fragilità, che non sono solo di pochi, ma che in fondo abbiamo tutti.

Clicca qui per lasciare un commento.

 

Ricerca avanzata  (44043 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: