PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento su Marco 2,18-22

Casa di Preghiera San Biagio FMA  

Lunedì della II settimana del Tempo Ordinario (Anno I) (19/01/2009)

Vangelo: Mc 2,18-22 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Dalla Parola del giorno

Possono forse digiunare gl’invitati a nozze quando lo sposo è con loro? Finché hanno lo sposo con loro, non possono digiunare. [...] Nessuno versa vino nuovo in otri vecchi, altrimenti il vino spaccherà gli otri e si perdono vino e otri, ma vino nuovo in otri nuovi.

Come vivere questa Parola?

La gioia della novità cristiana è legata a una realtà costantemente da approfondire: l’unione del cuore, della vita a Gesù, lo Sposo. Ecco, i discepoli di Giovanni e i farisei stavano facendo un digiuno, cioè si preoccupano di cose da aggiungere alla vita, come se fossero queste aggiunte ad onorare Dio, a dare pienezza alla vita. Invece in Gesù è la sua vita stessa che diventa sacrificio di pura offerta al Padre. “Nei giorni della sua vita terrena - leggiamo oggi nella lettera agli Ebrei - offrì preghiere e suppliche con forti grida e lacrime”. Non è stata un’esistenza facile quella di Gesù. Però ciò che ha vissuto e sofferto, giorno dietro giorno, e soprattutto nella Passione, Lui non ha esitato a offrirlo. Senza aggiunte ritualistiche, ma con la forza della preghiera, dentro il proprio dramma trasfigurato dalla consegna offertoriale al Padre, solo per amore.

La novità: vino nuziale nuovo, che necessariamente richiede di essere messo in “otri nuovi”, cioè in strutture e modi d’essere sempre rinnovati, sta qui. Non è il molto ‘fare’, ma l’autentico ‘essere’ offerto e consegnato a Dio con tutto l’amore insieme a Gesù, Sposo della nostra vita. Questo è ciò che conta e fa nuovo il mio cuore e il mondo dove vivo.

Oggi, nella mia pausa contemplativa, riposo il cuore alla presenza di Gesù. Dentro qualsiasi vocazione, lo riconosco Sposo profondo della mia vita profonda. Chiedo che gioia e fatica di questo mio giorno siano offerte (forse anche gridate) con Lui al Padre, in totale novità di fede e abbandono. Prego con umile fiducia:

Signore mi fido di te, mi affido nelle tue mani.

Parole di un monaco

Dialogare sempre meglio con le altre confessioni cristiane, imparare a cogliere le opportunità e la grazia feconda che ci viene dalle nuove realtà di evangelizzazione. Ci è richiesta un’umiltà autentica per guardare con l’occhio sempre nuovo della dinamica dell’Incarnazione.
Benedetto Calati

 

Ricerca avanzata  (43953 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: