PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Commento Luca 1,26-38

mons. Ilvo Corniglia

Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria (08/12/2007)

Vangelo: Lc 1,26-38 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 1,26-38

In quel tempo, 26l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, 27a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 28Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».

29A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 30L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

34Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». 35Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. 36Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37nulla è impossibile a Dio». 38Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

La festa di Maria che oggi celebriamo si colloca opportunamente nel tempo di Avvento. Infatti, se "Avvento" significa la prima venuta storica di Gesù, Maria non solo l'ha attesa insieme al suo popolo, ma l'ha preparata e resa possibile: è, appunto, la Madre del Salvatore promesso e atteso. Se poi l' "Avvento" dice l'ultima venuta di Cristo - quando egli porterà la liberazione e la salvezza definitiva -, Maria, che è già nella gloria, anticipa quel futuro che la Chiesa aspetta. Maria è già ora quello che la Chiesa sarà, quando il suo Signore verrà.

Oggi la Chiesa, l'intera famiglia dei figli di Dio, si stringe attorno a lei nel celebrare un privilegio eccelso che il Signore le ha concesso: l'Immacolata Concezione. Nel 2008 ricorrerà il 150° anniversario delle apparizioni della Vergine a s. Bernardette nella grotta di Massabielle a Lourdes. All'umile fanciulla Maria si presentava come "l'Immacolata Concezione". Erano passati appena 4 anni dalla definizione dogmatica dell'Immacolata Concezione, compiuta dal beato Pio IX (8 dicembre 1854).Come possiamo intendere questo straordinario dono di Dio a Maria? L'umanità, all'inizio del suo cammino, ha fatto naufragio nel rapporto con Dio: i primi uomini, lasciandosi ingannare dal Maligno, hanno rifiutato il Signore rompendo l'alleanza con Lui (Gn 3, 9-20: I lettura). Con la loro colpa hanno trascinato nello stato di lontananza da Lui anche i loro discendenti. Hanno perduto il bene supremo dell'amicizia con Dio per sé e per noi. Come in una famiglia, quando i genitori fanno una scelta sbagliata, le conseguenze ricadono anche sui figli. Così, ogni uomo nasce con questa tragica eredità. Dio, però, nel suo amore misericordioso ha promesso fin dall'inizio la vittoria dell'umanità sul male (cfr. ancora I lettura) e ha poi inviato il Salvatore, figlio di una vergine (cfr. il Vangelo): Gesù col suo sacrificio ha liberato gli uomini dal peccato che li teneva schiavi lontano da Dio e li ha riportati in braccio al Padre. Tutto questo, però, si realizza per ognuno nella misura in cui si unisce a Gesù nella fede e nei Sacramenti. E' la realtà della Redenzione. Maria anche lei è stata redenta da Cristo. Ma in modo unico e specialissimo: è stata liberata dal peccato in modo "preventivo", cioè preservata dall'esperienza stessa del peccato. Noi tutti siamo stati liberati e tratti fuori per pura grazia dallo stato di inimicizia e lontananza da Dio. Maria è stata trattenuta dal precipitarvi. Non fu tirata fuori dal fango come noi, ma fu preservata dal cadervi. In lei rifulge, così, maggiormente l'opera della grazia di Dio. Maria è la prima redenta, redenta in modo sublime e singolare. La redenzione compiuta da Gesù ha operato in lei in anticipo. Abbiamo l'unico caso nella storia in cui la morte di un figlio ha determinato la salvezza della propria madre prima ancora che essa nascesse. Un figlio che "preesiste" alla madre e se la sceglie come vuole...

"Immacolata Concezione": fin dal primo istante in cui Maria ha cominciato a esistere nel grembo di sua madre, è stata tutta di Dio, avvolta dal suo amore, senza che il peccato potesse mai sfiorarla né allora né in seguito. "Immacolata" significa di per sé che è libera da ogni "macchia". Il peccato è concepito come una macchia che deturpa la persona in suo potere. In realtà, il peccato è soprattutto negazione del rapporto con Dio e con gli uomini; è tradire Dio; è voltargli le spalle, chiudendosi nel proprio egoismo. L' "Immacolata", allora, va intesa la "senza macchia", la "tutta bella", ma proprio perché è il contrario del peccato in tutte le sue espressioni. E' cioè la creatura che appartiene a Dio nella forma più intensa ed esclusiva. La sua relazione con Dio è la più alta e vertiginosa che si possa pensare, dopo la relazione che lega fra loro le persone della Trinità. E' soprattutto il contenuto positivo che è importante cogliere nel termine "Immacolata":

- la "tutta santa". E' il titolo con cui abitualmente è chiamata Maria nella Chiesa d'Oriente, mentre noi preferiamo dire "la Madonna".

-la "piena di Spirito Santo", che la rende tutta amore e le suscita incessantemente nel cuore l' "Eccomi, sono la serva del Signore!": tutta sì a Lui, tutta sua e tutta nostra; tutta bellezza, fascino, splendore, limpida trasparenza di Dio.

-la "piena di grazia". Così nel Vangelo di oggi. In questo brano ci limitiamo a considerare le prime battute del dialogo tra l'Angelo e Maria. Maria riceve il "Vangelo", cioè la buona notizia dell'evento inaudito che l'amore di Dio sta per compiere in favore degli uomini. Per questo la prima parola che Dio rivolge a Maria è un invito alla gioia: "Rallegrati!". Cioè non puoi non essere felice, hai tutti i motivi per esultare. A questo invito segue un nome nuovo che Dio dà a Maria e quasi definisce la sua identità: "piena di grazia"= ricolmata di ogni grazia e favore da parte di Dio, amata da Lui in modo superlativo e fuori misura, trasformata dal suo amore gratuito e resa accetta a Lui, immensamente piacevole, piena di Dio, fino a traboccarlo. "Il Signore è con te". Il Dio infinitamente buono e potente le assicura la sua vicinanza, la sua presenza intima. Questa prossimità di Dio a Maria, quest'amore di Dio a Maria a quando risale? Non l'avvolge soltanto nel momento in cui essa riceve l'annuncio dell'Angelo, ma molto prima: nell'istante del suo concepimento Dio si dona a lei e l'abbraccia con una tenerezza infinita. Anzi, prima ancora, perché da sempre Dio l'aveva pensata, sognata, scelta e preparata come un autentico capolavoro della sua sapienza e del suo amore. E Dio non ha ancora finito di stupirsi per quello che ha operato in Maria. Non lavoro di fantasia se immagino Dio che non si stanca di contemplarla, sorpreso e incantato davanti all'opera che gli è perfettamente riuscita. Il nostro stupore gioioso davanti a Maria condivide quello di Dio stesso. Maria è la creatura perfettamente realizzata nella quale l'umanità raggiunge ed esprime il meglio di sé. E' il "fiore dell'umanità" e di tutto il creato. L'umanità, nella sua storia di luci e di ombre, di miserie e di fallimenti, è come un immenso stelo che però fiorisce in Maria. Questo fiore con la sua umile bellezza affascina lo sguardo di Dio, che - come attratto e sedotto - si piega su di lui. Questo fiore diventa, allora, un frutto: "il frutto benedetto del tuo seno, Gesù". Il sogno di Dio nel creare l'uomo a sua immagine finalmente si realizza. Dio ricomincia da Maria, inizio della nuova umanità. Concedendo a Maria questo privilegio singolare, il Signore non ha voluto soltanto prepararla a essere "degna Madre del suo Figlio". Ma ci assicura anche che quanto ha fatto per lei vuol farlo anche per noi, per la Chiesa, per tutti gli uomini.

E' quanto ci richiama la II lettura (Ef. 1, 3-6. 11-12): una "benedizione", cioè un canto entusiasta e riconoscente che la comunità cristiana in forma corale innalza a Dio. Il motivo della lode? Egli "ci ha benedetti...ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati nella carità, predestinandoci a essere per lui figli adottivi mediante Gesù Cristo". "Santi",che cioè gli appartengono, sono suoi. "Immacolati": in modo integro, limpido, senza macchia né ruga "di fronte a lui": in una relazione immediata con Lui. "Nella carità": l'espressione - che pare si debba congiungere con "ci ha scelti" o anche con "predestinandoci..." - dice che il disegno di Dio in nostro favore è spiegato esclusivamente dal suo amore, è pura grazia. In Maria "santa e immacolata" Dio ha attuato in anticipo questo suo progetto di salvezza riguardante l'intera umanità. Come lei, primizia e figura della Chiesa, anche noi "santi e immacolati". Il nostro Battesimo è in qualche modo la nostra "Immacolata Concezione". Lo è pure quel "nuovo Battesimo" che è il sacramento della Riconciliazione. In questi sacramenti Dio ci rinnova e ci rende simili a Maria. "Abbiamo contemplato, o Dio, le meraviglie del tuo amore" (sal. resp.). Meraviglie compiute in lei, e anche in noi. Lei è come la "forma", lo "stampo" di cui il Signore si serve per plasmare anche noi in modo da renderci "altri lei", copie vive della Madre sua e nostra.

Il segreto perché ciò accada? Contemplarla. Così sentiremo nascere nel cuore la nostalgia di una bellezza intatta, non torbida, ma insieme anche la fiducia, sebbene ci vediamo tanto distanti da lei: Dio può prendere uno straccio da una pozzanghera e farne un abito da sposa. Invocarla e imitarla nell'amore. Maria, infatti, è bella perché ama, è solo amore, è tutta amore.

Chiediamo ogni tanto a Gesù: riesci a vedere in me tua madre? In che cosa le assomiglio? Proviamo anche a pensare che cosa ci potrebbe rispondere Gesù.

 

Ricerca avanzata  (40745 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: